Immagine Messico: tempesta di cenere dopo l'eruzione del vulcano Popocatépetl
E' il 18 Aprile 2016, Messico: una grande eruzione di tipo "stromboliano" coinvolge il vulcano Popocatépetl. Per diverse ore è stata caratterizzata... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Rimini
Il territorio della provincia di Rimini, è parzialmente delimitato a nord dal torrente Uso,... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Firenze
La provincia di Firenze (ora Città metropolitana di Firenze) è la prima provincia toscana per... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Sassari (WRF)
Radiosondaggi previsti dal modello matematico WRF per la città di Sassari
Immagine Spaghetti Ensemble di Ascoli Piceno
Ascoli Piceno e gli spaghetti Ensemble attesi dalle corse del modello GFS località per località.... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...

VERSO LA STABILITÀ AL CENTRO-NORD CON TEMPERATURE IN AUMENTO. INCERTEZZE AL SUD E SICILIA

Scritto da Andrea Corigliano Martedì 04 Agosto 2020 00:00

SECONDA PARTE DELLA SETTIMANA: VERSO LA STABILITÀ AL CENTRO-NORD CON TEMPERATURE IN AUMENTO. INCERTEZZE AL SUD E SICILIA

Goccia fredda in quotaL’ondata di calore è ormai quasi alle spalle anche sulle regioni meridionali ed entro domani tutta l’Italia beneficerà della tanto attesa rinfrescata, dopo diversi giorni passati in compagnia di un caldo afoso e di temperature particolarmente elevate.

Abbiamo visto come il cambio di circolazione non sia stato indolore a causa dei forti contrasti termici tra l’aria più calda e umida preesistente e quella più fresca di origine atlantica che è riuscita a raggiungere la penisola in seno ad un cavo d’onda che farà ancora sentire la propria influenza nei prossimi giorni come goccia fredda specie sulle nostre regioni meridionali e sulla Sicilia, dove fino a sabato insisteranno condizioni di instabilità in fase di graduale esaurimento: anche se siamo nella stagione estiva, infatti, il Mediterraneo mostrerà ancora una volta la sua inclinazione a veder rimarginare piuttosto lentamente le ferite atmosferiche che si aprono quando un’azione perturbata risulta piuttosto incisiva.

Andremo invece incontro a condizioni di crescente stabilità sul Nord Italia, sul versante tirrenico e sulla Sardegna e da venerdì anche sul versante adriatico centrale a causa dell’espansione sul Mediterraneo occidentale di un promontorio subtropicale che, piantando le proprie radici tra Marocco e Algeria, esporrà le nostre regioni centro-settentrionali e la Sardegna al proprio fianco orientale.

Una siffatta configurazione sinottica trasporterà così aria calda verso la penisola iberica e la Francia che saranno destinate a sperimentare una nuova ondata di calore, mentre sull’Italia sarà il Nord e il versante tirrenico centro-settentrionale a trovarsi solo in parte interessate dall’avvezione, trovandosi sul ramo discendente del promontorio e quindi nel settore in cui il trasporto dell’aria calda è ridotto al minimo.


Nonostante questo, però, le temperature saranno destinate ad aumentare perché bisognerà tenere conto anche della circolazione che molto probabilmente si attiverà nei bassi strati e che andrà ad interagire con la nostra complessa orografia. La presenza di un campo anticiclonico con massimi tra la penisola scandinava e la Russia e di una circolazione ciclonica tra la Turchia e il Mar di Levante porrà l’Italia all’interno di un modesto gradiente barico in grado di richiamare verso le nostre regioni correnti settentrionali che, come è noto, si comprimono e si surriscaldano su alcune aree del Nord, sul versante ligure e tirrenico.

Se quindi non raggiungeremo probabilmente in quota temperature particolarmente elevate, sarà l’azione di compressione adiabatica della massa d’aria dovuta alla sua interazione con i rilievi a dare quel contributo in più affinché le temperature al Nord e sul versante tirrenico centro-settentrionale possano tornare anche oltre i 30-32 °C, in un contesto però di aria secca che renderà il caldo torrido. Forniremo maggiori dettagli nei prossimi interventi.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa