Immagine WRF 0C-24hSnow (centro-nord) - ARW by GFS
Mappa per il centro-nord italia del modello WRF ARW (GFS) con l'altezza dello zero termico e l'accumulo nevoso nelle 24 ore precedenti l'orario indicato.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Meteo e Clima in Provincia di Varese
La provincia di Varese è composta per il 32% da montagne e per il 46% da colline, sorgendo... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di L'Aquila
Il territorio della provincia dell'Aquila rappresenta, quasi interamente, la parte montana... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Nelle previsioni probabilistiche il futuro della Meteorologia
La previsione meteorologica è basata sul supporto oggettivo fornito dai modelli numerici, che... Leggi tutto...
Immagine ULTIMA SETTIMANA DELL’INVERNO METEOROLOGICO CON TEMPO INSTABILE, PIÙ FRESCO E...
Da oggi si apre una nuova fase meteorologica che, con buona probabilità, ci accompagnerà per... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

UN’ONDATA DI CALDO IN ARRIVO CON IL MINIMO SFORZO

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 07 Luglio 2024 00:00

UN’ONDATA DI CALDO IN ARRIVO CON IL MINIMO SFORZO

Mappe in quota attese per il 10 luglio 2024Ormai ci siamo. Con l’avvio della prossima settimana un’ondata di caldo interesserà l’Italia e risulterà più intensa sulle regioni centro-meridionali. Sarà una situazione un po’ particolare quella che andrà delineandosi perché questa volta, complici le temperature molto elevate che si registrano in media e bassa troposfera sull’entroterra algerino e marocchino, sarà davvero minimo l’impegno che dovrà compiere la dinamica atmosferica per sollecitare la risalita della massa d’aria subtropicale continentale verso il Mediterraneo.

Nel penultimo intervento, avevamo a tal proposito sottolineato proprio come queste elevate temperature andassero a gonfiare come un palloncino la struttura della colonna d’aria presente sulla verticale del deserto sahariano confinato a queste aree: questo rigonfiamento è ben evidenziato dalla quota a cui si collocherà a metà della prossima settimana la superficie isobarica di 500 hPa, cioè quella sorta di lenzuolo infinitamente grande che ondeggia in quota e che si trova mediamente a 5500 metri perché a questa altezza, in atmosfera standard, si registra proprio la pressione atmosferica di 500 hPa.

Ebbene, in questo caso questa superficie-lenzuolo salirà fino a superare probabilmente i 6000 metri perché quell’aria molto calda presente sotto, che avrà temperature fino a 33-35 °C a 850 hPa (1500 metri), avrà un’azione lievitante che porterà il palloncino a espandersi verso l’alto insieme a tutte le superfici riferite alle varie quote isobariche, compresa quella di 500 hPa a cui abbiamo fatto riferimento.

Servirà allora appena un cenno di cavo d’onda in approccio alle coste dell’Europa occidentale per innescare alle quote superiori tese correnti sud-occidentali che risucchieranno parte di quella massa d’aria rovente presente sulla verticale dell'entroterra sahariano indirizzandola verso la nostra penisola. Questa dinamica favorirà così, in particolar modo al Centro-Sud, l'arrivo di isoterme a circa 1500 metri su valori per lo più compresi tra 20 e 25 °C.



Dalla prossima analisi inizieremo ad entrare nei dettagli dell’evoluzione.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » LunedìMartedìMercoledìGiovedìVenerdìSabatoDomenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa