Immagine WRF MSLP 3hPrec (centro)
Classica mappa del modello WRF con pressione al suolo e accumulo delle precipitazioni al Centro. In questo caso nelle 3 ore precedenti.
Immagine WRF 850hPa Temp - Wind (tuscia-orvietano)
Modello WRF con la mappa, zona tuscia-orvietano, della temperatura e della circolazione dei venti... Leggi tutto...
Immagine WRF Theta (centro)
Mappa Centro Italia del modello non idrostatico ad alta risoluzione WRF NMM con i venti a 850hPa e... Leggi tutto...
Immagine Il nostro modello WRF Centrometeo per la Toscana
Operativo il focus sulla regione Toscana del nostro modello WRF su Centrometeotoscana! Tutti i... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche... Leggi tutto...
Immagine La struttura dell'atmosfera rispetto alla temperatura
La struttura dell'atmosfera è classificata in base allo stato dell'aria alle varie quote... Leggi tutto...
Immagine Quando si sbagliano le previsioni del tempo
Quando si sbagliano le previsioni del tempo. Il grande Generale Andrea Baroni ci spiega perché!

Coste inquinate: mappe e dati Legambiente Goletta Verde

Coste inquinate: mappe e dati Legambiente Goletta Verde

Legambiente e Goletta Verde<< Inquinamento, abusi edilizi, assalti al paesaggio, trivelle:la campagna di Legambiente per monitorare e difendere il mare >>.

Questo il messaggio, lo scopo che Legambiente si prefigge fin dal 1986, quando l'imbarcazione Goletta Verde parte per la sua prima campagna, un viaggio da Sanremo a Trieste lungo i 4.000 chilometri di coste italiane per verificare lo stato di salute delle acque di balneazione.

La campagna rappresenta il primo studio sull'inquinamento marino in un'epoca in cui le autorità preposte al controllo non erano ancora in grado di dare un quadro della situazione del mare.

In ogni località in cui fa tappa l'imbarcazione ambientalista (nella prima edizione sono 45) vengono organizzate conferenze stampa e dibattiti sullo stato di salute del mare.

Ognuno di noi può dare il proprio contributo non solo sostenendo Legambiente con il 5x1000, ma anche effettuando segnalazioni all'indirizzo dedicato.

In particolare, nel 2016 Goletta Verde ha determinato un punto inquinato ogni 54 chilometri di coste italiane. Dei 265 punti monitorati dal laboratorio mobile, uno ogni 28 km di costa, il 52% è risultato inquinato o fortemente inquinato.


Come è facile aspettarsi, la maggior parte di queste criticità, precisamente l'88%, lo troviamo in prossimità di foci di fiumi, fossi, canali o scarichi, dove sussiste il maggior rischio di contaminazioni varie. Peraltro più della metà sono in corrispondenza di spiagge e stabilimenti e quindi frequentati da bagnanti.

Diversi i parametri studiati, ma soprattutto quelli microbiologici (enterococchi intestinali, escherichia coli). Sono considerati come inquinati i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente in Italia (Dlgs 116/2008 e decreto del ministero della Salute del 30 marzo 2010) e fortemente inquinati quelli che superano di più del doppio tali valori.

Sempre nel 2016 si distinguono positivamente la Sardegna e la Puglia, con poche criticità riscontrate solo in corrispondenza di foci di corsi d'acqua o canali. Mentre in alto Adriatico la situazione migliore si ha in Veneto. Le situazioni più critiche si trovano, invece, nelle Marche e in Abruzzo, regioni penalizzate anche dall'elevato numero di corsi d'acqua, canali e fossi che sfociano in mare, e in Calabria.

La storica imbarcazione di Legambiente dal 1986 ogni estate fa vela per difendere la salute del nostro mare, segnalare abusi e illegalità, promuovere l'immenso patrimonio naturalistico delle coste. Un team di tecnici e biologi accompagna il viaggio della Goletta Verde per analizzare campioni d'acqua, attraverso un rigoroso monitoraggio scientifico, e raccogliere le segnalazioni che arrivano dai cittadini sugli scarichi abusivi o situazioni sospette. Un lavoro che permette a Legambiente di individuare e denunciare situazioni particolarmente critiche.

Nella mappa seguente potete trovare i vari luoghi monitorati da Goletta Verde con i relativi risultati e consigli e non solo nel 2016.