Immagine Il Calendario Giuliano e l'idiozia dell'anno bistesto anno funesto
"Non è vero... ma ci credo". Non è solo una commedia in tre atti del 1942, scritta dal grande Peppino De Filippo. E' il modo di pensare di chi non resiste... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Roma (WRF)
Radiosondaggi attesi sulla città di Roma. Modello WRF-NMM
Immagine Spaghetti Ensemble di Pordenone
Gli spaghetti località per località. L'andamento previsto sia del geopotenziale a 500hPa che... Leggi tutto...
Immagine ANALISI DEI DUE DIVERSI SCENARI CHE CARATTERIZZERANNO IL TEMPO NELLA SETTIMANA D...
Entriamo un po’ più nel dettaglio nella dinamica atmosferica che ci attende nella settimana di... Leggi tutto...
Immagine FINE SETTIMANA CON MALTEMPO MOLTO GRAVE AL NORD-OVEST
Una delle regole più importanti della buona informazione meteorologica è quella di stare... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

PRIMI CENNI SULLA LINEA DI TENDENZA PER LA PROSSIMA SETTIMANA (11-17 LUGLIO)

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 09 Luglio 2022 00:00

PRIMI CENNI SULLA LINEA DI TENDENZA PER LA PROSSIMA SETTIMANA (11-17 LUGLIO)

Evoluzione media attesa per la settimana 11-17 Luglio 2022Le condizioni meteorologiche della prossima settimana saranno sostanzialmente dominate dalla stabilità atmosferica. Questo stato del tempo avrà però due registi diversi perché, se fino a mercoledì 13 sarà l’anticiclone delle Azzorre a garantire una prevalenza di cielo sereno con un caldo senza eccessi, nella seconda parte della settimana inizierà a farsi sempre più incalzante l’influenza del promontorio nord africano. La campana anticiclonica di matrice subtropicale continentale sta già interessando la penisola iberica, dove già nella giornata odierna - venerdì 8 - le temperature massime hanno superato i 38 °C nel settore sud-occidentale della regione, con picchi di 40.9 °C a Evora in Portogallo e di 41.1 °C a Cordoba, in Spagna.

Proprio da qui inizierà la nuova espansione del promontorio che, specie da lunedì 11, inizierà a richiamare aria rovente dall’entroterra marocchino verso tutta la penisola iberica, sulla cui verticale a circa 1500 metri sono previste isoterme anche superiori ai 25 °C che porterebbero, al suolo, temperature massime diffusamente oltre i 40 °C. La spinta meridiana della massa d’aria sahariana sarà agevolata, come sempre, dalla quasi stazionarietà di una goccia fredda che nei prossimi tre giorni andrà gradualmente approfondendosi ad ovest delle coste portoghesi. Sarà questa figura barica a modulare, successivamente, la forma e l’intensità dell’ondulazione subtropicale e quindi a decidere come la campana anticiclonica nord africana potrebbe avanzare verso nord-est per andare a estendere la propria influenza dapprima alla Francia e poi, probabilmente, anche alla nostra penisola.

Lo scenario medio previsto per la prossima settimana (figura a sinistra) si limita infatti a relegare ancora ai settori sud-occidentali europei il trasporto della parte più calda della massa d’aria e a porre invece l’Italia sul fianco discendente dell’ondulazione.Proprio per questa posizione assunta dal campo anticiclonico, la circolazione atmosferica associata porterà le temperature medie settimanali a raggiungere valori ben al di sopra delle medie del periodo sulla penisola iberica e sulla Francia, dove potrebbe risultare anche piuttosto elevata la probabilità di registrare nuovi record di caldo.

La nostra penisola, invece, si troverà a metà strada tra le influenze di un flusso subtropicale sempre più vicino alle nostre regioni settentrionali a partire da giovedì 14 e quelle di un flusso settentrionale che fino a quello stesso giorno manterrà ancora il campo termico di qualche grado al di sotto della norma sul versante adriatico centrale e al Sud (immagine a destra).



L’influenza della circolazione nord africana sull’Italia potrebbe essere più incisiva nella settimana successiva ma tutto dipenderà, ancora una volta, dall’evoluzione di quella goccia fredda: sarà lei l’incognita del nostro tempo perché dal suo movimento sul vicino Atlantico dipenderà la forma del promontorio, la posizione del suo asse e la traiettoria della massa d’aria sahariana. Per questo motivo non possiamo ancora scendere dei dettagli sull’entità della quarta ondata di caldo che possiamo ritenere solo probabile, ma senza ancora definirla con maggiore precisione.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa