Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in It...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Milano contro Bologna: analisi climatica Dicembre 2012
Il primo mese dell’anno meteorologico 2013 è stato generalmente più freddo del normale, evento... Leggi tutto...
Immagine Fenomeni meteo estremi di precipitazione e temperatura
I fenomeni eccezionali destano particolare interesse e lo dimostrano anche le numerose email che... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
Nato a Roma il 28 Luglio 1946, è Meteorologo, esperto di clima e di ambiente, giornalista.È stato... Leggi tutto...
Immagine La neve. Cos'è e come si prevede - Bertoni, Galbiati, Giuliacci
Nevicherà? Questa è la trepidante domanda che ogni inverno ci poniamo, fin dalla più tenera... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Medio Campidano
La provincia del Medio Campidano era una provincia italiana della Sardegna. Attiva tra il 2005... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Firenze
La provincia di Firenze (ora Città metropolitana di Firenze) è la prima provincia toscana per... Leggi tutto...

IL TEMPO DEL FINE SETTIMANA: LA SPIEGAZIONE DELLA FENOMENOLOGIA PREVISTA

Scritto da Andrea Corigliano Venerdì 27 Dicembre 2019 10:00

IL TEMPO DEL FINE SETTIMANA: LA SPIEGAZIONE DELLA FENOMENOLOGIA PREVISTA

Previsione meteo dal 28 al 30 DicembreCi apprestiamo a vivere un fine settimana dalle caratteristiche invernali soprattutto sulle regioni adriatiche centro-meridionali e sul Sud Italia dove, come abbiamo detto, saranno maggiori gli effetti dell’aria fredda in arrivo dalla penisola scandinava. Non saremo attraversati da una fase di maltempo a tutti gli effetti perché, se tra domani e domenica avremo modo di dare un’occhiata al barometro, ci accorgeremo che i fenomeni atmosferici come le precipitazioni si verificheranno in condizioni prettamente anticicloniche e quindi in un ambiente a loro ostile che non ne incentiva la formazione. Non essendoci quindi un centro motore organizzato – quale è una depressione presente a tutte le quote – in grado di rinnovare di continuo lo sviluppo di nubi e di idrometeore, l’atmosfera avrà così a disposizione altri due metodi meno efficaci e più disordinati per fabbricare piogge e nevicate: il contrasto termico e lo sbarramento orografico (stau).

Attraverso la simulazione modellistica che è riportata in figura vorrei farvi notare proprio la differenza tra queste due dinamiche. La fase di contrasto termico presuppone lo scontro tra due masse d’aria profondamente diverse, cioè tra quella mite e umida preesistente e quella fredda in arrivo: grosso modo, è la fase meteorologica che ci dovrebbe accompagnare tra questa sera e la prossima notte, quando dal Mar Adriatico verso le coste di Marche, Abruzzo, Molise e Puglia giungerà nuvolosità cumuliforme associata a rovesci anche a sfondo temporalesco che porteranno le prime nevicate in Appennino a quote inizialmente collocabili tra 800 e 1000 metri, ma con quota neve in rapido calo. Questa evoluzione sarà associata a un sensibile rinforzo dei venti di bora che causeranno, di pari passo, anche un aumento del moto ondoso.


La fase di sbarramento orografico entrerà invece in gioco soprattutto da domani mattina, cioè quando i contrasti si affievoliranno e le uniche precipitazioni attese proverranno dalla condensazione della poca umidità che le correnti fredde e secche in arrivo riusciranno a strappare dalla superficie marina: ecco perché, sempre nella simulazione modellistica, le precipitazioni previste riguarderanno soprattutto le zone interne, specie quelle a ridosso dei rilievi sopravvento e quindi dove il sollevamento orografico sarà attivo, anche se in modo non molto convinto. In questa fase, che dovrebbe durare fino a lunedì attenuandosi gradualmente, le nevicate sparse cadranno a quote collinari, in genere tra i 200 e i 500 metri. Sul resto d’Italia cielo terso e condizioni atmosferiche ampiamente soleggiate, con gelate al mattino specie nelle zone interne.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano


Stampa