Immagine Webcam - Paola (Cosenza)
Panorama sul Lido di Paola, in provincia di Cosenza, regione Calabria.
Immagine Analisi Inverno 2016: il caso di Milano Sud
Analisi Inverno 2016: il caso di Milano Sud. Uno studio a cura di Davide Santini.
Immagine L'ingresso freddo del 10 Ottobre 2013
L'ingresso freddo del 10 Ottobre 2013, nel racconto, sempre preciso e puntuale, del nostro segugio... Leggi tutto...
Immagine Meteo Lunedì Italia
Meteo Italia Lunedì, le previsioni del tempo con mappe e simboli riassunte per un'immediata... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Milano
Meteo e Clima in Provincia di Milano, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (AISAM)
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
I Libri di Guido Caroselli: Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute...
Banner Radiorete

Un'enorme Luna al di fuori del nostro sistema solare (forse)

Un'enorme Luna al di fuori del nostro sistema solare (forse)

Una Luna extra Sistema SolareMentre ci sono molti pianeti che sappiamo esistere al di fuori del nostro sistema solare, una luna in orbita di uno di loro deve ancora essere confermata. Ma una coppia di ricercatori della Columbia University avrebbero portato alcune prove. La luna (potenziale) sarebbe considerevolmente più grande della Terra - delle dimensioni di Nettuno o di Urano. Il pianeta attorno a cui orbita è grande come il gigantesco Giove. Questo apparente accoppiamento in "super dimensioni" di una luna e un pianeta gassosi si troverebbe a 8.000 anni luce di distanza da noi. I ricercatori Alex Teachey e David Kipping hanno valutato 284 pianeti al di fuori del nostro sistema solare che erano già stati scoperti dal Kepler Space Telescope della NASA. Ma solo uno di loro prometteva di ospitare una luna, una attorno alla stella conosciuta come Kepler-1625, che ha all'incirca le dimensioni del nostro sole, ma più antica.

Così, lo scorso ottobre (2018), la coppia ha diretto l'Hubble Space Telescope sulla stella nel tentativo di verificare - o escludere - la possibilità che una luna orbiti attorno al pianeta Kepler-1625b. Stavano cercando un secondo oscuramento temporaneo della luce delle stelle. La principale attenuazione nella luminosità stellare sarebbe il pianeta stesso che attraversa la sua stella davanti alla nostra visuale. Ma un altro segnale di questo tipo potrebbe essere una sua luna. Il telescopio Hubble, più potente e preciso, ha rilevato infatti un secondo e minore decremento della luce stellare di 3 ore e mezza dopo che il pianeta era passato davanti alla stella. Il periodo di osservazione, tuttavia, è terminato prima che la luna potesse completare il suo transito. Ecco perché gli astronomi hanno bisogno di un'altra verifica con Hubble, si spera nella prossima primavera. Nonostante le prove, Teachey ha sottolineato "stiamo sollecitando cautela "."Il primo exomoon è ovviamente una richiesta straordinaria e richiede prove straordinarie", ha detto Teachey. "Inoltre, le dimensioni che abbiamo calcolato per questa luna, delle dimensioni di Nettuno, sono state a malapena previste e anche in questo caso è necessario fare attenzione." Se davvero fosse una luna, sarebbe a circa 2 milioni di miglia dal suo pianeta e apparirebbe due volte più grande nel suo cielo, come fa la luna nel nostro. Gli astronomi sono incerti su come questa potenziale luna potrebbe essersi formata, date le sue dimensioni. "Se confermata, questa scoperta potrebbe scuotere completamente la nostra comprensione di come si formano le lune e di cosa possono essere fatte", ha detto in una dichiarazione il capo della missione scientifica della NASA, Thomas Zurbuchen.


Secondo i ricercatori, un'altra prova convincente a favore di una luna è che il pianeta sarebbe passato davanti alla sua stella più di un'ora prima del previsto. Solo una luna poteva causare quel tipo di "tracciato", incerto e "traballante". Kipping ha detto che è proprio come la Terra e la Luna apparirebbero da lontano. Questo particolare pianeta - o esopianeta - si trova all'incirca alla stessa distanza dalla sua stella come la Terra lo è dal Sole. Un altro pianeta potrebbe causare la stessa spinta gravitazionale, hanno osservato i ricercatori, anche se le osservazioni di Keplero si sono rivelate nulle a tale riguardo. Kepler-1625b è l'unico pianeta trovato finora intorno a questa stella. Per Teachey e Kipping, la spiegazione migliore e più semplice dunque è che Kepler-1625b abbia una luna. "Abbiamo fatto del nostro meglio per escludere altre possibilità", ha detto Kipping ai giornalisti. "Ma non siamo riusciti a trovare altre singole ipotesi che possano spiegare tutti i dati che abbiamo." Le loro scoperte sono state pubblicate sulla rivista Science Advances. Il vicedirettore della rivista, Kip Hodges, ha elogiato i ricercatori per il loro tono cauto, dato il difficile e complicato processo di identificazione di un exomoon."Se questa scoperta resisterà ad un ulteriore scrutinio di osservazioni, rappresenterà una pietra miliare nel campo dell'astronomia", ha detto Hodges. Gli astronomi della Columbia hanno affermato che potrebbero essere in grado di raggiungere questo obiettivo già dal prossimo anno, con una nuova osservazione di Hubble. Nel frattempo, stanno incoraggiando altri scienziati ad aderire e ad abbracciare l'esame che sicuramente verrà. Sia confermato o meno, il soggetto offre informazioni su quanto sia raro - o quanto comune - il nostro stesso sistema solare. I satelliti sono abbondanti nel nostro sistema solare, con quasi 200. Degli otto pianeti nel nostro sistema solare, solo Mercurio e Venere non ne hanno. Dato che sia il pianeta che la sua luna potenziale sono giganti gassosi, nessuno suggerisce condizioni che potrebbero sostenere la vita. "Ma andando avanti, penso che stiamo aprendo le porte anche alla ricerca di mondi del genere", ha detto Teachey.

A cura di Dario De Santis
Fonti: Weather.com