Immagine La Tempesta del Secolo, Stati Uniti, 1993
Innevò una delle aree più grandi mai registrate. Colpì più di 100 milioni di persone negli Stati Uniti orientali per un periodo di quattro giorni, dal 12... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Tutto sulla Forza di Coriolis: gli aspetti matematici
Nell'articolo "" abbiamo affrontato l'argomento in modo descrittivo, per capirne i meccanismi che... Leggi tutto...
Immagine FINE SETTIMANA CON MALTEMPO MOLTO GRAVE AL NORD-OVEST
Una delle regole più importanti della buona informazione meteorologica è quella di stare... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Genova
Modello americano GFS con spaghetti Ensemble. Geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa. La... Leggi tutto...
Immagine WRF TT-SWEAT (centro-sud) - ARW
Mappa, Centro-Sud Italia, del modello WRF-ARW con altri due classici indici termodinamici: il Total... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Inizio stagionale instabile e fresco: più stabile verso il prossimo fine settimana

Sabato 01 Marzo 2014 00:00

Inizio stagionale instabile e fresco: più stabile verso il prossimo fine settimana


La stagione invernale si è congedata da un solo giorno (ricordiamo che ufficialmente la primavera meteorologica si fa iniziare il primo Marzo), ed il bilancio non è del tutto positivo.Il freddo si è mantenuto molto distante dalla nostra Penisola, preferendo di gran lunga gli Stati Uniti, a più riprese, e mantenendo per la maggior parte della stagione un trend più autunnale che invernale.Il Vortice Polare non ha subìto grossi "scossoni", ed i suoi "splittamenti" sono andati a buon fine solo negli Stati Uniti, con delle sferzate gelide per buona parte della stagione invernale. Con pochi scambi meridiani (cioè nord-sud) le depressioni atlantiche hanno "governato" il tempo per l'intera stagione, consegnandoci un inverno dai connotati, come dicevamo, sostanzialmente autunnali.Le incursioni fredde sono state molto latitanti e hanno preferito principalmente la regione balcanica, lasciando solo degli scampoli freddi alla nostra Penisola.


Nel corso di questo fine settimana, la depressione islandese, principale "motore" dell'Europa, invierà un nuovo impulso di aria polare marittima, con neve fino a quote molto basse.Una secondo impulso instabile, raggiungerà la nostra Penisola già nella giornata di Lunedì 3 Marzo, apportando nuove precipitazioni dapprima al nord, in trasferimento alle regioni centrali e alla Sardegna.In serata i fenomeni si estenderanno verso le regioni tirreniche meridionali e la Sicilia.Le giornate di Martedì 4 e Mercoledì 5 Marzo, saranno condizionate da una spiccata instabilità al Centro Sud e nelle due Isole Maggiori, mentre al Nord avremo tempo migliore sul settore ovest, sul Triveneto invece vi saranno nuovamente precipitazioni sparse.ovest potrebbe essere al "riparo" dal calo termico, grazie ai venti di di foehn, con un rialzo termico di almeno 1-2°C.Nel resto della Penisola il calo termico sarà più significativo tra regione adriatiche ed est Sardegna.

Dal prossimo fine settimana, le condizioni meteorologiche miglioreranno ovunque grazie al rinforzo dell'Alta pressione delle Azzorre.L'aumento di pressione e geopotenziale sull'ovest dell'Europa, confermato da buona parte dei run previsionali, potrebbe per alcuni giorni bloccare il flusso perturbato atlantico, consegnandoci per alcuni giorni un po' di stabilità e temperature miti.

Pressione atmosferica prevista per il 7 Marzo 2014


Fabio Porro

Stampa