Immagine WRF Fog-Dpt (centro-nord) - ARW by GFS
In questa mappa WRF-ARW (GFS) per il Centro-Nord estrapoliamo, assieme alla dew point (temperatura di rugiada) anche la possibilità di nebbia.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Equazione di stato dei gas
Si tratta di una forma semplificata, valida sotto opportune ipotesi (molecole dell'aria considerate... Leggi tutto...
Immagine Inverno 2019: al via la prima intensa irruzione di aria artica
DISCUSSIONE ATTORNO AI DELICATI BILANCI TERMODINAMICI SU CUI SI GIOCA LA PROBABILITÀ DI AVERE... Leggi tutto...
Immagine WRF 850hPa Temp - Wind (ita - backup 2)
Modello WRF. Carta di backup della temperatura e della circolazione dei venti all'altezza... Leggi tutto...
Immagine WRF Fog-Dpt (ita - backup)
Mappa WRF per l'Italia (backup) per determinare, assieme alla dew point (temperatura di rugiada)... Leggi tutto...
Immagine Meteo Oggi Italia
Meteo oggi in italia, le previsioni del tempo per la giornata odierna con mappe e simboli riassunte... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Livorno
La parte nord della provincia di Livorno, alle spalle del porto, è pianeggiante e con un ambiente... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

IN ARRIVO LA QUINTA ONDATA DI CALDO, MA CON IL MINIMO SFORZO DEL PROMONTORIO NORD AFRICANO

Scritto da Andrea Corigliano Lunedì 01 Agosto 2022 18:00

IN ARRIVO LA QUINTA ONDATA DI CALDO, MA CON IL MINIMO SFORZO DEL PROMONTORIO NORD AFRICANO

Mappa di previsione per il 4 Agosto 2022Eccoci all’inizio di una nuova ondata di caldo, la quinta di questa stagione estiva che oggi inizia il suo ultimo mese di vita dal punto di vista meteorologico. Eccoci a descrivere l’evoluzione di una dinamica atmosferica che in teoria sarebbe poco differente rispetto a quelle che la hanno preceduta dal momento che ormai sappiamo molto bene come si verifica un’espansione del promontorio nord africano verso le nostre latitudini.

Se vogliamo però cogliere una piccola novità all’interno di un panorama atmosferico che in questi ultimi tre mesi ha visto protagonista sempre lo stesso scenario, possiamo dire che in questo caso stiamo per veder nascere un’ondata di caldo senza che l’atmosfera si sforzi un granché per portarla a compimento. Sappiamo infatti che l’intensità dell’avvezione subtropicale diretta verso le nostre regioni dipende spesso da quanto riesce ad essere incisiva alle basse latitudini l’azione di una saccatura o di una goccia fredda al largo delle coste portoghesi.

Nei prossimi giorni, e in modo particolare da mercoledì, vedremo invece in azione il settore periferico dell’ampia circolazione depressionaria facente capo al Ciclone d’Islanda che solleticherà appena la fascia anticiclonica subtropicale, andando così a richiamare lungo il ramo ascendente aria calda che, risalendo verso nord est, darà forma a una cresta anticiclonica con asse disposto in quota dalle Isole Baleari alla Russia occidentale (vedi figura).

Partendo da un’evoluzione di questo tipo, è evidente che il promontorio risentirà dell’azione levigante della circolazione ciclonica lungo il proprio fianco occidentale, tanto da mostrare una configurazione sinottica dall’equilibrio un po' precario e caratterizzata da geopotenziali non così elevati come per esempio sono stati quelli raggiunti nell’ultima onda di calore.

Questa parziale mancanza di stabilità della cresta dell’onda sarà evidente anche nell’intensità dell’avvezione subtropicale in media troposfera perché, essendo più debole la spinta verso sud dell’aria fredda a ovest, sarà di conseguenza più debole anche la spinta verso nord dell’aria calda a est che solo a fasi alterne e in maniera non uniforme riuscirà a sopraggiungere al Centro-Nord con l’isoterma di 20 °C a 850 hPa (circa 1500 metri). Tra mercoledì 3 e venerdì 5, la forma del promontorio e la posizione del suo asse riusciranno comunque a esacerbare gli effetti del riscaldamento soprattutto sulle regioni settentrionali, sul versante tirrenico centro-settentrionale e sulla Sardegna dove, almeno fino al week-end, si attendono le temperature massime più elevate e in genere comprese tra 33 e 38 °C, in particolare nelle aree interne.



Fino a venerdì caldo meno intenso altrove ad eccezione del foggiano, materano e catanese dove non si escludono valori fino a 35-37 °C: una previsione più accurata del campo termico previsto sarà comunque fornita nei prossimi aggiornamenti, quando vedremo anche se la modellistica numerica riuscirà a cogliere segnali più robusti circa un cambiamento di scenario che, al momento, si limita appena ad un’attenuazione del caldo per l’inizio della prossima settimana.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Per le classiche previsioni del tempo, vai al meteo per oggidomani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa