Immagine Calcolo della Pressione di Vapore
Calcolo della Pressione di Vapore, in saturazione o meno e dell'umidità relativa...
Immagine Fagottini fritti con provolone piccante, ricotta e prosciutto cotto
Fagottini fritti con provolone piccante, ricotta e prosciutto cotto. Una ricetta invernale rapida e... Leggi tutto...
Immagine I vulcani rallentano il riscaldamento globale: della serie, mai dare nulla per s...
I vulcani rallentano il riscaldamento globale: della serie, mai dare nulla per scontato. Di Fabio... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Napoli
Meteo e Clima in Provincia di Napoli, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Previsioni meteo Calabria 24h - Mappe grafiche riassuntive delle 24 ore
Le previsioni meteo attese sulla regione Calabria. Le mappe con il tempo per i prossimi giorni.... Leggi tutto...
Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
Finalmente il libro sul Generale Andrea Baroni! Scritto dalla maestria della giornalista RAI... Leggi tutto...
Immagine Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute - Guido Caroselli
I Libri di Guido Caroselli: Il Tempo per tutti e Tempo, Vita e Salute...

Scala e misura dei venti: la classificazione Beaufort

Scala e misura dei venti: la classificazione Beaufort

La scala del vento BeaufortCome sappiamo in meteorologia il vento non è altro che una massa d'aria in movimento, da una zona a pressione maggiore ad una con pressione minore.

Come si misura?

Per quanto riguarda la direzione del vento generalmente viene espressa in base alla direzione da cui soffia, cioè da cui proviene. Quindi dire ad esempio "vento occidentale" significa dire che soffia da ovest verso est. Si può misurare con banderuole e con maniche a vento (come negli aeroporti).

La velocità invece è misurata dagli anemometri, tipicamente mediante eliche o coppe rotanti, come è nel caso tipico delle stazioni meteo. Se serve maggiore precisione il vento può essere misurato tramite la velocità di propagazione degli ultrasuoni o altre tecniche. La velocità del vento, o meglio la sua intensità, viene misurata a dieci metri di altezza, calcolando la media su dieci minuti di misurazione. Ci sono delle eccezioni, come ad esempio per i cicloni tropicali, in cui la media è calcolata su un minuto.

Si chiama raffica un breve impulso di vento ad alta velocità (secondo una definizione deve eccedere di 10 nodi (19 km/h) la velocità del vento misurata in dieci minuti). Infine si chiama groppo un veloce e intenso incremento della velocità media del vento.

In quota per misurare i venti vengono usate radiosonde monitorate con il GPS o misurando il movimento del pallone aerostatico a cui la radiosonda è agganciata. Poi ci sono varie tecniche di telerilevamento del vento come il SODAR, il doppler lidar e i radar, che sono in grado di misurare l'effetto Doppler della radiazione elettromagnetica diffusa o riflessa da varie particelle come aerosol o molecole.

La classificazione Beaufort
E' la scala convenzionale, inventata da Sir Francis Beaufort (Navan, 7 maggio 1774 – Hove, 17 dicembre 1857) un ammiraglio, cartografo ed esploratore britannico, direttore dell'Ufficio idrogafico della Royal Navy, i cui valori vanno da 0 a 12 Forza Bft, successivamente portati a 17 per agevolare la misurazione della forza dei vari tipi di uragani. Lo 0 corrisponde alla calma di vento, invece il 12 all’uragano (prolungando poi a 17). Qui di seguito presentiamo una tabella che rappresenta l’intera scala. La colonna delle onde deve essere interpretata solamente come guida indicativa, grosso modo le condizioni che potremmo incontrare in alto mare, lontano dalle coste, ma non deve essere utilizzata per stimare lo stato del mare e nemmeno in senso inverso, cioè per dedurre il vento a partire dallo stato del mare.
Ad esempio n
ei bacini interni o presso le coste con un vento di terra, l’altezza delle onde sarà più piccola e le onde stesse più ripide. Inoltre non viene considerato il fenomeno del fetch (la superficie di mare aperto su cui spira il vento con direzione e intensità costante ed entro cui avviene la generazione del moto ondoso) così come un mare mosso potrebbe essere stato causato da un vento molto più lontano. Le cifre fra parentesi indicano l’altezza massima probabile.

FORZA
BEAUFORT

VELOCITA’
IN NODI

VELOCITA’ 
IN KM/H

DESCRIZIONE 
DEL VENTO

ALTEZZA DELLE ONDE IN METRI

ALTRI EFFETTI AMBIENTALI

0

<1

<1

Calma

--- (il mare è uno specchio)

Il fumo sale verticalmente

1

1-3

1-5

Bava di vento

0.1 (0.1)

Il fumo devìa leggermente

2

4-6

6-11

Brezza leggera

0.2 (0.3)

Si muovono le foglie

3

7-10

12-19

Brezza tesa

0.6 (1)

Si agitano foglie e piccoli rami

4

11-16

20-28

Vento moderato

1 (1.5)

La polvere si solleva

5

17-21

29-38

Vento teso

2 (2.5)

Anche gli arbusti oscillano

6

22-27

39-49

Vento fresco

3 (4)

Si agitano i grandi rami, i fili sibilano

7

28-33

50-61

Vento forte

4 (5.5)

Si muovono interi alberi, difficile camminare controvento

8

34-40

62-74

Burrasca

5.5 (7.5)

Non si riesce a camminare controvento. Si spezzano i rami

9

41-47

75-88

Burrasca forte

7 (10)

Camini e tegole vengono divelti

10

48-55

89-102

Tempesta

9 (12.5)

Alberi sradicati, ingenti danni alle abitazioni

11

56-63

103-117

Tempesta violenta

11.5 (16)

Devastazioni gravi

12

64 e oltre

118 e oltre

Uragano

14 (-)

Edifici e manufatti distrutti