Immagine Provocazioni climatiche
Sono decenni che si sente parlare di “cambiamenti climatici”. Alle scuole medie, avendo già una forte passione per la meteorologia, i miei temi preferiti... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Previsioni meteo Trentino, Veneto e Friuli - Riassunto mattina, pomeriggio, sera...
Le previsioni meteo per le regioni Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia. In queste... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Barletta-Andria-Trani
La provincia di Barletta-Andria-Trani è una provincia italiana della Puglia settentrionale che... Leggi tutto...
Immagine Giappone: la nevicata più abbondante su Tokyo degli ultimi quattro anni
Lunedì 22 Gennaio 2017, Tokyo ha sperimentato la sua nevicata più abbondante in quattro anni, ed... Leggi tutto...
Immagine Oklahoma, USA: nuovo tornado mortale colpisce El Reno
Ci sono conferme di due morti dopo un tornado distruttivo a El Reno, in Oklahoma, nella tarda notte... Leggi tutto...
Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...

ULTIMA SETTIMANA DI GENNAIO ALL’INSEGNA DELLA MITEZZA E DELLA VARIABILITÀ

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 26 Gennaio 2020 00:00

ULTIMA SETTIMANA DI GENNAIO ALL’INSEGNA DELLA MITEZZA E DELLA VARIABILITÀ

Scenario atteso per l'ultima settimana di gennaio 2020Anche nella settimana che ci traghetterà nell’ultimo mese dell’inverno meteorologico il freddo si manterrà a debita distanza dalle nostre latitudini.
Sarà ancora l’intensa circolazione depressionaria atlantica, messa in moto dall’intenso Ciclone d’Islanda, a dettare le regole e quindi a pilotare verso il contente masse d’aria umide e insolitamente miti che continueranno ad accompagnare il passaggio di sistemi perturbati destinati a interessare, con la loro parte più attiva e organizzata, i settori a nord del 45° parallelo.
Le nostre regioni, invece, verranno a trovarsi al confine tra questo ricorrente flusso zonale e la fascia anticiclonica subtropicale, il cui segnale più robusto sarà probabilmente confinato ai settori meridionali del nostro Mediterraneo.
Ne conseguirà un regime di variabilità e lo stato del tempo vedrà quindi, nel corso della settimana, l’alternanza tra fasi soleggiate e fasi nuvolose associate a precipitazioni per lo più di modesta entità che, per via della provenienza delle correnti, risulteranno più probabili sui settori di ponente.


Le temperature, nel complesso, seguiteranno a mantenersi ancora superiori alle medie stagionali.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano, fisico dell'atmosfera

Stampa