Immagine
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Milano: confronto tra la primavera 2013 e 2011
Milano: confronto tra la primavera 2013 e 2011. Due primavere diversissime in tutto, il racconto di... Leggi tutto...
Immagine Livelli di anidride carbonica mai così alti in almeno 3 milioni di anni (forse....
Livelli di anidride carbonica mai così alti in almeno 3 milioni di anni (forse...)
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande... Leggi tutto...
Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon. Gli estremi del passato...
Immagine ECMWF T850 - Standard Deviation - ENS
Mappe Ensemble del modello del centro europeo di Reading (ECMWF): deviazione standard della... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Venezia (GFS)
Grafico meteogramma per Venezia previsto dal modello globale GFS. Pressione, temperature, zero... Leggi tutto...

Le lepri bianche con le racchette cambiano colore troppo presto

Le lepri bianche con le racchette cambiano colore troppo presto

La lepre bianca con le racchetteLa lepre bianca appartiene a quelle specie a distribuzione cosiddetta boreo-alpina o artico-alpina, presenti sia nelle regioni nordiche europee sia nelle catene montuose dell’Europa meridionale (Pirenei, Alpi, Appennini, Carpazi), ma del tutto assenti nelle regioni centro-europee, cosicché i due blocchi risultano nettamente disgiunti.

Tale peculiarità distributiva, conseguenza dei fenomeni glaciali del Quaternario, spiega l’attuale distribuzione di questa specie, che comprende le Alpi, Irlanda, Scozia, Penisola Scandinava, Finlandia, Polonia orientale, Russia settentrionale, Siberia, Mongolia, Manciuria e isola di Hokkaido (Giappone).

La lepre bianca, o con le racchette da neve, vive la vita in fuga, di solito sopravvive per circa un anno prima di essere mangiata da una volpe o da un coyote.La loro miglior linea di difesa è il camuffamento. Le lepri delle racchette da neve diventano marroni in estate e bianche in inverno e questo ha funzionato bene fino a poco tempo fa.Il cambio di colore è innescato da un cambiamento di luce diurna e i giorni più brevi significano l'inizio dell'inverno. Ma i cambiamenti climatici (che sono sempre avvenuti) starebbero ora causando un ritardo nella caduta della neve. E così le lepri diventano bianche troppo presto, trasformandosi in un bersaglio facile per i predatori. Gli esperti, che stanno effettuando osservazioni da anni, sostengono che questo fatto avrebbe già abbreviato la già breve vita dell'animale. "E pensano davvero di essere camuffati", ha detto al NPR nel 2013 Alex Kumar, uno studente laureato all'Università del Montana. "Si comportano come se non potessimo vederli ed è piuttosto imbarazzante per la lepre".


Un recente studio pubblicato nel Canadian Journal of Zoology suggerisce che le lepri che vivono negli Stati Uniti orientali, lo Yukon e nelle parti occidentali e orientali del Canada stiano lottando per tenere il passo con i cambiamenti climatici."Abbiamo intrappolato tre lepri a gennaio che erano quasi completamente marroni, ed è la prima volta che viene registrato nel Nord America orientale", ha detto a ScienceDaily la ricercatrice Laura Gigliotti nel 2017. "Ci sono popolazioni di lepre nelle Cascades di Washington che non mutano completamente, ma non è stato documentato altrove". Ancora, le lepri osservate per lo studio sembrano adattarsi al loro comportamento per far fronte alla perdita di mimetismo. In Pennsylvania, sono state viste riposare in punti che le tenevano nascoste ai predatori, a differenza del passato, quando prediligevano punti più caldi rispetto alle ostruzioni visive. "I nostri risultati indicano che le lepri delle racchette da neve possono essere in grado di adattarsi alle condizioni climatiche future attraverso cambiamenti delle caratteristiche del pelo, del metabolismo e del comportamento", ha dichiarato Gigliotti a ScienceDaily."Sfortunatamente, non sappiamo se possono adattarsi così rapidamente come stanno avvenendo i cambiamenti climatici."Solo il tempo dirà se le lepri impareranno a stare al passo con un ambiente in rapida evoluzione.

A cura di Dario De Santis
Fonte: Theweathernetwork.com

Stampa