Immagine Glossario Meteo. Lettera C - Da Calabrosa a Coulomb
Calabrosa È uno strato di ghiaccio che si forma per l’immediata solidificazione di goccioline d’acqua, generalmente di quelle grosse che formano la... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Meteo e Clima in Giappone
Il Giappone è in realtà un arcipelago, composto da più di 3.000 tra isole e isolette. Molto... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Agrigento
La provincia di Agrigento (AG) è un libero consorzio comunale di 445.129 abitanti (nel momento in... Leggi tutto...
Immagine Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell'universo e della vita - Piero Angela
Non che ci sia bisogno di evidenziarlo, ma ancora una volta Piero Angela conferma come sempre la... Leggi tutto...
Immagine Cosa sanno le nuvole? - Paolo Sottocorona
E' con il commento di Debora, una cara lettrice del nuovo libro del Capitàno Paolo... Leggi tutto...
Immagine WRF 0C-12hSnow (ita) - ARW by GFS
Modello fisico numerico WRF-ARW (dati GFS) con l'accumulo di neve previsto sull'Italia in 12 ore... Leggi tutto...
Immagine GFS 850hPa RH Italia
GFS 850hPa RH, dal modello americano l'umidità relativa prevista e il geopotenziale a 850hPa... Leggi tutto...

Fine settimana con esasperato scambio meridiano delle correnti che porterà aria fredda sul Mediterraneo

Scritto da Andrea Corigliano Mercoledì 01 Maggio 2019 00:00

Fine settimana con esasperato scambio meridiano delle correnti che porterà aria fredda sul Mediterraneo

Previsione emisferica prevista per il 5-6 Maggio 2019Cari amici ben ritrovati. Propongo un breve aggiornamento relativo all’evoluzione prevista tra venerdì 3 e lunedì 6 maggio quando sulla nostra penisola è atteso un cospicuo calo delle temperature per l’arrivo di aria fredda di origine artico-marittima.

Come sono solito fare in questa sede, mi interessa in modo particolare che sia compreso il perché di una dinamica atmosferica che in questa circostanza sarà rilevante per la prima decade di maggio. Vediamo il perché osservando le due immagini in figura. In quella a sinistra è evidenziata la collocazione dei centri di alta e di bassa pressione su scala emisferica in cui si nota, contrassegnato dalla linea gialla, un esteso corridoio anticiclonico che dalla penisola iberica raggiunge la Groenlandia e che da qui si unisce poi a un’altra cellula anticiclonica presente in sede polare.

A destra di questo autentico muro di alta pressione una profonda conca depressionaria, delimitata dalla linea nera, che si allunga dalle regioni polari fino al Mediterraneo. Pensate un po’ che in entrambi i casi parliamo di strutture bariche che si sviluppano lungo una direttrice nord-sud che è lunga circa 4500 km e che fa assumere alla configurazione una collocazione spaziale meridiana davvero esasperata.

Nell’immagine a destra è indicata invece l’anomalia di temperatura a circa 1500 metri. Le aree in rosso, che ricalcano la posizione del campo anticiclonico, indicano l’aria calda subtropicale che salirà dalle basse alle alte latitudini (dove farà molto più caldo del normale) mentre quelle in blu sovrapposte al campo depressionario indicano l’aria fredda che scenderà dalle alte alle basse latitudini (dove farà molto più freddo del normale): l’Italia si troverà lungo questa traiettoria, cioè sul piatto della bilancia che scende sotto il peso dell’aria fredda.



Insieme al calo delle temperature che dovrà essere ancora valutato con maggiore precisione alla luce dei nuovi aggiornamenti che giungeranno nei prossimi giorni, bisognerà valutare anche gli effetti di questa irruzione in sede mediterranea per quanto riguarderà la distribuzione, la persistenza e l’intensità delle precipitazioni associate e la quota delle nevicate su Alpi e Appennini.

Stampa