Immagine Meteo e Clima in Provincia di Catanzaro
La provincia di Catanzaro con una superficie di 2.391 km² occupa il 15,9% del territorio della Calabria e la parte centrale della regione. Confina ad ovest... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine GFS 24h Snow Italia
GFS 24h Snow, la neve attesa in termini di accumulo nelle 24 ore precedenti previsto dal modello... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Perugia (WRF)
Meteogramma atteso per Perugia. E' una previsione messa in uno schema grafico/temporale con... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Bologna (Bologna)
Webcam Bologna (BO), capoluogo della regione Emilia Romagna. Panorami vari.
Immagine Radar ARPAL Liguria
Mappa Radar a cura dell'
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...

Uragani e Tifoni: quanto durano e fino a dove possono spingersi?

Uragani e Tifoni: quanto durano e fino a dove possono spingersi?

Esempio di un lungo e duraturo tracciato di un tifone (John, 1994)Come sappiamo, tifoni e uragani sono il medesimo fenomeno, ma la "nomenclatura" suole nominare i primi quei cicloni tropicali che si formano sull'Oceano Pacifico, mentre i secondi sull'Oceano Atlantico. Non ce ne vogliano comunque i "puristi" se qualche volta utilizzeremo il termine uragano come "generico". Ne abbiamo parlato diffusamente in altre occasioni di uragani, anche per quanto riguarda l'aumento (o no) della loro frequenza e/o intensità e il loro monitoraggio satellitare.

Ci si potrebbe però chiedere quanto a lungo possa durare un uragano o un tifone e fino a che punto può salire di latitudine. La divisione di ricerca sugli uragani della NOAA ha "scavato" nel database storico degli uragani proprio per scovare questo tipo di informazioni. L'HRD (Hurricane Research Division) avverte tuttavia che le tracce storiche precedenti all'avvento dei satelliti negli anni '60 potrebbero essere sottovalutate sia nella lunghezza che nel tempo.

Il tifone John è il leader globale della longevità e della distanza. Nell'agosto del 1994, John divenne un uragano nell'Oceano Pacifico orientale. Successivamente si è intensificato per arrivando allo status di Categoria 5 a sud delle Hawaii. Da lì, ha continuato a "vivere". Una volta che John ha attraversato l'International Date Line, è diventato noto come Typhoon John, dopo di che si è fermato, ha eseguito una specie di tornante mentre si indeboliva, per poi proseguire ancora verso nord-est oltre la linea di data per diventare nuovamente l'uragano John. In totale, John trascorse 30 giorni come ciclone tropicale, viaggiando per 13.200 chilometri, più del doppio della distanza tra Tampa, in Florida, e la città più settentrionale d'America, Utqiagvik - precedentemente nota come Barrow - Alaska.

L'uragano più mortale mai registrato a Porto Rico è stato anche il ciclone tropicale atlantico di più lunga durata. Stiamo parlando di San Ciriaco, del 1899, che seguì un sentiero a forma di C dal sud-ovest delle isole di Capo Verde attraverso le Piccole Antille, Porto Rico, Hispañola, Bahamas e la parte orientale del Nord Carolina prima di intraprendere un percorso sinuoso sull'Oceano Atlantico settentrionale. L'uragano è stato ciclone tropicale per 27,75 giorni, secondo la NOAA HRD.

Affinché un ciclone tropicale possa durare così a lungo, i venti in quota devono spostarlo più lentamente possibile sull’oceano, riducendo al minimo l'interazione con la terra. Fattori limitanti per la longevità del ciclone tropicale sono le grandi distese di suolo, la transizione a ciclone post-tropicale dopo essere stati catturati dalla corrente a getto, o quando si dissipano a causa di aria secca o forti  venti. I cicloni tropicali che invece "serpeggiano", possono insistere per giorni quando i venti che li trasportano sono deboli e cambiano continuamente direzione. Un altro esempio di longevità in Atlantico è stato l'uragano Ginger del 1971. Ginger ha prima tracciato verso est-nord-est prima di compiere un "giro" di 180 gradi a est delle Bermuda e ripercorrendo parte del suo tracciato precedente prima di proseguire verso la costa della Carolina del Nord.


L'uragano Nadine del 2012, quarto nella lista di longevità atlantica, si trovava in una posizione caratterizzata da continui cambiamenti di rotta, vicino alle Azzorre nell'Oceano Atlantico orientale, e alla fine trascorse 22 giorni come ciclone tropicale. La sua storia traccia qualcosa di simile a quello che un bambino potrebbe scarabocchiare.

Il campione di distanza dell'Atlantico risale agli anni '60 - l'uragano Faith divenne per la prima volta una depressione tropicale appena al largo dell'Africa occidentale il 20 agosto 1966. Dopo aver percorso 12.700 chilometri, Faith concluse il suo viaggio come un ciclone tropicale il 6 settembre vicino alle Isole Faroer a nord della Scozia. L'HRD del NOAA ha rilevato che la longevità media di un ciclone tropicale dell'Atlantico è di 5,8 giorni, viaggiando in media di 2.800 chilometri.

Jonathan Erdman è un meteorologo esperto di weather.com, un incurabile fanatico del tempo (dal momento che un tornado ha distrutto la sua casa d'infanzia in Wisconsin all'età di 7 anni) e un contribuisce a The Weather Channel Podcast.

A cura di Dario De Santis
Fonte: wunderground.com

diavolo di polvere in Arizona


Stampa