Immagine Spaghetti Ensemble di Grosseto
Il caso della città di Grosseto con l'Ensemble spaghetti del modello GFS. Geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa. L'andamento previsto dalle 20 diverse... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Isolato temporale su Milano il 10 Luglio 2013
Nel pomeriggio del 10 luglio un temporale a rapidissimo sviluppo ha interessato il capoluogo... Leggi tutto...
Immagine L'Anticiclone delle Azzorre non è più il protagonista delle Estati Mediterrane...
23 Giugno 1907: non ho trascritto erroneamente la data di quella carta isobarica raffigurata qui,... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Aosta
La provincia di Aosta è stata una provincia italiana del Piemonte, esistita dal 1927 al 1945. Nel... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Ascoli Piceno
La provincia di Ascoli Piceno è una provincia italiana di 210 066 abitanti (dato ISTAT 2016) della... Leggi tutto...

Domenica 5 Maggio fredda e perturbata soprattutto Nord-Est, Emilia Romagna e Toscana

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 03 Maggio 2019 14:00

Domenica 5 Maggio fredda e perturbata soprattutto Nord-Est, Emilia Romagna e Toscana

Sinottica attesa per il 5 Maggio 2019 mattinaLA SITUAZIONE (si veda la prima figura) – Sarà una prima domenica di maggio che entrerà di diritto negli annali climatologici perché a primavera ormai inoltrata la dinamica atmosferica, spronata da una massiccia irruzione di aria artica-marittima, darà luogo sul Mediterraneo a una fase meteorologica che per certi aspetti avrà in alcune regioni connotati invernali.

L’affondo fino alle nostre latitudini di una saccatura ben strutturata, alimentata dall’aria fredda di cui abbiamo parlato nelle ultime analisi, darà luogo infatti alla formazione sottovento all’arco alpino di una stretta circolazione depressionaria che nella mattinata di domenica raggiungerà l’apice del proprio approfondimento tra il settore orientale del Golfo Ligure e il Tirreno settentrionale, dove sono previsti valori minimi di pressione al suolo intorno ai 990-992 hPa circa.

La stretta rete di isobare (al suolo) e di isoipse (alle diverse quote isobariche) causerà in questo modo il risucchio dell’aria fredda rimasta bloccata a nord delle Alpi e ne causerà la sua veloce propagazione a tutta l’Italia entro lunedì. In seno alla formazione della depressione, saranno però le regioni di Nord-Est, l’Emilia Romagna, il nord delle Marche e la Toscana a subire i contrasti termici più accesi tra l’aria mite preesistente e quella fredda in arrivo e quindi a sperimentare i fenomeni più organizzati, localmente anche a carattere di forte temporale, che saranno nevosi fino a bassa quota stante l’ingresso di isoterme per lo più comprese tra -1 e -3 °C alla quota isobarica di 850 hPa: si tratta di valori notevoli per la prima decade di maggio.

Nel corso di domenica la depressione si muoverà verso est-sudest e raggiungerà in serata il Mar Adriatico centrale in fase di colmamento già avviata. Questa evoluzione permetterà così un graduale miglioramento del tempo sui settori occidentali e sul Nord-Est e un peggioramento su quelli orientali dell’Italia centrale.



LA PREVISIONE (si veda la seconda figura) – Le condizioni meteorologiche più significative saranno i fenomeni organizzati e localmente intensi che tra la sera di sabato 4 e il pomeriggio di domenica 5 maggio interesseranno molto probabilmente le regioni di Nord-Est, l’Emilia Romagna, il nord delle Marche e la Toscana. La combinazione tra l’aria fredda in arrivo e le precipitazioni agevolerà un sensibile abbassamento della quota delle nevicate che in corso d’evento potrebbero raggiungere anche la collina intorno ai 400-600 metri, con possibili occasionali episodi di pioggia mista a neve a quote inferiori nei rovesci più intensi: se ricordate, in questo articolo avevamo infatti detto che saranno soprattutto i fenomeni a trasportare il freddo dalle quote superiori al suolo tramite l’effetto del “rovesciamento” e il drastico abbassamento della quota neve ne sarà proprio la dimostrazione. Sulle altre aree dell’Italia, si può vedere direttamente nella cartina le condizioni meteorologiche che dovrebbero essere più probabili.

LE TEMPERATURE (si veda la terza figura) – Nel corso della giornata le temperature subiranno un sensibile calo, tant’è che sulla maggior parte delle regioni centro-settentrionali e sulla Sardegna è credibile ritenere che le temperature massime del giorno si registreranno nella notte e le minime in serata. Per questo motivo si preferisce dare un’indicazione di massima dei valori previsti nelle prime ore del pomeriggio di domenica (da prendere con le molle a non al “numero”) per far notare che laddove i fenomeni si presenteranno organizzati è probabile che non venga superata la soglia dei 10 °C. Tenendo conto che in questo periodo dell’anno le temperature delle ore centrali del giorno dovrebbero oscillare tra 19 e 22 °C, un pomeriggio come quello che vivremo domenica sarà quindi caratterizzato da valori sensibilmente inferiori alle medie climatologiche, con scarti che possiamo tranquillamente chiudere nell’intervallo 5-12 °C a seconda delle aree.

Previsione sull'Italia per il 5 Maggio 2019
Stima temperature previste per il 5 Maggio 2019 pomeriggio

Stampa