Immagine Spaghetti Ensemble di Catania
Spaghetti con Catania protagonista in questo gruppo Ensemble del modello americano GFS. Previsione del geopotenziale a 500hPa e la temperatura a 850hPa.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
 è un saggio che tratta temi di grande e pressante attualità, dedicato a tutti coloro che... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Umbria e Marche - Riassunto mattina, pomeriggio, sera, notte
Le previsioni meteo per Umbria e Marche nei prossimi giorni. Il tempo riassunto e suddiviso in... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Avellino
La provincia di Avellino è una provincia italiana della Campania di 425 325 abitanti, secondo i... Leggi tutto...
Immagine WRF RH 2m - Wind 10m (ita - backup)
Modello WRF-NMM con la tipica carta, qui di backup per l'Italia, dei venti previsti a 10 metri e... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 850hPa Diff (ita) - 7km ARW by GFS
In questa mappa del modello WRF-ARW-7km (GFS) sull'Italia, è rappresentata la differenza di... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

LA BURRASCA DI FINE ESTATE PORTERÀ UNA SERIA ONDATA DI MALTEMPO SPECIE AL NORD E UN SENSIBILE CALO TERMICO SU TUTTA L’ITALIA

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 26 Agosto 2023 13:00

LA BURRASCA DI FINE ESTATE PORTERÀ UNA SERIA ONDATA DI MALTEMPO SPECIE AL NORD E UN SENSIBILE CALO TERMICO SU TUTTA L’ITALIA

Mappa 27 agosto 2023Siamo ormai prossimi a un importante cambiamento dello stato del tempo che porrà fine alla terza, intensa e tardiva ondata di calore che ha interessato in modo particolare le regioni settentrionali e quelle centrali del versante tirrenico, alle prese con temperature molto elevate che hanno stabilito anche nuovi primati del caldo per la terza decade di agosto e in qualche caso anche mensili e assoluti. Un’incisiva saccatura nord atlantica è infatti in procinto di penetrare sul Mediterraneo occidentale come se fosse una lama in una tavoletta di burro e creerà così le condizioni per l’innesco di una fase di maltempo ben strutturata, in sviluppo tra questa sera e la giornata di lunedì 28 agosto (fig. 1, a sinistra).

La dinamica atmosferica che si genererà sarà particolarmente accesa perché saranno davvero notevoli i contrasti termici che si verranno a creare: la saccatura avrà davanti non solo una massa d’aria molto calda lasciata in eredità dall’onda di calore, ma anche una superficie marina che, proprio laddove il cavo d’onda avrà modo lavorare per convertire l’energia potenziale accumulata in fenomeni, si troverà grosso modo sui 27-28 °C e sarà quindi in grado di fornire anche il proprio contributo in termini di calore latente con il rilascio di umidità. L’incisività del peggioramento, dovuta proprio ai contrasti di natura termodinamica, è ben individuabile nella differenza di temperatura che si determinerà sul Mediterraneo occidentale (fig. 1, a destra): il fatto che lungo il fianco ascendente della saccatura si fronteggino masse d’aria così diverse che saranno costrette a convivere su un piano orizzontale di limitata estensione spaziale – da un lato quella fredda con valori di 10-12 °C a 850 hPa e dall’altro quella calda con valori di 22-24 °C alla stessa quota isobarica – significa in pratica servire alla dinamica atmosferica su un piatto d’argento le possibilità di far vita a una ciclogenesi al suolo con la complicità di un’impostazione divergente del flusso alle quote superiori che incentiverà il risucchio dell'aria calda e umida dal basso. Da domani, quindi, assisteremo a una significativa diminuzione del campo di pressione tra le Baleari e la Sardegna ed entro il pomeriggio di lunedì 28 agosto assisteremo alla formazione di una depressione significativamente profonda per il periodo che andrà a incastonarsi sul Golfo di Genova, con un valore barico nel suo centro che potrebbe oscillare intorno ai 995 hPa (fig. 2, a sinistra).

Questa evoluzione aprirà così la porta occidentale per permettere all’aria fresca nord atlantica di entrare con veemenza anche alle nostre latitudini mediante forti venti di maestrale che proprio nella giornata di lunedì si saranno estesi a quasi tutta l’Italia (fig. 2, a destra): solo il Salento, fino a questa fase, resterà esposto al flusso sciroccale ancora moderatamente caldo e umido. La formazione di una significativa depressione sarà solo un aspetto degli intensi contrasti termici che si verranno a generare. Sarà altrettanto significativo, sotto questo aspetto, anche la formazione di fenomeni di forte intensità che dal pomeriggio-sera di oggi inizieranno a svilupparsi sull’arco alpino centro-occidentale per poi raggiungere le pianure del Piemonte e della Lombardia dove sarà elevata la probabilità di incorrere in nubifragi, grandinate e colpi di vento.



Domani e lunedì le giornate più perturbate, con il sistema frontale che gradualmente andrà ad interessare tutto il Nord e il versante tirrenico. Nel corso di domenica i fenomeni più intensi e localmente violenti si concentreranno probabilmente tra il Piemonte, la Lombardia, l’Emilia occidentale, il Levante Ligure e la Toscana settentrionale (fig. 3, a sinistra) e tenderanno a estendersi verso il Nord-Est, la Sardegna centro-settentrionale e il medio Tirreno.

Lunedì ancora maltempo al Nord, con instabilità diffusa e precipitazioni ancora una volta localmente di forte intensità, ma con tendenza ad attenuazione dei fenomeni a cominciare dal Piemonte e dalla Valle d’Aosta e ad estensione degli stessi alla Campania e probabilmente anche all’alta Calabria, dove potrebbero ancora una volta assumere localmente caratteristiche di forte intensità (fig. 3, a destra). Con il rovesciamento dell’aria fredda presente in quota grazie alle precipitazioni e con la ventilazione prevalente da nord-ovest si concretizzerà così il sensibile calo delle temperature che domani interesserà soprattutto il Nord-Ovest (fig. 4, a sinistra) e lunedì si sarà ormai esteso a quasi tutta l’Italia: le temperature massime potrebbero risultare anche piuttosto fresche tra Piemonte, Lombardia ed Emilia occidentale (sui 20-23 °C) ed essere per lo più comprese tra 24 e 28 °C sul resto d’Italia, ad eccezione della Puglia e della fascia ionica di Calabria e Sicilia dove si potrebbero ancora toccare i 30-33 °C (fig. 4, a destra): su questi settori un ulteriore calo termico è previsto per martedì. Sensibile calo termico anche per le minime notturne: a tal proposito, approfondiremo questo aspetto in uno dei prossimi interventi quando parleremo del tempo previsto per martedì 29.

Mappa 28 agosto 2023

Stima piogge 27-28 agosto 2023
Stima delle temperature 27-28 agosto 2023

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa