Immagine Radiosondaggi di Trieste (WRF)
Radiosondaggi previsti sulla città di Trieste con il modello wrf

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Il riscaldamento degli ultimi anni in Italia
Analizziamo i dati ufficiali dell’ISAC CNR di Bologna, il massimo ente nazionale per la ricerca... Leggi tutto...
Immagine Pillole di Matematica: divisione tra numeri interi relativi e nascita delle fraz...
Quando abbiamo introdotto i e i (cioè anche con segno), abbiamo sempre evidenziato il fatto che,... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Olbia (Olbia Tempio)
Webcam ad Olbia, in provincia di Olbia Tempio (OT), regione Sardegna.
Immagine Webcam - Roccaraso (L'Aquila)
Webcam a Roccaraso, in provincia di L'Aquila (AQ). Regione Abruzzo. Panoramiche su città e... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...

Asma e temporali: confermato l'aumento dei casi

Asma e temporali: confermato l'aumento dei casi
 

Attacchi d'asma e temporali

Pare confermato da una ricerca americana l'aumento del 3% degli attacchi d'asma, in concomitanza di forti precipitazioni, soprattutto a carattere temporalesco. L'associazione"temporali ed attacchi di asma", già sotto "osservazione" da molti anni, trova dunque riscontro con nuovi dati grazie al climatologo Andrew Grundstein, della statunitense Università della Georgia.

I dati in questione sono quelli relativi agli anni dal 1993 al 2004, raccolti in 41 ospedali dell’area di Atlanta.

Su un totale di 4.383 giorni esaminati, 564, ovvero il 12,9 per cento, sono stati caratterizzati da temporali, in seguito ai quali sono state registrate 24.350 visite per attacchi d’asma (che negli Stati Uniti uccidono circa 5 mila persone all’anno), con un incremento del tre per cento del loro numero rispetto ai giorni in cui non si verificava questo fenomeno atmosferico.

Un incremento niente affatto modesto come potrebbe sembrare, sottolinea Grundstein, ma che al contrario può porre un rilevante problema di salute pubblica in un’area che conta più di cinque milioni di abitanti.

L’ipotesi prevalente nella spiegazione del legame tra asma e temporali è che il contatto con l’acqua piovana provochi la rottura dei grani di polline, liberando così nell’aria allergeni respirabili che vengono diffusi dai forti venti dei temporali, finendo con l’incrementare il rischio di attacchi d’asma nei soggetti allergici.


Ulteriori confermano arrivano anche dall'allergologo di Bergamo, Marcello Cottini, che sottolinea: "Qualche rischio si corre già ora, dal momento che a causa della primavera anticipata, specie in città, gli alberi nei parchi sono già in fiore". In particolare nocciolo e betulla fanno soffrire i cittadini allergici.

"Episodi di asma dopo i temporali - racconta Cottini all'Adnkronos Salute - si sono verificati con delle vere e proprie epidemie anche a Londra, in presenza di elevate concentrazione di pollini di graminacee o parietaria, e hanno interessato sia adulti che bambini".

Ma come si manifesta l'attacco al respiro di asmatici e allergici?

"Bisogna sottolineare che a correre più pericoli sono le persone con rinite allergica, oltre agli asmatici, soprattutto chi presenta normalmente condizioni lievi o non è in terapia - spiega l'esperto - l'asma da temporale è conseguente all'aumentare dei pollini nell'atmosfera per via di una manifestazione temporalesca, complici il forte vento e l'alta umidità: fattori scatenanti del rilascio di minuscole particelle di allergeni che possono causare attacchi d'asma anche gravi"."I pollini, infatti - ricorda l'esperto - sono normalmente granuli di 30 micron, ma il forte vento li rompe riducendoli a meno di 10 micron.



Una dimensione in grado di penetrare nelle piccole vie aeree e scatenare le reazioni, anche tanto gravi da portare in pronto soccorso, se non si hanno a disposizione terapie giuste". Un po' quello che è accaduto a Londra nel '94, "dove si sono contati centinaia di accessi in ospedale a causa di asma da temporale".Il consiglio, per chi sa di essere a rischio, è semplice. "Non appena iniziano a scatenarsi forti venti, il cielo si chiude e c'è umidità nell'aria, insomma si preannuncia un forte temporale o una 'bomba d'acqua' come quelle ormai frequenti anche in Italia, è bene ripararsi al chiuso. Il pericolo non arriva con la pioggia, ma prima", conclude Cottini.
Fonti:panorama.itfocus.it


Fabio Porro

Stampa