Immagine Nubi alte: cirri, cirrostrati, e cirrocumuli
Nubi isolate costituite da cristalli di ghiaccio minutissimi, che ne spiegano la particolare trasparenza. Sono bianchi e delicati, a strisce filamentose o a... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...
Immagine NUOVA ONDA DI CALORE SU OVEST EUROPA. ITALIA AI MARGINI, CON TEMPERATURE COMUNQU...
Commentiamo oggi l’evoluzione attesa per i prossimi giorni andando ad analizzare due campi... Leggi tutto...
Immagine La nevicata in Friuli dopo il Terremoto del Dicembre 1976
Dopo i disastrosi eventi tellurici del 6 maggio, 11 e 15 settembre 1976 l'inverno si aprì con un... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo: fino a quanti giorni ci si può spingere?
Fino a quanti giorni può spingersi la previsione del tempo? La domanda è facile, la risposta un... Leggi tutto...
Immagine Meteo Martedì Italia
Meteo Italia Martedì, le previsioni del tempo con mappe e simboli riassunte per un'immediata... Leggi tutto...

RAZZO colpito dal fulmine da lui stesso innescato

Razzo colpito dal fulmine da lui stesso innescato

Lancio del razzoC'è da dire che i missili sono tra i bersagli preferiti dai fulmini. Stavolta è toccato al razzo Soyuz-2.1b, programmato per portare in orbita un satellite di navigazione dal cosmodromo russo di Plesetsk, situato a circa 800 km a nord di Mosca e che durante il decollo ne è rimasto "vittima".

Diciamo subito che il razzo è rimasto illeso e che il satellite è partito come previsto. Ora, anche se al momento del lancio c'erano condizioni certamente nuvolose nella zona, non è del tutto giusto incolpare le condizioni meteorologiche.

Il fenomeno è infatti noto come "lampo innescato dal razzo". La ricercatrice canadese Mika McKinnon afferma che i razzi sono essenzialmente dei parafulmini. "Ogni volta che spingiamo conduttori metallici come aerei o razzi attraverso nuvole ionizzate, quei conduttori costituiscono un perfetto percorso di scarica", ha detto McKinnon in una discusione su Twitter dell'incidente.

Data la quantità di traffico aereo in tutto il mondo in un dato momento - si stima che nell'aria ci siano circa 9.700 aerei ogni momento - non è probabilmente sorprendente che gli aerei siano spesso colpiti da un fulmine. Solo negli Stati Uniti, la FAA stima che ogni aereo di linea commerciale viene colpito da un fulmine una volta all'anno, o 1 evento per ogni 1000 ore di volo.

Nonostante ciò, l'ultimo incidente aereo provocato dai fulmini risale al 1967, grazie ai miglioramenti della tecnologia e delle regole di sicurezza del volo. McKinnon afferma che gli stessi principi di sicurezza si applicano ai razzi e che, supponendo che il razzo sia adeguatamente isolato contro le sovratensioni, un fulmine non dovrebbe essere un problema per la maggior parte dei lanci.

Ma lei fa notare un paio di differenze chiave tra i razzi e gli aerei - quelli che rendono i missili più suscettibili di attirare i fulmini rispetto ai loro cugini legati all'atmosfera. "I razzi perforano verticalmente le nubi e i razzi seguono lo "scarico" ionizzato che li collega a terra", afferma McKinnon. "Entrambe le cose rendono i fulmini più probabili."

Infatti, è possibile vedere nel video che si trova nell'articolo originale (link in calce), il modo in cui il fulmine viene condotto lungo il pennacchio di scarico del razzo - la traccia ionizzata - proprio di nuovo giù al punto di lancio.


"Una buona ragione per avere parafulmini su piattaforme di lancio", aggiunge McKinnon. "Il lancio è stato effettuato nella modalità normale, il tempo atmosferico non è un ostacolo e noi [la Forza Spaziale delle forze aerospaziali della Russia] siamo operativi tutte le stagioni", ha detto il capo di Plesetsk ai media russi. "Questa è un'altra prova del fatto che il fulmine non può danneggiare le nostre armi aerospaziali."
A cura di Dario De Santis
Fonte: theweathernetwork.com

Stampa