Immagine
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e di... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Previsioni meteo Liguria - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Liguria. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Liguria 24h - Mappe grafiche riassuntive delle 24 ore
Le previsioni meteo sulla regione Liguria per i prossimi giorni. In queste mappe è disponibile il... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Colonnetta di Fabro (Terni)
Webcam presso la località di Colonnetta di Fabro, in provincia di Terni...
Immagine Webcam - Porto San Giorgio (Fermo)
Webcam Porto San Giorgio, in provincia di Fermo (FM), regione Marche. Panoramica sul mare.
Immagine L’OROSCOPO DEL TEMPO
L’ondata di caldo che inizierà oggi è comparsa tra le soluzioni calcolate dai modelli numerici... Leggi tutto...
Immagine Inverno 2020: il più caldo mai registrato senza un super El Niño
L'inverno 2020 è stato il secondo più caldo, secondo il NOAA, ma sarebbe ancora più alto se non... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

NASA: un grande asteroide nel 2029 passerà più vicino alla Terra di alcuni satelliti

NASA: un grande asteroide nel 2029 passerà più vicino alla Terra di alcuni satelliti

Distanza stimata tra l'asteroide di Apophis e la TerraIl 13 aprile 2029, secondo la NASA, un asteroide più grande di una portaerei passerà sulla Terra a circa 30.000 chilometri sopra la superficie. È più vicino di alcuni dei satelliti in orbita attorno al nostro pianeta.Ma non preoccupatevi. La NASA afferma che le osservazioni hanno completamente escluso la possibilità che l'asteroide, noto come Apophis 99942, colpisca la Terra nel 2029.

Comunque ciò non rende i ricercatori meno interessati a questo, infatti in una sessione della 2019 Planetary Defense Conference a College Park, nel Maryland, gli scienziati discuteranno su come sfruttare l'asteroide che si troverà nelle nostre vicinanze. "L'approccio ravvicinato dell'Apophis nel 2029 sarà un'incredibile opportunità per la scienza ", ha detto in un comunicato stampa Marina Brozović, scienziato radar del Jet Propulsion Laboratory della NASA. "Osserveremo l'asteroide con entrambi i tipi di telescopi, ottici e radar.

Con le osservazioni radar, potremmo essere in grado di vedere dettagli superficiali di pochi metri ", ha detto Brozović, che lavora su osservazioni radar di oggetti vicini alla Terra (NEO). In figura la distanza tra l'asteroide di Apophis e la Terra al momento dell'approccio più vicino all'asteroide. I punti blu sono satelliti che orbitano attorno al pianeta. Il rosa rappresenta la Stazione Spaziale Internazionale.Apophis è stimato di circa 460 metri di lunghezza e 167 di larghezza . È insolito che un asteroide di quelle dimensioni passi così vicino alla Terra, secondo la NASA. Gli asteroidi che volano a quella distanza tendono ad essere larghi dai 4 ai 9 metri.


"Apophis è un rappresentante di circa 2.000 asteroidi potenzialmente pericolosi attualmente noti", ha detto Paul Chodas, direttore del Centro per gli studi sugli oggetti della Terra del JPL. "Osservando Apophis durante il suo sorvolo del 2029, acquisiremo importanti conoscenze scientifiche che un giorno potrebbero essere utilizzate per la difesa planetaria".Apophis è chiamato come un dio serpente egiziano che rappresenta l'oscurità, il caos e la distruzione.

L'asteroide sarà visibile a occhio nudo in Australia. Attraverserà l'Oceano Indiano e, verso le 6 pm EDT, sorvolerà l'Oceano Atlantico e si sposterà attraverso gli Stati Uniti.La NASA dice che Apophis ha ancora una piccola possibilità - meno di 1 su 100.000 - di colpire la Terra, ma le future osservazioni sulla sua posizione dovrebbero escludere qualsiasi possibile impatto, secondo l'agenzia spaziale. In ogni caso, non bisogna in generale abbassare la guardia, come avverte la NASA: prima o poi infatti un asteroide potrebbe colpire di nuovo la Terra e dobbiamo essere pronti...

A cura di Dario De Santis
Fonte: weather.com

Stampa