Immagine Webcam - Vittorio Veneto (Treviso)
Webcam Vittorio Veneto, Piazza Giovanni Paolo I°, provincia di Treviso (TV), regione Veneto.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine WRF 0C-12hSnow (centro-sud) - ARW by ICON
Modello fisico numerico WRF-ARW con l'accumulo di neve previsto sul Centro-Sud Italia in 12 ore (in... Leggi tutto...
Immagine GFS Temp 2m Italia
GFS Temp 2m è la mappa che descrive la temperatura prevista dal modello gfs sull'Italia... Leggi tutto...
Immagine CICLOGENESI MEDITERRANEE SENZA SOSTA: CONTINUA L’AUTUNNO CON L’EGEMONIA DELL...
Il tempo di questi giorni e quello che ci accompagnerà anche nei prossimi può essere un chiaro... Leggi tutto...
Immagine Assaggio di primavera, ma per l'aria fredda è solo una pausa...
L’inverno tardivo potrebbe non essersi ancora concluso. Se tra oggi e domani si consumerà... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

PRIME INDICAZIONI SULLO SCENARIO METEO ATTESO INTORNO A NATALE

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 18 Dicembre 2021 00:00

PRIME INDICAZIONI SULLO SCENARIO METEO ATTESO INTORNO A NATALE

Proiezione Natale 2021Verso la fine della prossima settimana la situazione meteorologica prevista in quota a larga scala (o scala sinottica) sarà probabilmente caratterizzata da un nuovo cambiamento di scenario. La saccatura artica che tra lunedì e giovedì prossimi porterà un’intensa ondata di gelo sull’Europa centro-orientale si ritirerà tra la penisola scandinava e il nord della Russia e da questa posizione potrebbe estendere la propria influenza verso le Isole Britanniche. Sulla Groenlandia potrebbe invece stazionare una figura di relativa alta pressione, proveniente dal distaccamento della cresta del promontorio di blocco che si è formato nelle ultime 48 ore e che, come abbiamo detto, nei prossimi giorni evolverà puntando l’asse verso quell’area del Nord Atlantico. Alle nostre latitudini, invece, tornerebbe a scorrere il flusso atlantico e quindi l'Italia si troverebbe esposta a una massa d’aria umida e instabile.



Ad oggi, l’affidabilità dello scenario appena descritto è «media» (semaforo giallo), ma se tentiamo di scendere nei dettagli si scade rapidamente verso un’affidabilità «bassa» (semaforo rosso). Ciò significa che, pur avendo un’idea di massima di quali saranno i protagonisti che saliranno sul palcoscenico euro-atlantico nel week-end natalizio, non è ancora possibile stabilire se per esempio saremo interessati dal passaggio di una perturbazione debole o intensa o se quel flusso occidentale porterà solo una nuvolosità per lo più irregolare con scarsi fenomeni. Se quindi per avere una previsione affidabile sullo stato del tempo per i giorni intorno a Natale bisogna aspettare ancora qualche giorno, per quanto riguarda la temperatura possiamo invece dire che in generale non farà freddo perché le correnti occidentali trasportano non solo aria umida e instabile, ma anche mite.


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa