Immagine Meteogramma di Torino (WRF)
Meteogramma: più parametri atmosferici attesi nel tempo inseriti un'unica mappa. Qui è rappresentata la località di Torino, con l'andamento dei venti, della... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Icon Acc Snow ITA (Wz)
Precipitazioni nevose per l'Italia (con accumulo progressivo) dal modello tedesco ICON.
Immagine GFS 500hPa Vort Italia
GFS 500hPa Vort Italia. E' la vorticità assoluta, che misura (in questo caso all'altezza... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Gallipoli (Lecce)
Webcam Gallipoli, davvero splendida! Siamo in provincia di Lecce (LE), regione Puglia.
Immagine Webcam - Pescasseroli (L'Aquila)
Webcam a Pescasseroli, in provincia di L'Aquila (AQ). Regione Abruzzo. Di Pescasserolionline.it
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Siracusa
La provincia di Siracusa si trova nella parte ionica della Sicilia e precisamente nella regione... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di La Spezia
Il territorio della provincia di La Spezia è compreso nell'area dei climi temperati caldi, in... Leggi tutto...

PRIMO VELOCE IMPULSO INVERNALE VERSO L’ITALIA TRA IL 9 E L’11 DICEMBRE

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 07 Dicembre 2019 17:00

PRIMO VELOCE IMPULSO INVERNALE VERSO L’ITALIA TRA IL 9 E L’11 DICEMBRE

Primo impulso invernale Dicembre 2019L’immagine satellitare di questo pomeriggio mostra, nel tratto di Oceano che si trova a sud della Groenlandia, i prodromi del veloce cambiamento del tempo che con buona probabilità attraverserà l’Italia nella prima parte della prossima settimana.

Attorno ad un profondo e stretto minimo, nel cui occhio la pressione atmosferica è attualmente di 971 hPa, viene centrifugata una massa d’aria molto fredda in uscita dal Canada che nel corso delle prossime ore sarà velocemente veicolata verso le Isole Britanniche e l’Europa centrale, dove giungerà entro la sera di lunedì 9 dicembre dopo essersi in parte mitigata a contatto con la mite superficie oceanica.

La saccatura che la ospiterà si troverà così a interagire con il baluardo alpino e, come in tutte le interazioni di questo tipo che si rispettino, la situazione sarà favorevole alla formazione di una circolazione depressionaria sottovento che dovrebbe posizionarsi sul Mar Tirreno settentrionale proprio nel corso di lunedì per poi fuggire rapidamente verso il Mar Adriatico centrale.

La veloce evoluzione del centro di bassa pressione verso levante farà così entrare una parte dell’aria fredda – che nel frattempo si sarà ammassata al di là delle Alpi – dalla porta di Trieste e quindi riverserà soprattutto sul versante orientale della nostra penisola gli effetti più evidenti di questo cambiamento, sia in termini di calo termico che comunque sarà rapido e temporaneo, sia in termini di precipitazioni che su questo settore risulteranno probabilmente più organizzate.


Senza ancora scendere dei dettagli perché nei prossimi aggiornamenti sono ancora possibili lievi correzioni sull’entità dell’aria fredda in arrivo e sulla posizione della depressione, possiamo per il momento affermare che il veloce passaggio di questo impulso perturbato porterà molto probabilmente, oltre che a un generalizzato calo termico, anche la prima neve sul nostro Appennino (specie sui versanti orientali) a quote tipiche della stagione invernale che specificheremo in un prossimo articolo.

Si tratterà di un evento che si risolverà in breve tempo, in attesa di un secondo impulso di aria fredda che dovrebbe seguire a ruota ma che deve essere ancora definito in modo più chiaro dai calcoli dei modelli numerici.

Ricordo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa