Immagine Radiosondaggi di Bolzano (WRF)
Radiosondaggi per Bolzano. Sono previsti dal modello wrf-nmm
Immagine WRF AP (tuscia-orvietano)
Modello WRF con la mappa tuscia-orvietano dell'AP (acqua precipitabile o precipitable water)... Leggi tutto...
Immagine Gfs 700hPa VVert (Wz)
Mappa all'altezza geopotenziale di 700h con la rappresentazione delle velocità verticali (hPa/h)
Immagine Webcam - Torino (Torino)
Webcam Torino, panorama dello splendido capoluogo della regione Piemonte. Su Centrometeo solo... Leggi tutto...
Immagine Meteosat. Italia. Canale: VIS (visibile)
Immagine dell'Italia nel canale visibile (VIS) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di... Leggi tutto...
Immagine A proposito di variazioni climatiche
La storia della terra racconta di variazioni climatiche di eccezionali proporzioni verificatesi per... Leggi tutto...
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Maggio
Proverbi e detti popolari del mese di Maggio. Né di Maggio né di maggione, non ti levare il... Leggi tutto...

Microclima e curiosità: una Stella Alpina a 300 metri sul livello del mare!

Una splendida stella alpina

Microclima e curiosità: una Stella Alpina a 300 metri sul livello del mare!


Pur essendo cittadino bergamasco da almeno una quindicina anni e aver girato buona parte della provincia tra deliziosi laghetti, creste montuose e fotografando fiori di ogni specie, non mi sarei mai "aspettato" che un fiore come la Stella Alpina l'avrei "ritrovata" a quote impensabili.

Ci troviamo nel comune di Solto Collina, nell'alto Sebino, ad una quota media di 360 metri sul livello del mare.

La "
Valle del freddo" è un'area naturale protetta lunga non più di seicento metri, caratterizzata dalla presenza di tre depressioni, simili a doline.

La sua origine risale almeno a 15000 anni fa, ed al suo "interno" ospita oltre 30 specie vegetali, con caratteristiche prettamente di alta montagna.
 

Qui a 360 metri di altezza possiamo ammirare rododendri, stelle alpine, fiori normalmente che ritroviamo oltre i 1700 metri di quota.

Come può accadere?

Tutto ciò avviene in una particolare e complessa struttura del terreno. Durante l’inverno nel sottosuolo si formano grossi blocchi di ghiaccio.

In estate l’aria passa attraverso questi blocchi e fuoriesce da una serie di buche a temperatura bassissima (2-4 gradi).

La zona può quindi considerarsi una specie di grande “frigorifero naturale”, dove sopravvivono anche in estate specie vegetali abituate a climi freddi.

Possiamo affermare senza "ombra di dubbio" che la Riserva Naturale della Valle del Freddo è un fenomeno naturale unico e di valore scientifico impareggiabile.

Consiglio una visita in questo luogo delizioso, dove la Natura vi sorprenderà.Ringrazio per le informazioni il sito soltocollina.com, area3v.com

La Riserva Valle del Freddo


Fabio Porro