Immagine WRF TT-SWEAT (centro-nord)
Mappa, Centro-Nord Italia, del modello WRF con altri due classici indici termodinamici: il Total Totals e lo Sweat Index.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine WRF MSLP 12hPrec (centro-sud) - ARW
Mappa Centro-Sud Italia del modello WRF ARW con la pressione al suolo (MSLP) e l'accumulo... Leggi tutto...
Immagine WRF 0C-12hSnow (centro-nord) - ARW
Modello fisico numerico WRF-ARW con l'accumulo di neve previsto sul Centro-Nord Italia in 12 ore... Leggi tutto...
Immagine Andrea Baroni: Signore del Meteo e nella Vita
Il Generale Andrea Baroni ci ha lasciato a 97 anni. Il 13 Novembre 2014 se ne è andato un amico,... Leggi tutto...
Immagine Una settimana dinamica, tra giornate variabili e soleggiate
In questa settimana le condizioni atmosferiche saranno improntate ad un certo dinamismo dovuto... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...

OTTOBRATA ALLE PORTE

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 18 Ottobre 2020 00:00

OTTOBRATA ALLE PORTE

Campo medio della pressione atteso nel periodo 19-23 Ottobre 2020Le condizioni meteorologiche attese nella prossima settimana saranno caratterizzate, come abbiamo detto nell’ultimo aggiornamento, dall’espansione in quota del promontorio nord africano che tenderà a stabilizzare sempre di più la colonna atmosferica che grava sul bacino centrale del Mediterraneo. Al suolo, questa struttura sarà associata a un campo di alta pressione i cui massimi sono previsti collocarsi tra l’Italia e i vicini Balcani.

Da lunedì 19 a venerdì 23, di conseguenza, la dinamica atmosferica di casa nostra attraverserà una fase di stallo e il tempo da un giorno all’altro non mostrerà sostanziali variazioni. Il flusso perturbato atlantico si muoverà percorrendo il ramo ascendente della vasta circolazione depressionaria che dalla penisola scandinava estenderà la propria influenza fino al settore atlantico prossimo alle Isole Azzorre, agevolando in questo modo il richiamo di aria mite dalle latitudini subtropicali destinato a interessare anche le nostre regioni.

Lungo il confine tra le due figure bariche bisognerà però tenere conto delle infiltrazioni di aria umida che si presenteranno sotto forma di annuvolamenti, a tratti anche consistenti e quindi associati eventualmente a qualche piovasco, specie dove il flusso meridionale andrà a interagire con l’orografia: questo scenario, destinato a diventare più probabile al Nord e sul versante tirrenico settentrionale nel corso della settimana, potrebbe poi sul finire del periodo essere associato al passaggio di una perturbazione che dovrebbe causare il cedimento del campo di alta pressione.

Aspettiamo però ancora qualche conferma prima di fornire ulteriori dettagli. Con l’arrivo di aria più mite rispetto a quella che ci ha interessato negli ultimi giorni avremo anche un rialzo delle temperature, specie nei valori massimi e in quota.

Siamo infatti in autunno e, grazie alla minore incidenza dei raggi solari che scaldano meno e per meno tempo rispetto a quando succede nei mesi estivi, avere l’espansione di un promontorio nord africano vuol dire tenere in considerazione le inversioni termiche (favorevoli alla formazione di nebbie e al ristagno degli inquinanti nei bassi strati) e mattinate che comunque saranno decisamente fresche perché si è dilatato il tempo che intercorre tra il tramonto e l’alba e questo fattore astronomico agevola la dispersione del calore verso lo spazio.



Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa