Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Webcam - Castelluccio di Norcia (Perugia)
Webcam incantevole a Castelluccio di Norcia, frazione del comune di Norcia, in provincia di Perugia... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Corvara In Badia (Bolzano)
Webcam Corvara In Badia, splendido panorama in provincia di Bolzano (BZ), nella regione Trentino... Leggi tutto...
Immagine WRF Wind Gust (ita) - 8km NMM by GFS
Modello WRF-NMM-8km (su base GFS) con la mappa sull'Italia dei venti a 10 metri. La peculiarità di... Leggi tutto...
Immagine GENS PREC PROB 50mm ITALIA
Probabilità precipitazioni maggiori di 50mm intesa come numero di occorrenze in rapporto alle... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

ONDATA DI FREDDO E ONDATA DI GELO: IL RISCONTRO NELLE TEMPERATURE DI OGGI

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 26 Novembre 2023 17:00

ONDATA DI FREDDO E ONDATA DI GELO: IL RISCONTRO NELLE TEMPERATURE DI OGGI

Temperature registrate il 26 novembre 2023In uno degli ultimi articoli pubblicati abbiamo parlato delle differenze tra «aria fredda», «aria molto fredda» e «aria gelida», da tenere in considerazione quando bisogna delineare per sommi capi l’entità di un’ondata di freddo. In particolare, abbiamo individuato nell’isoterma di -10 °C a 850 hPa il limite termico superiore per poter parlare di un’irruzione di aria gelida perché in questa situazione risulta altamente probabile che anche la bassa troposfera, fino alla pianura o al livello del mare, sperimenti temperature oscillanti intorno allo zero a dimostrazione del fatto che la massa d’aria si trova a temperature negative lungo tutto il suo profilo termico verticale.

In figura, vi propongo un riscontro di questa condizione nel confronto tra le temperature registrate intorno alle ore 14 di oggi in Europa e quelle in atto in quota, a circa 1500 metri. Si può osservare come, in linea di massima, le aree del nostro continente in cui i valori si sono mantenuti intorno o inferiori a 0 °C nel momento più caldo del giorno erano sormontate da una massa d’aria che presentava in quota temperature inferiori a -8 °C.

Tutto questo mentre in Italia, dopo una mattinata che ha avuto caratteristiche invernali con temperature minime sottozero specie nelle aree interne del Centro-Nord, i valori diurni si sono portati per lo più sui 10-13 °C su tutte le regioni, ad eccezione delle Isole che hanno registrato valori più elevati.



Spero che questo riscontro possa essere utile per comprendere l’importanza del peso dei termini e degli aggettivi quando si vuole spiegare la dinamica atmosferica. Questo primo sussulto invernale non ha avuto nulla da spartire con un’ondata di gelo e con aria gelida, ma si è trattato di una «normale» irruzione di stampo invernale dove per «normale» intendiamo semplicemente che una dinamica del genere rientra tra gli eventi comuni che può presentare l’inverno alle nostre latitudini: una nevicata a quote collinari in Appennino e minime negative seguite da massime abbondantemente positive non meritano davvero tutto questo clamore mediatico: il problema, sensazionalismo a parte, è che non siamo più abituati a questo tipo di condizioni atmosferiche.


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa