Immagine Le eruzioni sottomarine: meraviglie "idro" geologiche della Natura...
Secondo una valutazione molto approssimata, attualmente esisterebbero sul nostro pianeta un milione di centri eruttivi subacquei.Si tratta di un numero enorme,... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine SI È APERTA UNA FASE ALL’INSEGNA DEL TEMPO INSTABILE E A TRATTI PERTURBATO CH...
La perturbazione alimentata dall’aria artico-marittima evolve lentamente verso levante,... Leggi tutto...
Immagine Lo straordinario temporale del 30 Maggio 2013 sul basso milanese
Per un meteo appassionato come me è difficile ricevere un regalo migliore del multicella... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Parma (Parma)
Webcam Parma (PR), regione Emilia Romagna. Parma centro e, a seguire, sede Gazzetta di Parma e... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Vittorio Veneto (Treviso)
Webcam Vittorio Veneto, Piazza Giovanni Paolo I°, provincia di Treviso (TV), regione Veneto.
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 6 - Peculiarità atmosferiche nel Mediterraneo e in Italia
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario dedicato alla conoscenza... Leggi tutto...

TREGUA DURATURA DAL MALTEMPO: A NATALE E SANTO STEFANO PIÙ STABILE E MITEZZA DIURNA

Scritto da Andrea Corigliano Domenica 22 Dicembre 2019 17:00

IL MALTEMPO CONCEDE FINALMENTE UNA TREGUA DURATURA: NATALE E SANTO STEFANO CON TEMPO PIÙ STABILE E MITEZZA DIURNA

Il meteo previsto per Natale 2019Con il passaggio della perturbazione odierna, accompagnata ancora una volta da venti tempestosi che hanno investito in modo particolare il Centro-Sud, si chiude una fase meteorologica caratterizzata dal netto dominio delle correnti perturbate. Nei prossimi giorni ci incammineremo molto probabilmente verso una fase atmosferica più stabile legata ad una parziale rimonta dell’alta pressione da ovest che, seppur non avrà la forza di conquistare pienamente l’Italia in quanto i suoi massimi barici al livello del mare resteranno confinati tra la penisola iberica e la Francia, esporrà comunque la nostra penisola al suo fianco orientale e quindi ad una circolazione dai quadranti nord-occidentali richiamati anche grazie alla presenza di un modesto minimo sul Mar Egeo.

Proprio a causa della direzione di provenienza del flusso, nella giornata di Natale si verificheranno con buona probabilità addensamenti anche consistenti sui versanti esteri e sui crinali di confine delle nostre Alpi, dove si verificheranno deboli nevicate da sbarramento orografico che potrebbero spingersi fino a quote collinari. Sul versante padano, invece, il modesto gradiente barico impostato dalla spinta anticiclonica sulla Francia potrebbe determinare venti di föhn nelle valli piemontesi e lombarde: ad oggi non si esclude che il fenomeno possa estendersi in forma debole o al più moderata anche alla pianura.

Il medesimo flusso nord-occidentale determinerà invece condizioni di debole o al più moderata variabilità sulle regioni meridionali dove la nuvolosità, alternata comunque a schiarite, sarà probabilmente associata a precipitazioni da isolate a sparse specie sul versante tirrenico perché, anche il questo caso, le tese correnti di maestrale andranno ad addossare le nubi lungo i pendii sopravvento della catena appenninica. Un’ulteriore spinta dell’anticiclone verso le nostre regioni caratterizzerà invece il tempo del 26 dicembre, Santo Stefano.


Per questa giornata ci attendiamo condizioni atmosferiche più stabili, un’attenuazione della ventilazione di maestrale e un’attenuazione, di pari passo, anche delle condizioni di variabilità sulle nostre regioni meridionali, dove le schiarite diverranno probabilmente più ampie. Le temperature diurne saranno nel complesso miti, con valori che seguiteranno a rimanere al di sopra delle medie di fine dicembre. Grazie al ritorno del cielo sereno, caleranno invece le temperature minime e quindi al mattino avvertiremo un po’ di freddo.Colgo l’occasione per augurare a tutti voi e alle vostre famiglie un Felice Natale e per ringraziarvi per l'apprezzamento che riponete in questo modo di raccontarvi la meteorologia. Ci rileggiamo tra qualche giorno, quando analizzeremo le linee guida del tempo per gli ultimi giorni dell’anno!

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa