Immagine UE presenta libro bianco Clima-Energia 2030: preoccupante retromarcia?
Il libro bianco Clima-Energia 2030 adottato dalla Commissione europea rappresenta una preoccupante e pericolosa retromarcia rispetto agli impegni assunti... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...
Immagine WRF 850hPa Temp - Wind (ita) - ARW by ICON
Modello WRF-ARW con la mappa sull'Italia della temperatura e della circolazione dei venti... Leggi tutto...
Immagine NAVGEM 12h Snow
Navgem, il nuovo modello fisico matematico della Marina Americana. Neve accumulata in 12 ore e 0°C... Leggi tutto...
Immagine Anticiclone delle Azzorre e Africano: chiarimento definitivo
Ogni anno, specialmente durante la stagione estiva, nasce una piccola "polemica" sull'attribuzione... Leggi tutto...
Immagine Indici di instabilità
È grazie a questi ultimi (moti convettivi) che si sviluppano celle temporalesche e quindi le... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

LA SACCATURA EVOLVERÀ IN GOCCIA FREDDA E LA PREVISIONE DELLA SUA EVOLUZIONE SI COMPLICA

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 22 Maggio 2022 09:00

LA SACCATURA EVOLVERÀ IN GOCCIA FREDDA E LA PREVISIONE DELLA SUA EVOLUZIONE SI COMPLICA

Spaghetti Ensemble per il 24 e il 26 Maggio 2022Grazie alla modellistica numerica stiamo seguendo la simulazione dell’evoluzione della saccatura atlantica che entro le prossime ventiquattro ore inizierà a esporre le nostre regioni settentrionali a un cambio di circolazione, con l’ingresso di aria più fresca a rotazione ciclonica che renderà la colonna atmosferica sempre più instabile e che entro martedì renderà altamente probabile la formazione di temporali anche di forte intensità soprattutto sul settore alpino, prealpino e le vicine aree di pianura (figura a sinistra).

La dinamica successiva, invece, tende a perdere rapidamente affidabilità per via della trasformazione a cui andrà incontro il cavo d’onda in ingresso sul Mediterraneo occidentale. Il centro di bassa pressione posizionato tra le Isole Britanniche e il Mare del Nord non avrà infatti la forza per spingere la saccatura verso levante, incalzato dall’Anticiclone delle Azzorre che chiuderà la sua alimentazione con il flusso perturbato atlantico. Ne conseguirà così l’isolamento di una circolazione chiusa di bassa pressione, attiva soprattutto in quota (goccia fredda) e ricolma di aria più fresca che inizialmente potrebbe collocarsi tra le Isole Baleari e la Sardegna.

Come si può notare osservando negli scenari di ensemble la previsione di questa dinamica (figura a destra), sussiste ancora un’incertezza non trascurabile sulla posizione che potrebbe assumere questa circolazione ciclonica secondaria tra mercoledì 25 e giovedì 26 maggio e, di conseguenza, aumenta il rischio di formulare previsioni fallaci se non prima aspettiamo che il sistema probabilistico abbia individuato in modo più attendibile la posizione del minimo per poi seguirne l’evoluzione futura.

Non stiamo infatti parlando di figure bariche che si sviluppano a scala sinottica e per le quali l’attendibilità diventa buona anche a 6-7 giorni, ma di centri depressionari di limitata estensione spaziale in cui spostamenti anche di 100-200 km fanno la differenza sullo stato del tempo atteso e, in particolare, su dove saranno più produttive le condizioni di instabilità atmosferica.



Al momento, solo su un aspetto possiamo essere abbastanza sicuri e cioè sul fatto che la formazione di una goccia fredda a ovest della nostra penisola rallenterà la sostituzione della massa d’aria sulle nostre regioni centro-meridionali fino a quando su queste aree la circolazione ciclonica lascerà agire un flusso meridionale (freccia rossa). Questa evoluzione dovrà quindi essere seguita passo dopo passo, proprio per l’incertezza che già a medio termine condiziona questo tipo di dinamiche.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa