Immagine Le grandi piogge del Gennaio 2015 in Campania
Questo inizio d’anno è stato esplosivo per la regione Campania, protagonista sia di frequenti eventi nevosi (che si sono spinti in più di un’occasione... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine Glossario Meteo. Lettera B - Da Bar a Buys Ballot
Bar Unità di misura della pressione atmosferica pari ad 1 atmosfera, nel sistema internazionale... Leggi tutto...
Immagine STABILITÀ E MITEZZA GENERALE, CON PICCHI TERMICI ANCHE DA PRIMAVERA INOLTRATA
La ruota anticiclonica ha cominciato a girare sull’Europa sud-occidentale, esponendo in questo... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Calabria - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Calabria. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Pescara
Quella di Pescara è la provincia meno estesa della regione Abruzzo, sebbene abbia la più alta... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 24hPrec (centro-nord)
Mappa Centro-Nord Italia del modello WRF con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Torino (WRF)
Radiosondaggi attesi sulla città di Torino per i prossimi giorni

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

VERSO UNA FASE ATMOSFERICA PIÙ STABILE

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 11 Dicembre 2020 17:00

VERSO UNA FASE ATMOSFERICA PIÙ STABILE

Immagine satellitare dell'11 Dicembre 2020 ore 13:30La prima decade di dicembre è stata appena consegnata agli annali climatologici per essere ricordata come un periodo che nel complesso è risultato particolarmente piovoso in pianura e nevoso in montagna, soprattutto sulle Alpi.

Come abbiamo spiegato nell’ultima analisi, questa situazione è stata favorita da un disegno barico che ha permesso il passaggio sull’Italia di diversi sistemi perturbati senza soluzione di continuità, tanto da essere stati capaci di ribaltare il deficit pluviometrico lasciatoci in eredità dal mese di novembre trasformandolo in molti casi in eccessivo surplus in appena dieci giorni.

Con il transito di una nuova perturbazione, che come ci mostra l’immagine satellitare delle ore 13.30 di venerdì 11 sta attraversando la nostra penisola per distribuire le sue precipitazioni per lo più deboli entro domenica (figura 1), questa fase meteorologica è ormai in fase di attenuazione perché quel canale depressionario che sul Mediterraneo è rimasto ininterrottamente aperto con l’Oceano Atlantico è in procinto di chiudersi.

Al largo della penisola iberica si sta infatti materializzando una nuova ondulazione del flusso che, nel suo movimento verso levante sotto la spinta delle correnti zonali, accompagnerà verso il settore centro-occidentale del nostro bacino una modesta cresta anticiclonica che impedirà a nuovi impulsi perturbati pilotati da aria fredda di origine polare marittima di raggiungere ancora le nostre regioni con un moto da nord-ovest verso sud-est.


Geopotenziali attesi per il 14 Dicembre 2020
Anomalia della temperatura a 850hPa per il periodo 12-14 Dicembre 2020
Dai calcoli della modellistica numerica è alquanto probabile che le nuove condizioni atmosferiche, improntate a una maggiore stabilità del tempo, riescano a farsi strada sulla nostra penisola già nel corso di questo fine settimana a partire dai settori di ponente perché qui inizierà a farsi sentire l’azione del campo anticiclonico che riuscirà a inglobare tutte le nostre regioni nella giornata di lunedì 14 (figura 2), quando si collocherà nel mezzo tra la residua circolazione depressionaria ormai isolata sul bacino orientale del Mediterraneo e quella principale atlantica legata al Ciclone d’Islanda che si arriccerà su se stessa facendo così scorrere i sistemi perturbati lungo le coste occidentali europee.

Con un’impostazione del flusso dai quadranti meridionali, la maggiore stabilità atmosferica sarà accompagnata da aria più mite che, come sovente accade nella stagione fredda, sarà maggiormente avvertita in quota dove è atteso un sensibile aumento delle temperature: in particolare, sulla regione alpina alla quota isobarica di 850 hPa – cioè a circa 1500 metri – nelle 48 ore comprese tra il pomeriggio di domani (sabato 12) e il pomeriggio di lunedì 14 si prevede che il campo termico passi da valori oscillanti attorno alle medie del periodo a valori di 4-8 °C sopra la media, con probabili picchi di anomalia positiva anche di 10 °C (figura 3).

Questo segnale anticiclonico dovrebbe accompagnarci almeno fino alla metà della prossima settimana, in un contesto che però tenderà a diventare variabile sulle regioni settentrionali per via di infiltrazioni di aria umida che la circolazione ciclonica presente in Atlantico farà scorrere in quota da sud-ovest verso nord-est, agendo in sinergia con il campo anticiclonico che molto probabilmente risulterà più saldo sulle nostre regioni centro-meridionali: per questo motivo, non si esclude il ritorno di qualche pioggia o nevicata, a quote ovviamente superiori a quelle attuali, laddove il flusso umido meridionale troverà nello sbarramento orografico alpino e appenninico (stau) il trampolino di lancio per salire verso l’alto, condensare in nubi e formare precipitazioni. Avremo modo di dettagliare meglio questo quadro nei prossimi aggiornamenti.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa