Immagine Andrea Giuliacci e Paolo Sottocorona: intervista radiofonica a due grandi d...
L'attività di speaker radiofonico mi consente talvolta di mettere insieme quella ingegneristica e meteorologica creando una sorta di unico "pacchetto". Come... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Effetto Serra, arma a doppio taglio? Seconda puntata: il passato più o meno rec...
Il riscaldamento globale del ventesimo secolo, specialmente quello verificatosi dopo il 1950,... Leggi tutto...
Immagine SI AFFACCIANO ALL’ORIZZONTE LE PRIME CIRCOLAZIONI DI STAMPO ESTIVO
Ci sono schemi sinottici che lasciano pochi dubbi sulle intenzioni della dinamica atmosferica nella... Leggi tutto...
Immagine ECMWF 500hPa - Standard Deviation - ENS
Mappe Ensemble del modello del centro europeo di Reading (ECMWF): deviazione standard del... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Avellino
L'andamento atteso del geopotenziale a 500hPa e la temperatura a 850hPa. Qui la previsione per la... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

INIZIO DELLA PROSSIMA SETTIMANA ALL’INSEGNA DELLA VARIABILITÀ E A SEGUIRE IL TRANSITO DI UN’ONDULAZIONE SUBTROPICALE

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 11 Febbraio 2024 00:00

INIZIO DELLA PROSSIMA SETTIMANA ALL’INSEGNA DELLA VARIABILITÀ E A SEGUIRE IL TRANSITO DI UN’ONDULAZIONE SUBTROPICALE

Carta del tempo prevista per il 13 febbraio 2024La nostra penisola si trova sotto la spessa coltre nuvolosa della perturbazione atlantica che è entrata sul Mediterraneo occidentale nella giornata di ieri (venerdì 9 febbraio) e che si sta lentamente spostando con le precipitazioni verso levante, insieme al minimo orografico ancora in fase di approfondimento sulle regioni settentrionali fino alle prime ore della prossima notte, quando sarà raggiunto il valore di pressione atmosferica più basso stimato in circa 990 hPa (fig. 1, a sinistra).

Il sistema frontale è seguito da aria fredda di origine nord-atlantica, ben visibile sull’immagine satellitare da quel fiume di nubi a foggia di ciottolato che si dirige verso la penisola iberica e che solo in minima parte riuscirà a raggiungere l’Italia nella giornata di domani, domenica 11 febbraio.

Con lo spostamento della depressione verso l’Adriatico settentrionale e la rotazione del flusso dai quadranti occidentali che chiuderà la porta alle correnti prevalentemente sciroccali (fig. 1, a destra), nella giornata festiva assisteremo infatti a un parziale raffreddamento della colonna d’aria che si rifletterà anche in un lieve calo della quota dello zero termico.

Dal momento che anche al Centro-Sud questa altezza si porterà gradualmente fin verso i 1500-1800 entro la serata, sussiste la probabilità che le precipitazioni attese ancora in misura significativa soprattutto sul basso versante tirrenico possano essere nevose fino a 1200-1500 metri sulla maggior parte dei versanti occidentali dei rilievi appenninici (fig. 2). Piogge anche in Sardegna e in Sicilia. Fenomeni invece in lenta e graduale attenuazione sul resto dell’Italia, ad eccezione del Nord-Ovest dove già dal mattino si faranno strada le prime schiarite.



Nella prima parte di lunedì 12 gli ultimi fenomeni più organizzati interesseranno ancora la fascia tirrenica tra Campania e Calabria. Variabilità sul resto d’Italia con qualche residua e locale precipitazione ad eccezione del Nord-Ovest, del versante alpino e del versante tirrenico centro-settentrionale dove il cielo si presenterà per lo più sereno o poco nuvoloso.

Martedì 13, invece, inizierà per tutte le nostre regioni una fase atmosferica più stabile che potrebbe durare fino a giovedì 15 febbraio: in questa finestra temporale si prevede infatti il transito, da ovest verso est, di un promontorio mobile di matrice subtropicale che causerà un rialzo termico, probabilmente temporaneo.

Zero termico e precipitazioni 13 febbraio 2024

Mappa attesa per il 14-15 febbraio 2024


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera


Stampa