Immagine Meteorologia, Volume 8 - Meteorologia nel mondo e fenomeni estremi
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine TENDENZA FINO AL 30 NOVEMBRE: MALTEMPO SPECIE NORD-OVEST, POI VERSO UNA MAGGIORE...
Abbiamo iniziato la terza settimana di novembre sotto cieli spesso grigi e terreni ormai saturi su... Leggi tutto...
Immagine INVERNO 2020: BILANCIO DEI PRIMI DUE MESI E TENDENZA PER FEBBRAIO
I primi due mesi dell’inverno meteorologico volgono ormai al termine senza aver lasciato alcuna... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 6hSnow (centro-sud) - ARW by ICON
Mappa Centro-Sud Italia del modello WRF ARW con l'altezza dello zero termico e l'accumulo di neve... Leggi tutto...
Immagine WRF RH 2m - Wind 10m (ita - backup 2)
Mappe WRF-NMM con la tipica carta, qui di secondo backup per l'Italia, dei venti previsti a 10... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Grado (Gorizia)
Webcam a Grado, in provincia di Gorizia (GO), regione Friuli Venezia Giulia. Bellissima vista... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Appiano Sulla Strada Del Vino (Bolzano)
Webcam ad Appiano Sulla Strada Del Vino, in provincia di Bolzano (BZ), regione Trentino Alto Adige.

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

I TEMPORALI DEL 1 AGOSTO SULL’APPENNINO CENTRO-MERIDIONALE: SEGNALE DI QUANTA ENERGIA È STATA ACCUMULATA

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 01 Agosto 2020 19:00

I TEMPORALI DEL 1 AGOSTO SULL’APPENNINO CENTRO-MERIDIONALE: SEGNALE DI QUANTA ENERGIA È STATA ACCUMULATA

Temporali in AppenninoL’immagine satellitare di oggi pomeriggio ci mostra lo sviluppo di temporali, localmente intensi, che hanno interessato soprattutto il settore appenninico centro-meridionale. Come si può osservare facendo il confronto tra la situazione nel pomeriggio di ieri e quella nel pomeriggio di oggi, è bastato un lieve cedimento del campo anticiclonico alle quote superiori, unito ad infiltrazioni di aria un po’ più fresca a circa 5800 metri (a questa quota, sulla Calabria, la temperatura è passata per esempio da -8 a -12 °C) per dare il via alla formazione dei fenomeni. È questo un chiaro segnale di quanto i bassi strati dell’atmosfera siano ormai così colmi di aria calda e umida da essere sufficiente un’inezia per far partire la convezione.


Volendo usare una metafora, è come se la colonna atmosferica su cui agiscono i moti di compressione del campo anticiclonico fosse paragonata ad una pentola a pressione con il coperchio ancora chiuso. Il cedimento del campo anticiclonico, in una situazione simile a questa, è paragonabile al momento il cui noi solleviamo la valvola della pentola per fare uscire il primo vapore. Questa fuoriuscita, in atmosfera, ha generato le celle temporalesche che vediamo sul satellite. E ora cosa succederà? Come abbiamo descritto nell’articolo precedente, siamo in attesa di un cambiamento del tempo a partire dal Nord: in altre parole, aspettiamo che salti il coperchio e che la maggior parte dell’energia contenuta nella pentola vada ad alimentare i temporali. D’altro canto, il calore è una forma di energia e ancora una volta l’atmosfera sarà pronta a ricordarcelo: fino ad ora accumulandola in questa prima ondata di caldo e dalle prossime ore sprigionandola in sistemi temporaleschi.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa