Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Ang...
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la sua grande capacità divulgativa. Provate ad... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Verona
La provincia di Verona è la seconda provincia del Veneto e del Triveneto per numero di abitanti... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Firenze
La provincia di Firenze (ora Città metropolitana di Firenze) è la prima provincia toscana per... Leggi tutto...
Immagine GFS 850hPa Temp - Anomaly
Temperatura a 850hPa prevista dal modello americano GFS confrontata con la climatologia.
Immagine GENS 850hPa Temp Spag
Modello americano GFS con il calcolo di 21 corse. Sono rappresentate tre isoterme di riferimento.
Immagine Un posto al Sole: come sarebbe il mondo senza...
Spesso non ci si rende conto che quel clima che noi diamo per scontato è il risultato di lunghe... Leggi tutto...
Immagine Nubi alte: cirri, cirrostrati, e cirrocumuli
Nubi isolate costituite da cristalli di ghiaccio minutissimi, che ne spiegano la particolare... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

NEI PROSSIMI GIORNI SCAMPOLI D’ATLANTICO SU PARTE DEL NORD, MENTRE ALTROVE CONTINUERÀ IL DOMINIO ANTICICLONICO

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 19 Ottobre 2022 16:00

NEI PROSSIMI GIORNI SCAMPOLI D’ATLANTICO SU PARTE DEL NORD, MENTRE ALTROVE CONTINUERÀ IL DOMINIO ANTICICLONICO

Mappe di previsione per il 21-22 ottobre 2022Una trottola ciclonica è parcheggiata sul vicino Oceano Atlantico ed è associata a un sistema nuvoloso che interessa in particolare la penisola iberica e la regione francese. È lei la responsabile della fase stabile e mite che sta interessando le nostre regioni e buona parte del continente europeo centro-orientale perché, come abbiamo detto nelle precedenti analisi, questa circolazione pilota verso di noi aria calda subtropicale che rende stabile la colonna atmosferica e causa temperature superiori alle medie stagionali. Nei prossimi giorni questa situazione a grande scala subirà una modesta modifica che finirà per condizionare il tempo di alcune aree del Nord Italia.

Ruotando su se stessa, la circolazione ciclonica andrà infatti a ridisegnare parzialmente lo schema barico sull’Europa occidentale (fig. 1, a sinistra), dove scorrerà un flusso umido e moderatamente instabile che andrà a indebolire la struttura anticiclonica nord africana lungo il suo bordo occidentale. Questo calo della pressione permetterà l’inserimento del ramo periferico del flusso atlantico anche su parte delle nostre regioni settentrionali e in particolare sul settore di Nord-Ovest, dove tra venerdì 21 e sabato 22 sono previste alcune precipitazioni (fig. 1, a destra).

Non essendo però presente un minimo di pressione al suolo perché le correnti umide e instabili si troveranno in pratica a scorrere sul bordo settentrionale di un promontorio, le precipitazioni finiranno per essere più probabili soprattutto dove il sollevamento orografico (stau) fornirà la spinta necessaria per costruire i moti verticali: saranno quindi i settori alpini, prealpini ed appenninici, limitatamente al Levante Ligure e alla Toscana settentrionale, a vedere probabilmente fenomeni un po’ più continui e organizzati. Queste condizioni atmosferiche potrebbero rinnovarsi anche nei giorni successivi, almeno fino all’inizio della prossima settimana.

La situazione a grande scala non è infatti destinata a cambiare più di tanto nei prossimi 5-6 giorni, ragion per cui potremmo ancora trovarci con parte del Nord sotto l’influenza marginale del flusso atlantico in risalita lungo il bordo occidentale del promontorio nord africano e quest’ultimo ancora ben saldo sulle nostre regioni centro-meridionali (fig. 2, a sinistra). Si tratterà quindi di una situazione che manterrà sempre attiva una risposta di aria calda proveniente dalle latitudini subtropicali e quindi che favorirà un allungamento della fase molto mite che ormai ci interessa da diversi giorni (fig. 2, a destra).



Infine, alcune considerazioni. L’analisi dell’evoluzione appena proposta denota come sia ancora il campo anticiclonico a decidere le sorti del tempo sul Mediterraneo anche a stagione autunnale che ormai possiamo dire inoltrata. Siamo ancora in un assetto barico di stampo simil-estivo, in cui possiamo dire che «una perturbazione si trova nelle condizioni di dover chiedere il permesso per entrare alle nostre latitudini». Ma il permesso le viene negato e viene al contrario appena concesso il passaggio di un flusso instabile periferico alla circolazione ciclonica principale che si limita ad avvicinarsi all'Europa occidentale, senza proseguire la sua corsa perché la corrente portante è debole e non ne permette l'avanzamento. Dovrebbe succedere il contrario, vale a dire che il flusso perturbato dovrebbe avere in mano le redini della dinamica ma pare che ancora non sia giunto il momento. Un momento che ancora non si vede in lontananza perché segnali in tal senso sono ancora ridotti al lumicino e quindi molto poco convincenti.

Mappe di previsione fine ottobre 2022



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa