Immagine Agosto 2012: Milano e Bologna, climi a confronto
Milano ha chiuso con una media integrale di 25.57°C (+2.47), mentre Bologna di 28.26°C (ben +4.36).Mese quindi eccezionale per la città emiliana, alle prese... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Sassari
La provincia di Sassari è la più grande dell'Italia. A nord è delimitata dal golfo dell'Asinara,... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Piemonte e Valle d'Aosta - Riassunto mattina, pomeriggio, sera,...
Le previsioni meteo attese sulla regione Piemonte e in Valle d'Aosta con il tempo per i prossimi... Leggi tutto...
Immagine L’automazione nella previsione del tempo
Agli inizi del nostro secolo, attraverso il graduale affermarsi delle teorie dinamiche e fisiche... Leggi tutto...
Immagine LE ONDATE DI FREDDO IN ITALIA, LA PREVISIONE CON MAGGIORE INCERTEZZA: I MOTIVI
In figura è riportata la distribuzione del campo termico sulla quota isobarica di 850 hPa (cioè a... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

CICLOGENESI MEDITERRANEE SENZA SOSTA: CONTINUA L’AUTUNNO CON L’EGEMONIA DELLE ALTE PRESSIONI EUROPEE

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 12 Novembre 2021 00:00

CICLOGENESI MEDITERRANEE SENZA SOSTA: CONTINUA L’AUTUNNO CON L’EGEMONIA DELLE ALTE PRESSIONI EUROPEE

Circolazione prevista per il 14 NovembreIl tempo di questi giorni e quello che ci accompagnerà anche nei prossimi può essere un chiaro esempio di come, per comprendere la dinamica atmosferica che influenza le condizioni meteorologiche anche di casa nostra, sia necessario ampliare lo guardo oltre i confini nazionali per avere un quadro il più completo possibile degli attori più importanti che recitano sul palcoscenico europeo. Sebbene il Mediterraneo sia infatti ormai da tempo sede di una circolazione ciclonica di lungo corso che ha dispensato piogge anche abbondanti soprattutto sulle nostre due Isole Maggiori, è errato pensare che solo per questo aspetto l’autunno abbia ingranato la marcia perché ciò che sta mancando a grande scala è un abbassamento di latitudine del flusso perturbato atlantico che si mantenga costante nel tempo. La situazione prevista in quota, a 500 hPa, per domenica sera (fig. 1) non lascia dubbi su quale sia la figura barica dominante sul nostro continente: un vasto campo di alta pressione che dall’Oceano Atlantico si estenderà fino alla penisola scandinava e che costringerà la circolazione ciclonica principale legata alla depressione d’Islanda a pilotare i sistemi perturbati verso le alte latitudini. Sul Mediterraneo, invece, sarà in azione la formazione di una nuova goccia fredda che proprio in questo fine settimana di staccherà dalla sezione periferica di una saccatura capace di bucare temporaneamente il canale anticiclonico di cui sopra. Questo nuovo impulso instabile in ingresso sul nostro bacino dall’Europa centrale scompaginerà l’assetto barico sui nostri mari, dettato fino a questo momento dalla circolazione ciclonica che da più giorni è rimasta bloccata in posizione quasi stazionaria tra le Isole Baleari e la Sardegna e che, per comodità, chiamiamo B1 (fig. 2, a sinistra). L’ingresso dal Golfo del Leone di aria più fresca che seguirà questo impulso genererà infatti un nuovo minimo al suolo B2 tra il Mar di Corsica e la Costa Azzurra che accompagnerà il passaggio della nuova perturbazione, destinata a interessare durante il fine settimana soprattutto il Nord, il versante tirrenico settentrionale e la Sardegna. Non sarà però solo una la conseguenza che la goccia fredda produrrà sullo stato futuro del nostro tempo perché la graduale estensione del suo raggio d’azione verso l’entroterra algerino, tunisino e libico incentiverà la risalita della corrente a getto subtropicale lungo il fianco sud-orientale del vortice presente alle quote superiori. Dalle prime elaborazioni dei modelli numerici risulterà a questo punto possibile la formazione e la risalita di un nuovo minimo al suolo che chiamiamo B3 e che tra domenica sera e lunedì mattina potrebbe già portarsi sul tratto di mare a sud dell’isola di Malta. Come è bene evidenziato anche nella carta del tempo prevista proprio per domenica sera (fig. 2, a destra), a questa piccola nuova depressione di natura nord-africana potrebbe associarsi la formazione di un fronte caldo la cui evoluzione, nel caso dovesse essere confermato l’innesco, dovrà essere seguita nei prossimi aggiornamenti per i risvolti che potrebbe avere sulle condizioni meteorologiche dell’area ionica. Si osservi che sulla medesima carta del tempo compare anche la posizione degli altri due minimi che, seppur non particolarmente intensi, evidenziano comunque il “traffico ciclonico” che caratterizzerà il bacino centro-occidentale del Mediterraneo.



Concentrandoci ora sul tempo previsto per questo fine settimana (fig. 3), si evidenziano in particolare le ultime piogge legate alla perturbazione che l’attuale vortice ad ovest della Sardegna sta spingendo verso l’area ionica e che si attenueranno entro la giornata di domani (sabato 13), per lasciar spazio proprio al Sud e sulla Sicilia a una domenica in genere soleggiata. Nel corso della giornata di domani, invece, nubi sempre più compatte copriranno il cielo del Centro-Nord con le prime piogge che dal Levante Ligure e dalla Toscana settentrionale risaliranno verso gran parte delle regioni settentrionali, intensificandosi dalla sera-notte soprattutto tra Levante Ligure, nord Toscana, Lombardia, Emilia e Nord-Est. Domenica, invece, piogge al Nord, su Toscana (specie settore costiero) e Sardegna, con tendenza dalla sera ad attenuazione dei fenomeni su Veneto, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige e ad intensificazione degli stessi sul Nord-Ovest che fino a quel momento rimarrà in parziale ombra pluviometrica. Nevicate sull’arco alpino a quote variabili in genere tra i 1400 e i 1800 metri. Nuvolosità variabile al Centro, con nubi più compatte sul versante tirrenico e possibilità di qualche pioggia sulla costa laziale.

Carte per il 14 novembre 2021

Stima precipitazioni per il 14 novembre 2021


Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa