Immagine WRF Thom Index (ita)
Le mappe del disagio percepito dalla popolazione secondo l'indice di Thom. Distribuzione del Thom index nella carta dell'Italia intera.

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
Finalmente il libro sul Generale Andrea Baroni! Scritto dalla maestria della giornalista RAI... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? E' la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera infanzia.... Leggi tutto...
Immagine Le scie di condensazione: capirle e prevederle anche divertendosi
Le scie di condensazione: capirle e prevederle anche divertendosi. Lo spieghiamo qui. Perché chi... Leggi tutto...
Immagine Il clima dalla "R" di Romania alla "S" di Slovenia...
Il clima di Romania, Russia, Ruanda, Saint Kitts (Saint Christopher), Saint Lucia, Isole Salomone,... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Piombino (Livorno)
Webcam per Piombino, in provincia di Livorno, nella regione Toscana. Da noi solo le webcam più... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Martina Franca (Taranto)
Webcam Martina Franca, provincia di Taranto, nella splendida Puglia. Su Centrometeo solo webcam... Leggi tutto...

Inverno ancora latitante, Atlantico sempre più incisivo

Sabato 11 Gennaio 2014 00:00

Inverno ancora latitante, Atlantico sempre più incisivo


La stagione invernale da alcuni giorni è entrata nel secondo mese stagionale, ma il freddo rimane ancora lontano dalla nostra Penisola.Il mese di Dicembre si è contraddistinto dapprima da una fase anticiclonica, con termiche quasi primaverili sui rilievi, poi a ridosso delle Festività natalizie da un'acuta fase di maltempo, con neve sopra i 1700 metri di quota. Il mese corrente è stato inaugurato dalla presenza dell'ingombrante Alta pressione nord-africana, con temperature sempre sopra le medie stagionali, mentre l'Inverno quello "crudo" rimaneva confinato al di là dell'Oceano.

Perché la stagione invernale non "decolla", anche dopo tanti "annunci" dei modelli previsionali?La risposta si può tentare di avere analizzando la situazione nella stratosfera polare. E' da cui che ai primi di Dicembre è "partito" il primo raffreddamento nella stratosfera polare, indirizzato sopratutto al Canada e al Nord America, mentre come conseguenza dell'invasione gelida negli Stati Uniti, l'Europa si è dovuta nuovamente "accontentare" di una fase mite, ma nello stesso tempo assai piovosa. Il Vortice Polare (VP) nei prossimi giorni subirà un cedimento lato atlantico nord-orientale, favorendo il rinforzo di un'alta pressione a ridosso della Penisola Scandinava.L'Alta pressione scandiva inizierà a far defluire aria gelida sull'Europa dell'Est, ma non verso il nostro Mediterraneo. Difatti il vortice canadese in estensione dall'Atlantico verso il Mediterraneo avrà più possibilità rispetto alle correnti gelide, riportando altre perturbazioni verso la nostra Penisola, con termiche ancora un po' alte, e neve a quote collinari.


Le fasi di maltempo saranno due: la prima tra 14 e 15 Gennaio e la seconda a ridosso del prossimo weekend, tra Sabato 18 e Domenica 19 Gennaio. Il primo fronte atlantico "impegnerà" la nostra Penisola a partire dalla giornata di Martedì 14, con forti piogge su tutta la Penisola e tanta neve sui rilievi alpini.La seconda si "limiterà" ad interessare il Nord-ovest ed il medio-alto versante, mentre il resto del Paese sarà sotto un incisivo rischiamo sciroccale, con termiche di nuovo oltre le medie stagionali.Ahimè per lungo termine i maggiori centri di calcolo, tra cui l'americano GFS, propongono un ritorno a condizioni anticicloniche.La stagione invernale, stando queste ultime proiezioni, "giocherebbe" le sue carte, e anche il suo "jolly" solo dal mese di Febbraio.A conclusione del mio articolo vi allego due carte significative delle precipitazioni previste per la giornata di Mercoledì 15 e di Domenica 19 Gennaio.

Pressione e precipitazioni attese tra il 14 e il 15 Gennaio 2014

Pressione e precipitazioni attese tra il 18 e il 19 Gennaio 2014

Fabio Porro