Immagine Webcam - Sigillo - Monte Cucco (Perugia)
Webcam sul Monte Cucco, a Sigillo in provincia di Perugia (PG), regione Umbria.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Enna
La provincia di Enna si trova nel cuore della Sicilia. Non solo, ma il centro geografico dell'isola... Leggi tutto...
Immagine Vittime e danni: quando la Meteorologia (non) è un gioco
Tempo fa, in occasione dell'alluvione in Francia del 2015, Carlo Cacciamanni, Dirigente... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Appiano Sulla Strada Del Vino (Bolzano)
Webcam ad Appiano Sulla Strada Del Vino, in provincia di Bolzano (BZ), regione Trentino Alto Adige.
Immagine Webcam - Ferrara (Ferrara)
Webcam a Ferrara (FE), regione Emilia Romagna. Veduta su Corso Martiri a cura di bolognameteo.it.
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...

ALLARME SABBIA: il nuovo rapporto delle Nazioni Unite

ALLARME SABBIA: il nuovo rapporto delle Nazioni Unite

La sabbia: una risorsa importanteDi solito non pensiamo troppo alla sabbia finché non cerchiamo magari un posto perfetto sulla spiaggia (o quando togliercela da dosso...), ma un rapporto delle Nazioni Unite pubblicato all'inizio di Maggio 2019 dichiara che il nostro uso della sabbia è "una delle principali sfide per la sostenibilità del 21° secolo".

Il rapporto, pubblicato dal Programma per l'ambiente delle Nazioni Unite, chiama sabbia e ghiaia il "materiale fondamentale non riconosciuto delle nostre economie", estratto in tutto il mondo e che costituisce uno dei più grandi volumi di materiale estratti dagli esseri umani. Infatti, per volume, solo l'utilizzo dell'acqua supera quello di sabbia e ghiaia. A livello globale, ne utilizziamo circa 50 miliardi di tonnellate all'anno, ovvero circa 18 kg a persona al giorno in media.

Un numero sconcertante, ma quando consideri dove vanno a finire sabbia e ghiaia (oltre che tra le dita dei piedi), ha senso. Infatti senza sabbia non c'è cemento, niente asfalto, niente vetro (il cui uso aumenterà se riprenderà il posto delle plastiche), e questo è solo la punta dell'iceberg. La sabbia e il silicio sono utilizzati in tutto, dall'industria automobilistica ai pezzi fusi, al trattamento delle acque, fino all'industria alimentare negli additivi.

L'aumento della domanda di sabbia ha persino portato all'aumento dell'estrazione e commercializzazione illegale, un processo orchestrato in alcune regioni dalle cosiddette "mafie della sabbia" in luoghi come il Marocco e l'India.


La pervasività della sabbia nelle attività umane e la crescente domanda per la stessa è esattamente ciò che sta sollevando preoccupazioni tra i ricercatori dell'ONU e di altre organizzazioni. "Tutte le indicazioni dicono che ci stiamo avvicinando a un futuro in cui l'accesso a questa risorsa rappresenta un ostacolo critico alla sostenibilità e che l'estrazione di sabbia incontrollata ci costerà", si legge nella relazione, che richiede una supervisione globale e la creazione di un piano che regoli la produzione e il consumo di risorse legate alla sabbia. "Stiamo spendendo il nostro "budget" di sabbia più rapidamente di quanto possiamo produrre responsabilmente", ha detto Joyce Msuya, direttore esecutivo ad interim delle Nazioni Unite, in un allegato che accompagna il rapporto.

"Migliorando la governance delle risorse globali di sabbia, possiamo gestire meglio questa risorsa critica in modo sostenibile e dimostrare realmente che infrastruttura e natura possono andare di pari passo." "È tempo di trattare la sabbia come una risorsa, al pari dell'aria pulita, la biodiversità e altre risorse naturali che le nazioni cercano di gestire per il futuro", ha detto l'ecologa Aurora Torres alla rivista Science. "Speriamo che questa relazione contribuisca a spianare la strada a un maggiore dialogo, interazione e collaborazione tra tutti i settori e gli attori collegati ai flussi di utilizzo della sabbia".

Fonte: theweathernetwork.com

Stampa