Immagine Stelle cadenti e le notti di San Lorenzo: le Perseidi
Come ogni anno si rinnova lo spettacolo delle stelle cadenti, in particolare quello delle Perseidi. Noi ne parliamo in maniera più scientifica, ma non per... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Calcolo della Pressione di Vapore
La pressione totale esercitata da una miscela di gas è uguale alla somma delle pressioni parziali... Leggi tutto...
Immagine PRIME INDICAZIONI SULLO SCENARIO METEO ATTESO INTORNO A NATALE
Verso la fine della prossima settimana la situazione meteorologica prevista in quota a larga scala... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 7 - I MODELLI FISICO-MATEMATICI E LA PREVISIONE DEL TEMPO
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 2m (ita) - ARW by ICON
Modello WRF-ARW con la tipica carta, in questo caso riferita all'Italia, della temperatura a 2m... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 6hSnow (ita) - ARW by GFS
Mappa sull'Italia del modello WRF ARW (dati GFS) con l'altezza dello zero termico e l'accumulo di... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

LE ONDATE DI CALORE E LA TEMUTA CARATTERISTICA DELLA PERSISTENZA

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 04 Luglio 2023 19:00

LE ONDATE DI CALORE E LA TEMUTA CARATTERISTICA DELLA PERSISTENZA

Scenari d'ensemble sulla verticale di RomaArrivati al 4 luglio, possiamo dire che fino a questo momento l’estate si è mostrata tutto sommato clemente dal punto di vista termico perché ha concesso una sola volta al promontorio nord africano la possibilità di espandersi verso il Mediterraneo portando con sé quella massa d’aria molto calda che viene prelevata dall’entroterra sahariano. Ora, come abbiamo già anticipato nelle precedenti analisi, a partire dal fine settimana andrà profilandosi una seconda espansione in quota della figura anticiclonica che interesserà la nostra penisola in maniera più diretta dall’inizio della prossima settimana e che darà così il via a una seconda ondata di caldo.

Vista la distanza temporale dall’evento, valuteremo passo dopo passo l’intensità che avrà l’avvezione della massa d’aria subtropicale in arrivo perché le temperature che si registreranno in prossimità del suolo dipenderanno, per una buona parte, da quanta aria calda sarà trasportata in quota fino alle nostre latitudini. Guardando però le previsioni di insieme elaborate dal sistema probabilistico, che come un detective esplora tutti i possibili scenari futuri a cui può andare incontro la dinamica atmosferica, il segnale che emerge lascerebbe pochi dubbi sulla caratteristica più temuta delle ondate di calore: quella della persistenza (fig. 1).

Per quanto non sia ancora possibile infatti definire con una buona affidabilità quanto caldo potrà fare nei prossimi giorni pur consapevoli che le temperature si porteranno anche ben al di sopra delle medie climatologiche del periodo, il comportamento degli scenari nel loro complesso lasciano trasparire piuttosto chiaramente una continuità prolungata dell’evento su una finestra temporale che abbraccerebbe almeno tutta la seconda decade di luglio. Ciò significa che, in base ai dati attuali, possiamo sapere l’inizio della fase calda ma non abbiamo ancora alcuna indicazione affidabile da analizzare anche per sommi capi al fine di abbozzare una sua attenuazione o una sua fine: in altre parole, vedremo per quanti giorni ci troveremo con lo sguardo proiettato verso l’orizzonte senza scorgere cambiamenti significativi del disegno sinottico appena descritto.



Se queste sono le premesse, diventa allora realistico supporre che la persistenza di questo segnale vada a incidere in modo significativo anche sull’anomalia prevista della temperatura in prossimità del suolo (fig. 2). Lo scarto dalla climatologia del periodo potrebbe presentarsi diffusa e mediamente intensa dal 9 luglio fino a data ancora da destinarsi: potremmo quindi trovarci di fronte ad un evento che, almeno per durata, potrebbe essere paragonabile all’ondata di calore che ha interessato la maggior parte dei paesi occidentali europei durante lo scorso periodo natalizio.

Persistenza attesa del segnale fino al 18 luglio 2023


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche allapagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa