Immagine Intensa tempesta di polvere in Medio Oriente e il cielo diventa rosso scuro
Una forte tempesta di sabbia ha inghiottito parte della Turchia, Iraq e Siria alla fine di gennaio 2018, trasformando il cielo in rosso scuro.La... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine PRIMO VELOCE IMPULSO INVERNALE VERSO L’ITALIA TRA IL 9 E L’11 DICEMBRE
L’immagine satellitare di questo pomeriggio mostra, nel tratto di Oceano che si trova a sud della... Leggi tutto...
Immagine Quelli che tanto a Pasqua e/o Pasquetta piove sempre
Dopo aver confutato almeno , rovinando così i weekend di molti di noi, un altro luogo comune (!?)... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Trieste
Spaghetti Ensemble per la città di Trieste del modello americano GFS. L'andamento del... Leggi tutto...
Immagine WRF TT-SWEAT (centro-sud)
Mappa, Centro-Sud Italia, del modello WRF con altri due classici indici termodinamici: il Total... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...

Belgio: il fossile di "Wonderchicken" rivela l'inizio degli uccelli moderni

Belgio: il fossile di "Wonderchicken" rivela l'inizio degli uccelli moderni

Ricostruzione artistica dell'uccello anatomicamente moderno più antico del mondo, Asteriornis maastrichtensisUn fossile rinvenuto in Belgio soprannominato "Wonderchicken" ci sta facendo dare uno sguardo raro alla prima evoluzione degli uccelli moderni al crepuscolo dell'era dei dinosauri, proprio prima che un impatto con un asteroide alterasse il corso della vita sulla Terra.

I ricercatori hanno descritto un uccello delle dimensioni di una pernice chiamato Asteriornis maastrichtensis che abitava un ambiente costiero 66,7 milioni di anni fa durante il periodo Cretaceo. Rappresenta l'uccello anatomicamente moderno più antico conosciuto, condividendo i tratti del cranio con gli uccelli terrestri di oggi come polli, tacchini, quaglie e fagiani, nonché uccelli acquatici come anatre, oche e cigni. Gli uccelli si sono evoluti da piccoli dinosauri piumati circa 150 milioni di anni fa.

Molti uccelli hanno mantenuto caratteristiche primitive come i denti fino a quando l'asteroide ha colpito circa 66 milioni di anni fa, innescando un'estinzione di massa che ha cancellato i tre quarti delle specie animali e vegetali della Terra. Una stima attuale per la comparsa dell'antenato comune di tutte le 11.000 specie di uccelli viventi è compresa tra 100 e 70 milioni di anni fa, basata sui tassi di mutazione del DNA.

Fino ad ora il fossile più antico di un uccello anatomicamente moderno era uno chiamato Vegavis, che visse 66,5 milioni di anni fa in Antartide, anche se c'è un dibattito sulla sua collocazione sull'albero genealogico degli uccelli. A prima vista, il fossile sembrava imperscrutabile, con alcune ossa di arti rotte che spuntano da una piccola roccia.

"Quando abbiamo scannerizzato le rocce per vedere meglio le ossa degli arti, siamo rimasti scioccati nello scoprire un cranio incredibile, quasi completo, che ci scruta dallo schermo del computer", ha dichiarato Daniel Field, paleontologo dell'Università di Cambridge, autore principale della ricerca pubblicato sulla rivista Nature.

"Questo è uno dei teschi di uccelli fossili meglio conservati di qualsiasi età, quindi il fatto che provenga da un punto così importante nella storia della Terra è sorprendente", ha aggiunto Field.

Field ha coniato il soprannome di "Wonderchicken", a causa del suo becco simile a un pollo e della sua importanza scientifica. Il suo nome scientifico Asteriornis onora Asteria, un'antica dea greca di stelle cadenti, un cenno al futuro asteroide.


Asteriornis fornisce indicazioni su quali fattori possano aver aiutato alcuni uccelli a sopravvivere all'impatto degli asteroidi mentre altri sono morti, ha detto il paleontologo e co-autore Daniel Ksepka del Bruce Museum di Greenwich, nel Connecticut. Le sue dimensioni relativamente ridotte, un corpo lungo 30 cm, potrebbero averlo aiutato a sopravvivere poiché la calamità ambientale globale causata dalla caduta degli asteroidi ha reso difficile per gli animali più grandi trovare abbastanza da mangiare, ha detto Ksepka.

Il suo adattamento a un ambiente costiero, ha aggiunto Ksepka, significa che sarebbe stato risparmiato dagli incendi che si ritiene abbiano distrutto la maggior parte delle foreste del mondo dopo che l'impatto dell'asteroide potrebbe aver incenerito gli uccelli che abitano gli alberi.

A cura di Dario De Santis
Fonte: theweathernetwork.com

Stampa