Immagine Milano vs Bologna: Aprile 2012
E' stato infatti un aprile in netta controtendenza rispetto ai mesi precedenti (ad eccezione di febbraio nel caso di Bologna), ovvero termicamente in media e... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
 è un saggio che tratta temi di grande e pressante attualità, dedicato a tutti coloro che... Leggi tutto...
Immagine La tendenza per la seconda decade di Settembre 2021
Proviamo a dare un’occhiata a lungo termine per vedere se si intravede qualche timido segnale che... Leggi tutto...
Immagine Dicembre 2013: inverno assente e temperature miti
Dicembre dal "volto" autunnale, più che invernale, è la sintesi del rapporto stilato in questi... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Pomezia (Roma)
Webcam a Pomezia, in provincia di Roma (RM), Lazio.
Immagine Webcam - La Maddalena (Olbia Tempio)
Webcam con vista da La Maddalena Veduta della spiaggia dello Strangolato, Abbatoggia, provincia di... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

NUOVO PASSAGGIO INSTABILE DA DOMENICA A PARTIRE DAL NORD, MA È INCERTA L’ENTITÀ DELLE PRECIPITAZIONI

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 26 Aprile 2023 12:00

NUOVO PASSAGGIO INSTABILE DA DOMENICA A PARTIRE DAL NORD, MA È INCERTA L’ENTITÀ DELLE PRECIPITAZIONI

Tendenza saccatura per i primi giorni di maggio 2023Le nostre regioni nord-occidentali aspettano la pioggia come manna dal cielo per mettere qualche pezza, prima dell’arrivo dell’estate, alla grave situazione idrica che ormai da molti mesi interessa questo settore della nostra penisola. Per sperare nelle precipitazioni si spera sempre nell’apertura della porta atlantica, l’unica a garantire le precipitazioni primaverili che servono per recuperare parte dei troppi millimetri che mancano all’appello. Seguire l’evoluzione del tempo diventa quindi anche un guardare sempre alla Francia e alla Spagna perché è da ovest che arrivano quei sistemi perturbati che sanno svolgere appieno il proprio lavoro e che quindi, con la complicità della ventilazione meridionale che li precede, sanno distribuire precipitazioni significative.

Sarà questo lo scenario che ci attende all’inizio di maggio? Non del tutto.Osservando infatti l’evoluzione della struttura barica prevista avvicinarsi alla nostra penisola per poi attraversarla con buona probabilità nei primi giorni della prossima settimana, si osserva che il ritorno delle precipitazioni sull’Italia dipenderà dal passaggio di una depressione in quota che si svilupperà in un modesto cavo d’onda in approccio alle Alpi occidentali entro il 1° maggio e in successiva evoluzione verso la Sardegna sotto la spinta di una poderosa espansione ad ovest del promontorio subtropicale (fig. 1). Per intenderci, è la figura anticiclonica ad avere in mano le redini del gioco e di conseguenza la circolazione di bassa pressione, anche per via della sua limitata estensione spaziale, sarà costretta a subire passivamente le manovre della figura barica antagonista.



Per la modellistica numerica, questo gioco di forze si sta traducendo in una certa incertezza nell’inquadrare nel modo più realistico possibile le conseguenze del passaggio del minimo depressionario perché dalla sua traiettoria e dalla sua velocità di spostamento verso sud dipenderanno la permanenza e l’intensità delle precipitazioni che interesseranno l’Italia, ad iniziare proprio dal settore di Nord-Ovest.

Per avere un’idea di questa incertezza, traducibile ancora in una scarsa affidabilità su quanta pioggia potrebbe cadere, è significativo per esempio il grafico dei cinquanta scenari di ensemble calcolati per Cuneo e quindi rappresentativi per il Piemonte meridionale (fig. 2). In questo grafico si vedono certamente dei picchi importanti di precipitazione, ma se la previsione media tende a smussarli vuol dire che questi scenari sono abbastanza isolati e quindi poco probabili. Questo andamento suggerisce allora che potremmo avere un normale passaggio piovoso, da confermare nei prossimi aggiornamenti: purtroppo la limitata estensione spaziale del minimo, che sarà responsabile del passaggio instabile, è uno dei fattori più importanti nel decidere la distribuzione e l’intensità delle piogge.

Scenari di pioggia per il Piemonte meridionale


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa