Immagine La Meteorologia dalle origini ai giorni nostri
La Meteorologia dalle origini ai giorni nostri. Il Generale Baroni ripercorre il viaggio dell'uomo alle prese con il tempo...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine WRF MSLP 6hSnow (ita - backup 2)
Seconda corsa precedente con mappa sull'Italia del modello WRF. Zero termico e accumulo di neve (in... Leggi tutto...
Immagine Ukmo 6h/12h Prec (Wz)
Precipitazioni previste (con gli accumuli su 6 ore) dal modello inglese UKMO.
Immagine Meteorologia, Volume 5 - Nubi e precipitazioni
Meteorologia, la collana di Andrea Corigliano, il Volume 5 dedicato alle Nubi e alle precipitazioni
Immagine Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (...
Centrometeo e l'Associazione Italiana di Scienze dell'Atmosfera e Meteorologia (AISAM)
Immagine Analisi climatologica Novembre 2013, Milano e Bologna
Analisi climatologica Novembre 2013, Milano vs. Bologna: prime due decadi estremamente miti... Leggi tutto...
Immagine Risoluzione orizzontale dei modelli e conversione tra griglia e calcolo spettral...
Risoluzione orizzontale, verticale e conversione tra modelli di griglia e spettrali. Tutti i... Leggi tutto...

Nubi e onde gravitazionali (atmosferiche)

Nubi e onde gravitazionali (atmosferiche)

Nubi gravitazionaliLe nuvole rivelano sempre i fenomeni che li coinvolgono. Anche le cosiddette "onde di gravità atmosferiche", da non confondere con le onde gravitazionali "cosmiche".

Si tratta di oscillazioni dell'aria, che durano dai 10 minuti fino a diverse ore, che provocano caratteristiche bande nuvolose piuttosto regolari, con lunghezza d'onda anche di migliaia di chilometri, spesso ben distinguibili anche dalle immagini satellitari.

Ricordiamo che le nubi si formano sempre per condensazione del vapore acqueo, la quale si ottiene grazie a qualunque meccanismo che raffreddi l'aria.

A volte capita che uno strato di atmosfera stabile venga "scosso", cioè perturbato nel suo stato di "calma" e come una molla reagisce oscillando tra due spinte contrastanti: lo stimolo che ha dato il via al meccanismo (un fronte, un temporale vicino, venti disturbati dalle montagne) e la forza di gravità che tende sempre ad attrarre verso il basso ogni cosa (aria compresa).


Quindi si ottiene una successione di movimenti ascendenti e discendenti resa visibile dal fatto che in corrispondenza dei movimenti verso l'alto l'aria si espande, quindi si raffredda e ciò può a volte essere sufficiente a condensare il vapore acqueo, formando dunque una nube con la tipica forma a cresta affusolata.

Nelle zone dove l'aria ridiscende si ha il processo opposto e la nube si dissolve e così via, formando una serie di onde, un po' come avviene sull'acqua quando gettiamo un sasso.Le nubi delle onde gravitazionali si formano dunque sulla cresta superiore dell'onda, rivelando questo fenomeno altrimenti invisibile.

Nella foto, nuvole da onde di gravità sopra Boissevain, Manitoba in Canada, domenica 18 agosto 2019. (Twitter/@Misheylalwasiuk)

Stampa