Immagine Satellite: uno scatto primaverile e molto didattico da non perdere
Satellite: uno scatto primaverile da non perdere e molto didattico sul Nord d'Italia...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Previsioni Meteo giuste o sbagliate... in che senso? La verifica delle performan...
Previsioni Meteo giuste o sbagliate... in che senso? Come analizzare le performances previsionali.
Immagine Meteo e Clima in America Settentrionale (USA)
Meteo e Clima in America Settentrionale (USA), le previsioni del tempo per molte località
Immagine WRF Cloud Type (sud)
Anche questa mappa (Sud) del modello WRF rappresenta le nubi, ma la loro tipologia (alte, medio,... Leggi tutto...
Stratosfera ECMWF | Geopotenziale e temperatura
Analisi e previsione della temperatura e dei geopotenziali della Stratosfera, modello ECMWF
Immagine Webcam - Saint Nicolas (Aosta)
Webcam in località Saint Nicolas, nel comune di Aosta, regione Valle D'Aosta...
Immagine Webcam - Trieste (Trieste)
Webcam Trieste, davvero splendido il panorama. Regione Friuli Venezia Giulia. Le migliori immagini... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Freddo in accentuazione: la stagione invernale gioca d'anticipo

Giovedì 07 Novembre 2013 00:00

Freddo in accentuazione: la stagione invernale gioca d'anticipo


La stagione autunnale ormai è giunta al "traguardo", con persistenti fasi di maltempo, a causa di saccature artiche. Saccature artiche che nei giorni scorsi, hanno colpito l'Europa, ma anche alcuni settori italiani.

Come sappiamo purtroppo la Sardegna in particolare è stata colpita in questi giorni da un'ondata di maltempo, con danni ingenti e perdite umane. Vere e proprie "bombe" d'acqua in poche ore, hanno rovesciato precipitazioni di mesi.

Ora una nuova saccatura artica è giunta nel Mediterraneo, accompagnata anche dall'ingresso di aria più fredda, dalla Valle del Rodano. Ecco così le nevicate su Alpi e Prealpi a quote molte basse. Il maltempo lo troveremo anche al centro-sud, e anche qui la neve cadrà a quote collinari o poco più. Inoltre tra Sabato e Domenica, si formerà una "goccia" fredda, con ulteriori fenomeni estremi e neve sull'Appennino settentrionale sino a 500 metri.


Nei giorni a seguire l'elevamento dell'Alta pressione oceanica, "incentiverà" una nuova saccatura artica, che avrà come "target" la Penisola Balcanica. Saranno questa volta i settori adriatici, dall'Emilia verso la Puglia, a sperimentare maggiormente la prima ondata gelida invernale (ma il freddo si farà sentire anche sulle restanti regioni). La neve cadrà sui rilievi a quote bassissime, perfino attorno ai 200 metri. Freddo che lascerà i settori adriatici, solo a partire da Sabato 30 Novembre, quando l'Alta pressione ritornerà a garantire giornate stabili e clima meno freddo.

Tempo stabile che, al momento in cui scriviamo, è visto proseguire sino ai primi giorni di Dicembre, prima di nuovi affondi artici. A completamento del mio editoriale, vi allego la mappa a 5000 metri, relativa alle pressioni e temperature a 850hPa, valida per Martedì 30 Novembre, con la "colata" fredda in evidenza...

Temperature e geopotenziale per il 26 Novembre 2013


Fabio Porro