Immagine WRF MSLP 12hPrec (nord)
Mappa Nord Italia del modello WRF NMM con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo precipitativo nelle 12 ore precedenti.
Immagine Meteo e Clima in America Centrale
Meteo e Clima in America Centrale, le previsioni del tempo per molte località
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Salerno
Meteo e Clima in Provincia di Salerno, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Il clima della regione Lazio
Il clima della regione Lazio e tabelle climatiche per alcune località...
Immagine Proverbi e detti popolari del mese di Gennaio
Proverbi e detti popolari del mese di Gennaio. L’uva di capodanno non portò mai danno... e tanti... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon. Gli estremi del passato...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande... Leggi tutto...
Banner Radiorete

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Freddo in accentuazione: la stagione invernale gioca d'anticipo

Giovedì 07 Novembre 2013 00:00

Freddo in accentuazione: la stagione invernale gioca d'anticipo


La stagione autunnale ormai è giunta al "traguardo", con persistenti fasi di maltempo, a causa di saccature artiche. Saccature artiche che nei giorni scorsi, hanno colpito l'Europa, ma anche alcuni settori italiani.

Come sappiamo purtroppo la Sardegna in particolare è stata colpita in questi giorni da un'ondata di maltempo, con danni ingenti e perdite umane. Vere e proprie "bombe" d'acqua in poche ore, hanno rovesciato precipitazioni di mesi.

Ora una nuova saccatura artica è giunta nel Mediterraneo, accompagnata anche dall'ingresso di aria più fredda, dalla Valle del Rodano. Ecco così le nevicate su Alpi e Prealpi a quote molte basse. Il maltempo lo troveremo anche al centro-sud, e anche qui la neve cadrà a quote collinari o poco più. Inoltre tra Sabato e Domenica, si formerà una "goccia" fredda, con ulteriori fenomeni estremi e neve sull'Appennino settentrionale sino a 500 metri.


Nei giorni a seguire l'elevamento dell'Alta pressione oceanica, "incentiverà" una nuova saccatura artica, che avrà come "target" la Penisola Balcanica. Saranno questa volta i settori adriatici, dall'Emilia verso la Puglia, a sperimentare maggiormente la prima ondata gelida invernale (ma il freddo si farà sentire anche sulle restanti regioni). La neve cadrà sui rilievi a quote bassissime, perfino attorno ai 200 metri. Freddo che lascerà i settori adriatici, solo a partire da Sabato 30 Novembre, quando l'Alta pressione ritornerà a garantire giornate stabili e clima meno freddo.

Tempo stabile che, al momento in cui scriviamo, è visto proseguire sino ai primi giorni di Dicembre, prima di nuovi affondi artici. A completamento del mio editoriale, vi allego la mappa a 5000 metri, relativa alle pressioni e temperature a 850hPa, valida per Martedì 30 Novembre, con la "colata" fredda in evidenza...

Temperature e geopotenziale per il 26 Novembre 2013


Fabio Porro