Immagine
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e di... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Nevicherà? Quota neve e metodi pratici di previsione
Nel raccontare e quale può essere la sua , cerchiamo di affrontare quali possono essere dei... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Rieti
La provincia di Rieti si trova a nord-est della regione Lazio. Confina a ovest, lungo il Tevere,... Leggi tutto...
Immagine Effetto serra e attività umane: come stanno le cose?
Dell'effetto serra, di cui si parla tanto e spesso a sproposito, quanto è causato dall'attività... Leggi tutto...
Immagine Nubi alte: cirri, cirrostrati, e cirrocumuli
Nubi isolate costituite da cristalli di ghiaccio minutissimi, che ne spiegano la particolare... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 2m Diff (ita - backup 2)
In questa mappa (secondo backup), modello WRF sull'Italia. E' rappresentata la differenza di... Leggi tutto...
Immagine WRF MTS (Mean Thunder Storm) e Hail Index (centro-sud)
Indice MTS (Mean ThunderStorm Index) per la previsione della probabilità dei fenomeni avversi e... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Fase autunnale instabile, poi molta incertezza dai modelli previsionali

Domenica 06 Ottobre 2013 00:00

Fase autunnale instabile, poi molta incertezza dai modelli previsionali


La stagione autunnale dopo tanta latitanza e rimandi si "affida" ad una profonda saccatura atlantica, riportando tanta pioggia su diverse regioni del Paese. La saccatura atlantica è penetrata nel Mediterraneo centrale, evolvendo subito in "goccia " fredda, o "Vortice Italico".La goccia fredda in queste ore sta causando fenomeni molto intensi, con numerosi allagamenti. Il Mediterraneo è ancora molto caldo in questa stagione, e rimane un buon "serbatoio" per accumuli precipitativi intensi, con generazione anche localmente di temporali, tornado e trombe d'aria.

Ad inizio settimana il vortice italico si attarderà sulla nostra Penisola almeno fino alla giornata di Giovedì 10 Ottobre, penalizzando nuovamente i versanti tirrenici ed il sud.Al nord la situazione andrà leggermente migliorando specie a partire da Martedì 8 Ottobre, mentre la circolazione depressionaria rimarrà attiva al centro-sud, accompagnata da "spunti" temporaleschi, localmente intensi. Al momento in cu iscriviamo da Giovedì 10 Ottobre i modelli previsionali vanno in "direzioni" differenti.Il prestigioso modello americano GFS "propone" per il prossimo fine settimana, il ritorno a condizioni di parziale maltempo, a causa dell''intrusione di una nuova saccatura atlantica.Mentre il modello inglese UKMO rilancia nuovamente un'evoluzione a medio termine "gelida".


Si tratterebbe di un "nocciolo" perturbato nel centro del vecchio Continente, in propagazione successiva verso la nostra Penisola.Il nord potrebbe già "sperimentare" le prime nevicate a quote medio-basse, evoluzione che nessun altro modello previsionale avvalla. Mediando fra i due modelli, la via d'uscita potrebbe essere una evoluzione di mezzo.L'Alta pressione sbilanciata verso nord-est, favorirebbe l'afflusso di correnti da est nei bassi strati in Val Padana, mentre al nord ovest arriverebbero solo alcuni corpi nuvolosi dall'Atlantico.

A completamento del mio editoriale, vi posto la mappa delle temperature a 5000 metri, previste per la giornata di Sabato 12 Ottobre, dal modello NAVGEM.

Mappa del modello NAVGEM per il 12 Ottobre


Fabio Porro


Stampa