Immagine WRF 0C-24hSnow (ita) - ARW by GFS
Mappa sull'Italia del modello WRF ARW (dati GFS) con l'altezza dello zero termico e l'accumulo nevoso nelle 24 ore precedenti l'orario indicato.
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine IL CAMBIAMENTO DEL TEMPO SUL MEDITERRANEO CENTRALE VISTO CON LE SIGNIFICATIVE AN...
Nella descrizione delle condizioni meteorologiche parliamo spesso in questa pagina delle anomalie... Leggi tutto...
Immagine Turisti Cinesi surgelati in Russia a Oymyakon, il villaggio più freddo del mond...
Martedì 16 Gennaio le temperature in Russia sono state così fredde da rompere un nuovissimo... Leggi tutto...
Immagine Webcam in Abruzzo
Una selezione delle webcam disponibili nella regione Abruzzo Alba Adriatica (TE)Canzano... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Nesce - Pescorocchiano (Rieti)
Webcam a Nesce, frazione di Pescorocchiano, in provincia di Rieti (RI), regione Lazio.
Immagine Radiosondaggi di Rimini (WRF)
Radiosondaggi previsti per Rimini. La previsione del modello matematico WRF-NMM
Immagine Meteogramma di Perugia (WRF)
Meteogramma atteso per Perugia. E' una previsione messa in uno schema grafico/temporale con... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

DALLA PROSSIMA SETTIMANA IN CAMMINO VERSO UN AUTUNNO ALL’INSEGNA DELLA NORMALITÀ

Scritto da Andrea Corigliano Sabato 26 Ottobre 2019 15:00

DALLA PROSSIMA SETTIMANA IN CAMMINO VERSO UN AUTUNNO ALL’INSEGNA DELLA NORMALITÀ

Distribuzione media, sull’area europea, dell’anomalia del campo di altezza di geopotenziale a 500 hPaAbbiamo fino ad oggi attraversato una stagione autunnale, iniziata dal punto meteorologico il 1° settembre, che è stata caratterizzata dalla presenza quasi costante dell’alta pressione e quindi di masse d’aria di matrice subtropicale hanno mantenuto le temperature su valori nettamente superiori alle medie del periodo.

Il segnale è ben evidente in questa figura che mostra la distribuzione media, sull’area europea, dell’anomalia del campo di altezza di geopotenziale a 500 hPa. Semplificando per i non addetti ai lavori, le aree contraddistinte da anomalie positive che occupano per esempio tutto il bacino del Mediterraneo e la penisola balcanica fin oltre il Mar Nero indicano che in questi settori il segnale anticiclonico è stato dominante, alla pari di quello depressionario che invece ha caratterizzato il tempo delle latitudini superiori al 50° parallelo.

Una tale disposizione delle anomalie ci permette anche di individuare qual è stato il percorso battuto prevalentemente dalle perturbazioni atlantiche, qui evidenziato dalle due frecce nere orientate da ovest verso est proprio al confine tra i due raggi d’azione delle due anomalie di segno opposto.

Il vero autunno, quindi, al momento non ha avuto il modo di interessarci come vorrebbe la climatologia. Al contrario, immerse in un campo prevalentemente anticiclonico, la dinamica atmosferica ha proposto spesso il passaggio di circolazioni depressionarie secondarie legate prevalentemente all’ingresso di gocce fredde che, come è noto, prediligono la formazione di fenomeni intensi e localizzati nel tempo e nello spazio: ci sono state così aree che hanno visto anche piogge in abbondanza e altre invece in cui si continua a parlare di siccità proprio perché le precipitazioni sono state assenti o insignificanti.


Ora, tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, questa situazione dovrebbe cambiare in modo abbastanza radicale: la prossima settimana potrebbe infatti gettare le basi per quel cambiamento tanto atteso che faccia entrare anche le nostre latitudini in un tipo di tempo più consono al periodo. Ad aprire questa nuova fase meteorologica una probabile irruzione di aria più fredda attesa tra mercoledì e giovedì, di cui parleremo in modo un po’ più dettagliato nell’intervento di domani partendo dall’analisi della configurazione barica.

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che, su facebook, potete trovarmi anche alla pagina di Meteorologia Andrea Corigliano a questo link. Grazie e buona lettura!

Andrea Corigliano

Stampa