Immagine Radar area parte dell'Italia Centrale
Mappa Radar a cura di CETEMPS, parte dell'Italia Centrale.(Se la mappa non è aggiornata prova a ricaricare la pagina o a svuotare la cache del tuo browser).
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Webcam - Todi (Perugia)
Webcam a Todi, che inquadra la splendida città in provincia di Perugia (PG), regione Umbria.Sotto... Leggi tutto...
Immagine Meteosat. Italia e parte dell'Europa. Canale: VIS (visibile)
Immagine nel canale visibile (VIS) del satellite MSG (Meteosat Second Generation) di Eumetsat... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 1 - L’atmosfera: costituzione, struttura e proprietà
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Probabile una nuova irruzione di aria fredda dal 2-3 Gennaio
Il nuovo anno potrebbe debuttare con un’irruzione di aria fredda che, sulla carta, potrebbe... Leggi tutto...
Immagine DIDATTICA METEO: IL GRADIENTE BARICO, LO SCIVOLO CHE DÀ VELOCITÀ AL VENTO
Tra venerdì e sabato (20-21 Novembre 2020) l’Italia è stata interessata da forti venti... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLE PRIME IPOTESI DI NEVE IN PIANURA AL NORD-OVEST INTORNO ALL’8-9 DICEMBRE

Scritto da Andrea Corigliano Giovedì 02 Dicembre 2021 18:00

ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLE PRIME IPOTESI DI NEVE IN PIANURA AL NORD-OVEST INTORNO ALL’8-9 DICEMBRE

Scenario atteso per l'8-9 Dicembre 2021La neve in pianura è uno degli argomenti più gettonati durante la stagione invernale perché, come si può bene immaginare, genera molto interesse e quindi attira l’attenzione dell’utenza. Stiamo però parlando di una idrometeora che, per conservarsi fino al suolo mantenendo intatta la propria veste bianca, ha bisogno di un perfetto incastro dei valori delle grandezze atmosferiche. In altre parole, per avere la neve in pianura l’atmosfera deve sedersi a tavolino e dosare al meglio tutti gli ingredienti: tra i più importanti ricordiamo la temperatura nei vari strati atmosferici che partendo da 1500 metri arrivano fino al suolo, il contenuto di umidità nell’aria e l’intensità della precipitazione.

Dal momento che l’equilibrio circa il mantenimento dei fiocchi fino alle quote di pianura è spesso precario, il limite pioggia-neve corre molto spesso sul filo del rasoio e di conseguenza una previsione relativa a ipotetiche nevicate in pianura, illustrata a distanze temporali che arrivano ancora ad una settimana, sono affette da incertezze anche notevoli. Basti per esempio pensare che per solo mezzo grado il fiocco fonde e diventa una goccia di pioggia. C’è però un aspetto su cui possiamo discutere e riguarda il perché, seppur stiamo parlando di un’evoluzione che ad oggi arriva ad una distanza temporale di una settimana, la modellistica numerica possiede nel ventaglio dei numerosi scenari calcolati anche quelli che prendono in considerazione questa ipotesi. Guardiamo allora il disegno barico previsto verso la metà della prossima settimana (vedi figura). Sulla quota isobarica di 500 hPa, cioè a circa 5500 metri di quota, si osserva l’ingresso sull’Europa centro-occidentale di una nuova saccatura atlantica: si tratta del terzo impulso di questo mese, dopo quello che transiterà alle nostre latitudini tra il 4 e il 6 dicembre, di cui abbiamo già fatto cenno nelle precedenti analisi. Sebbene l’impianto sinottico sia ancora caratterizzato da incertezza che riguarda essenzialmente l’entità dell’affondo della saccatura, è comunque probabile che una tale dinamica a grande scala predisponga la formazione al suolo di una depressione sui nostri mari di ponente e l’intensificazione di un flusso meridionale, oscillante tra ostro e scirocco.



Quegli scenari di “neve in pianura” che compaiono nel mazzo delle condizioni atmosferiche calcolate per metà della prossima settimana nascono proprio da queste condizioni a scala sinottica. Le diverse irruzioni di aria fredda che si stanno susseguendo in questi giorni contribuiranno infatti, di volta in volta, a raffreddare la colonna d'aria delle regioni settentrionali, dove il ricambio eolico portato dal flusso più mite che subentra nelle fasi di ingresso di una perturbazione è limitato. Queste condizioni preparano quindi il Nord Italia, e in modo particolare il Nord-Ovest, alla costruzione di un «cuscinetto freddo» su cui verso la metà della prossima settimana potrebbero scorrere le correnti miti meridionali.

Quando all’inizio dell’articolo si accennava al fatto che tra i più importanti fattori da considerare per la previsione di neve fino in pianura c’è la temperatura nei vari strati atmosferici, si faceva riferimento proprio a questo «cuscinetto» che, ribadiamo, deve essere ancora valutato in termini di estensione e di intensità. È quindi normale che la modellistica numerica prenda fin d’ora in considerazione anche l’ipotesi di «neve in pianura al Nord-Ovest» perché questa ipotesi rientra nel novero di scenari legati all’avvicinamento di una saccatura, al un calo del campo di pressione sui mari ad ovest dell’Italia e all’attivazione di correnti meridionali in scorrimento al di sopra di uno strato di aria fredda, avente temperatura negativa. Un conto è però sapere che questi scenari sono presenti e che, per essere considerati affidabili, devono ancora veder aumentare la probabilità che possano verificarsi; un conto è prendere questi scenari ancora ipotetici e darli già in pasto al pubblico. Tutto a suo tempo, senza fretta: vedremo quindi l’evoluzione di questa previsione nel corso dei prossimi giorni.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!


Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa