Immagine WRF Prec Type (ita - backup 2)
Mappa sull'Italia del modello WRF con la temperatura prevista a 850hPa e il tipo di precipitazione. 2 run precedenti.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine NAVGEM Wind 10m
Nuovo modello NAVGEM della Marina Americana. In queste mappe il vento a 10m.
Immagine Spaghetti Ensemble di Genova
Modello americano GFS con spaghetti Ensemble. Geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa. La... Leggi tutto...
Immagine Meteosat. Temperatura Top delle Nubi
La temperatura del top delle nubi su parte dell'Europa centro-occidentale e il vicino atlantico in... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Isola del Giglio (Grosseto)
Webcam Isola del Giglio, con panorama sul mare. Provincia di Grosseto (GR), regione Toscana.
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...

PENSIERI E PAROLE (su Bernacca, Baroni e Caroselli)

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 16 Dicembre 2020 00:00

PENSIERI E PAROLE (su Bernacca, Baroni e Caroselli)

Da sinistra: Baroni, Bernacca e CaroselliQuando mi sono avvicinato per la prima volta alla meteorologia non c’era internet. Le mappe meteorologiche che rappresentavano in forma grafica l’evoluzione temporale delle principali grandezze atmosferiche, grazie alle quali è possibile redigere un bollettino meteorologico, erano a disposizione solo dei professionisti del settore che in modo elegante le riproponevano, ogni tanto, in televisione.

Erano i tempi in cui la rubrica “Che tempo fa”, condotta con grande maestria prima dal Colonnello Bernacca e poi dal Generale Andrea Baroni e dal dott. Guido Caroselli, era tra le trasmissioni più seguite sulla prima rete RAI perché alla curiosità del telespettatore di conoscere la previsione del tempo per il domani e il dopodomani si accompagnava anche il piacere di imparare qualcosa di nuovo ogni sera, in quel fatidico appuntamento delle ore 19:50.

La meteorologia era anche cultura e conoscenza. Molti appassionati di allora hanno deciso di intraprendere gli studi in fisica dell’atmosfera proprio grazie a questi tre professionisti che si sono contraddistinti per la pacatezza, il garbo e il rispetto che hanno sempre avuto nei confronti di questa scienza. Perché è proprio di scienza che stiamo parlando, con i suoi limiti che allora erano sicuramente maggiori di quelli attuali, ma non per questo era meno interessante da seguire.

Limiti che erano rispettati, senza osare andare oltre perché l’obiettivo era soprattutto quello di continuare ad alimentare nel telespettatore una fiducia sempre più crescente in una disciplina nuova che entrava per la prima volta nelle case degli italiani. C’è una storia che è rimasta scolpita nella memoria di chi ha vissuto questo bellissimo periodo meteo-culturale: le lacrime di Andrea Baroni. Il Generale, in una sua intervista rilasciata nel 2005, raccontò infatti di un suo pianto per una previsione mancata di una Pasqua degli Anni Ottanta. Vi lascio con le sue parole, anche per farvi capire la differenza tra la meteorologia di ieri e quella che oggi va per la maggiore. Spero che faccia riflettere.


"Si certo, ricordo anch’io quell’episodio. Era una Pasqua degli anni ’80, io a quel tempo scrivevo per il giornale “ La Repubblica”. Il direttore Eugenio Scalfari mi chiese di scrivere un articolo sulla previsione di sabato, domenica di Pasqua e Lunedì dell’Angelo. Tutto come al solito preparato il venerdì, quindi dovevo affidarmi alle indicazioni che i modelli di previsione mi davano il venerdì stesso. Mi faccio un’idea personale della situazione, perché so che anche se il computer mi dà le carte, le previsioni non sono deterministiche ma probabilistiche. Quindi c’è una parte di lettura delle carte che dipende notevolmente dall’esperienza che uno ha immagazzinato nel corso degli anni. Ho dedotto che per sabato il tempo sarebbe stato discreto, Pasqua con cielo velato mentre per il lunedì di Pasquetta prevedevo un peggioramento con conseguenti piogge. Nella rubrica televisiva “Che tempo fa” era in servizio il mio collega Caroselli, che attenendosi alle previsioni dell’Aeronautica Militare, aveva previsto la pioggia fra sabato notte e domenica mattina. La cosa puntualmente si verificò e quando cominciai a sentire il rumore della pioggia sui vetri di casa mia, mi dovete credere: mi è venuto da piangere! Perché quando sbagli una previsione ovviamente ti dispiace, ma quando la sbagli sul giornale, nero su bianco e proprio nel giorno di Pasqua, questo è decisamente un grosso insuccesso. Mi sfogo per conto mio, mi dispaccio e rientro in servizio in TV la domenica. Come arrivo in televisione, il Vice Direttore viene da me con l’articolo in mano (c’era scritto a otto colonne: “La Pasqua con il sole”), pubblicato su “La Repubblica “ e mi dice: “Baroni ma che ha detto lei? Che a Pasqua non avrebbe piovuto? Ma che ha combinato?”. Ho sbagliato, dissi. Sono sincero e le giuro che stanotte mi è venuto da piangere! Lui mi chiese se me la sentivo di raccontare tutto nel telegiornale della sera, condotto dal giornalista Paolo Frajese. Certo che me la sento, risposi! Fu così che durante l’intervista spiegai che il pubblico televisivo aveva ricevuto una buona informazione da Caroselli, ma che l’errore l’avevo commesso io sul quotidiano “La Repubblica”.Torno a casa e mi chiama il mio giornale per intervistarmi al telefono. Il collega giornalista mi dice che ho fatto uno scoop televisivo, perché in Italia nessuno ammette di aver sbagliato e nessuno chiede mai scusa!" Qui l'intervista completa!

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa