Immagine Meteo e Clima in Provincia di Roma
La provincia di Roma (oggi Città metropolitana di Roma) copre quasi un 1/3 del territorio del Lazio. Occupa tutta la zona pianeggiante dell'Agro Romano e... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Radar area Trentino Alto Adige
Mappa Radar a cura di meteotrentino, area Trentino Alto Adige, con parte del Veneto.(Se la mappa... Leggi tutto...
Immagine METEOSAT | La Terra vista dallo Spazio
LaTerra vista dallo Spazio, da circa 36000 km di distanza. E' qui che si trova il satellite... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di L_Aquila (WRF)
Meteogramma atteso per la località de L'Aquila. Si tratta di una carta con l'andamento previsto... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 2m Diff (ita) - 8km NMM by GFS
In questa mappa del modello WRF-NMM-8km (dati GFS) sull'Italia, è rappresentata la differenza di... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Flusso atlantico sempre attivo, freddo ancora lontano? E Capodanno?

Venerdì 27 Dicembre 2013 00:00

Flusso atlantico sempre attivo, freddo ancora lontano? E Capodanno?


Dopo una lunga fase anticiclonica, con temperature miti oltre le medie stagionali, la stagione invernale si è ripresa un po' di spazi.Le forti precipitazioni di questi giorni, che hanno accompagnato il passaggio del virtuoso fronte atlantico, hanno riportato tanta neve in montagna, ma anche disagi e molti danni.Le temperature in questo primo mese invernale, salvo alcune gelate mattutine, si sono mantenute quasi sempre oltre le medie stagionali, e perfino sui monti di qualche grado di più, rispetto a quelle registrate in pianura (inversioni termiche).Anche in questo passaggio perturbato la neve si è mantenuta a quote medio-alte, a causa dell'afflusso di correnti umide da sud.Le schiarite saranno solo un breve intermezzo da un fronte e l'altro...

Già nel corso della notte, il cielo tenderà a coprirsi al nord, segno dell'arrivo di un nuovo fronte perturbato.Le piogge inizieranno dalla mattinata di Sabato 28 Dicembre, ad interessare la Liguria e le Alpi occidentali. Entro il pomeriggio-sera saranno coinvolte le regioni nord-occidentali, con neve tra 700-800 metri di quota.Mentre nella giornata di Domenica 29 Dicembre le prime schiarite si manifesteranno al nord-ovest, piogge e neve interesseranno il nord-est e le regioni tirreniche.Al sud pochi gli effetti precipitativi, salvo qualche rovescio tra Campania, Calabria tirrenica e nord Sicilia. Per quanto riguarda le temperature, non sono previste variazioni notevoli.


Per gli ultimi giorni del 2013, non avremo nessun cambiamento significativo. A parte una residua instabilità mattutina sulle regioni meridionali, l'ultimo giorno del 2013 trascorrerà all'insegna di tempo buono ovunque, con alcuni banchi nebbiose nelle pianure del nord, ma in un contesto termico non freddo.Nella notte del 1° Gennaio 2014 avremo un nuovo incremento nuvoloso, a causa dell'arrivo di un fronte atlantico.Il primo giorno del 2014 vedrà alcune deboli precipitazioni al nord, con quota neve attorno ai 500 metri. Fenomeni che andranno ad interessare successivamente la dorsale appenninica, con deboli precipitazioni nevose tra i 700-800 metri. Il sud rimarrà stavolta con sole e poche nubi.

Se l'Atlantico ha portato tante precipitazioni, il grande assente in questi giorni è il freddo.Le anomalie positive nel comparto balcanico e questa lunga fase meteorologica, dominata da un Vortice Polare ben compatto, non depone certamente per irruzioni gelide a medio termine.La circolazione nord-atlantica rimane molto attiva, e così anche l'attività del vortice islandese.Un cambiamento incisivo si potrebbe manifestare a partire dalla metà di Gennaio, con una spinta anticiclonica verso l'alto Atlantico.Un fronte di aria gelida di origine russo-siberiana, sarebbe convogliata verso il cuore del Mediterraneo, con "risvolti" gelidi anche per la nostra Penisola.

A completamento del mio editoriale, vi allego la mappa delle termiche previste dal modello GFS, per la giornata di Mercoledì 1° Gennaio (Valid: 12Z 01-01-2014).

Mappa GFS attesa per Capodanno 2014

Fabio Porro

Stampa