Immagine Previsioni meteo Basilicata - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Basilicata. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle 24 ore...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine Webcam in Veneto
Una selezione delle webcam disponibili nella regione Veneto Vittorio Veneto (TV)Caorle (VE)Lido di... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Brusson (Aosta)
Webcam Brusson, immagine panoramica in provincia di Aosta (AO), regione Valle d'Aosta.
Immagine La piccola Era Glaciale e il Minimo di Maunder
E' una tra le storie climatiche e umane che fanno riflettere: climatiche perché diamo troppo per... Leggi tutto...
Immagine SI RAFFORZA L’IPOTESI DI UN IMPORTANTE CAMBIAMENTO NELLA SECONDA PARTE DELLA S...
Il Mediterraneo centro-occidentale si trova sotto un dominio anticiclonico di matrice azzorriana... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

UN COLPO D’AUTUNNO NELLA SECONDA PARTE DELLA SETTIMANA CON CALO TERMICO, PIOGGE E NEVE SULLE ALPI, MA SENZA ILLUSIONI

Scritto da Andrea Corigliano Lunedì 31 Ottobre 2022 12:00

UN COLPO D’AUTUNNO NELLA SECONDA PARTE DELLA SETTIMANA CON CALO TERMICO, PIOGGE E NEVE SULLE ALPI, MA SENZA ILLUSIONI

La saccatura attesa tra il 3 e il 5 ottobre 2022Nella descrizione della futura dinamica atmosferica ci eravamo lasciati parlando di una saccatura atlantica in arrivo nella seconda parte di questa settimana su cui però aleggiava ancora dell’incertezza per la difficoltà, da parte della modellistica numerica, di inquadrare le modalità del passaggio perturbato anche a causa della sua modesta estensione spaziale. Con i nuovi aggiornamenti il transito del cavo d’onda viene confermato tra giovedì 3 e sabato 5 novembre, così come si conferma anche quel «vizio» che ha il campo anticiclonico a risollevare rapidamente il campo di pressione a partire da ovest e contribuire a far fuggire la circolazione ciclonica verso est-sudest (fig. 1).

Ancora una volta, ci troviamo così ad assistere a un cambiamento del tempo pilotato in quota da correnti nord-occidentali e quindi poco favorevoli a portare precipitazioni continue e organizzate proprio in quell’area della nostra penisola dove rimane molto critico il deficit pluviometrico. Il flusso da nord-ovest trasporterà verso il Mediterraneo centrale anche aria fredda di origine polare marittima, in arrivo dal sud della Groenlandia. Oltre alle precipitazioni, che interesseranno soprattutto il settore centro-orientale del Nord e poi a seguire anche il resto della nostra penisola con i fenomeni che potrebbero risultare più intensi soprattutto sul versante tirrenico centro meridionale, assisteremo anche a un sensibile calo delle temperature, compreso grosso modo nella forbice 5-10 °C (fig. 2).

La nuova massa d’aria causerà quindi anche un calo della quota dello zero termico, ragion per cui è ragionevole pensare che nella giornata di venerdì 4 possa nevicare sul settore alpino centro-orientale fino a quote per lo più comprese tra i 1200 e i 1500 metri. A scanso di equivoci è bene precisare che non è in arrivo l’inverno, ma condizioni atmosferiche più consone al periodo: anche se il salto tra le condizioni atmosferiche attuali e quelle in arrivo sarà brusco, non dimentichiamoci che l’anomalia della circolazione atmosferica è quella che ci ha in pratica accompagnato per tutto ottobre e non certo il breve sussulto autunnale in arrivo.



Non avremo infatti un cambiamento che sarà capace di imprimere una svolta alla stagione. Questo passaggio perturbato assumerà le caratteristiche di uno strappo per l’impossibilità che ancora ha la circolazione perturbata atlantica di imporsi alle nostre latitudini a causa dell’invadenza del campo anticiclonico. L’evoluzione a lungo termine, valida per la fine della prima decade di novembre, ci mostra infatti una tendenza del promontorio subtropicale a riaffermarsi sul bacino centro-occidentale del Mediterraneo e a bloccare così eventuali nuovi impulsi perturbati fino a una data che ancora non possiamo fissare (fig. 3). Dello stesso avviso gli scenari di ensemble delle precipitazioni validi per Torino, presi come esempio per il Nord-Ovest, che attestano quanto sarà probabilmente debole ancora per diversi giorni il segnale piovoso.

Anomalia della temperatura 3-5 Ottobre 2022

Linea di tendenza per il 7-9 novembre 2022

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa