Immagine Meteo e Clima in Provincia di Cremona
Dal punto di vista geografico la Provincia di Cremona si presenta come una striscia di terra di pianura, stretta e lunga: circa 100 km separano Rivolta d'Adda,... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Climatologia e Ambiente - Guido Caroselli
 è un saggio che tratta temi di grande e pressante attualità, dedicato a tutti coloro che... Leggi tutto...
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo è orgoglioso di annunciare di far parte, nella persona di Fabio Febbraro Gervasi (lo... Leggi tutto...
Immagine Le grandi piogge del Gennaio 2015 in Campania
Questo inizio d’anno è stato esplosivo per la regione Campania, protagonista sia di frequenti... Leggi tutto...
Immagine Giornate limpide e loro previsione
Da buon appassionato di visuali mozzafiato non posso che parlare di un fattore fondamentale circa... Leggi tutto...
Immagine GFS RH 2m - Wind 10m
Umidità relativa (in %) e vento (espresso in nodi) a 10 metri di quota in un'unica mappa del... Leggi tutto...
Immagine WRF Temp 2m (centro-nord) - ARW
Modello WRF-ARW con la classica carta, qui riguardante il Centro-Nord, della temperatura a 2m... Leggi tutto...

PRIMO VELOCE IMPULSO INVERNALE VERSO L’ITALIA TRA IL 9 E L’11 DICEMBRE

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 07 Dicembre 2019 17:00

PRIMO VELOCE IMPULSO INVERNALE VERSO L’ITALIA TRA IL 9 E L’11 DICEMBRE

Primo impulso invernale Dicembre 2019L’immagine satellitare di questo pomeriggio mostra, nel tratto di Oceano che si trova a sud della Groenlandia, i prodromi del veloce cambiamento del tempo che con buona probabilità attraverserà l’Italia nella prima parte della prossima settimana.

Attorno ad un profondo e stretto minimo, nel cui occhio la pressione atmosferica è attualmente di 971 hPa, viene centrifugata una massa d’aria molto fredda in uscita dal Canada che nel corso delle prossime ore sarà velocemente veicolata verso le Isole Britanniche e l’Europa centrale, dove giungerà entro la sera di lunedì 9 dicembre dopo essersi in parte mitigata a contatto con la mite superficie oceanica.

La saccatura che la ospiterà si troverà così a interagire con il baluardo alpino e, come in tutte le interazioni di questo tipo che si rispettino, la situazione sarà favorevole alla formazione di una circolazione depressionaria sottovento che dovrebbe posizionarsi sul Mar Tirreno settentrionale proprio nel corso di lunedì per poi fuggire rapidamente verso il Mar Adriatico centrale.

La veloce evoluzione del centro di bassa pressione verso levante farà così entrare una parte dell’aria fredda – che nel frattempo si sarà ammassata al di là delle Alpi – dalla porta di Trieste e quindi riverserà soprattutto sul versante orientale della nostra penisola gli effetti più evidenti di questo cambiamento, sia in termini di calo termico che comunque sarà rapido e temporaneo, sia in termini di precipitazioni che su questo settore risulteranno probabilmente più organizzate.


Senza ancora scendere dei dettagli perché nei prossimi aggiornamenti sono ancora possibili lievi correzioni sull’entità dell’aria fredda in arrivo e sulla posizione della depressione, possiamo per il momento affermare che il veloce passaggio di questo impulso perturbato porterà molto probabilmente, oltre che a un generalizzato calo termico, anche la prima neve sul nostro Appennino (specie sui versanti orientali) a quote tipiche della stagione invernale che specificheremo in un prossimo articolo.

Si tratterà di un evento che si risolverà in breve tempo, in attesa di un secondo impulso di aria fredda che dovrebbe seguire a ruota ma che deve essere ancora definito in modo più chiaro dai calcoli dei modelli numerici.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa