Immagine Webcam - Cogoleto (Genova)
Webcam al Rifugio Prato Rotondo di Cogoleto, panorama nella provincia di Genova (GE), in Liguria.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI
Immagine Le lepri bianche con le racchette cambiano colore troppo presto
La lepre bianca appartiene a quelle specie a distribuzione cosiddetta boreo-alpina o artico-alpina,... Leggi tutto...
Immagine La neve in Irpinia e i record nevosi dei rilievi irpini
Le grandi nevicate avvenute questo inverno in Irpinia, come nell’inverno 2012 e in tanti altri... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Orosei (Nuoro)
Webcam ad Orosei, in provincia di Nuoro (NU), nella meravigliosa Sardegna.
Immagine Webcam - Bonorva (Sassari)
Webcam a Bonorva (SS), provincia di Sassari. Regione Sardegna.
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Teramo
In provincia di Teramo ci troviamo sul versante orientale dell'Appennino abruzzese, con vallate che... Leggi tutto...
Immagine Previsioni meteo Molise - Mappe grafiche dettagliate delle 24 ore
Le previsioni meteo per la regione Molise. Il tempo atteso per i prossimi giorni. Riassunto nelle... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

Come sarebbe il clima se la Terra ruotasse nell'altra direzione?

Come sarebbe il clima se la Terra ruotasse nell'altra direzione?

Il clima se la Terra girasse al contrarioCome c'è da immaginarsi il clima della Terra sarebbe modellato in modo molto diverso se il nostro pianeta ruotasse nella direzione opposta, secondo un recente studio al Max Planck Institute for Meteorology ad Amburgo, in Germania.

Florian Ziemen, autore principale dello studio, e i suoi colleghi hanno condotto una simulazione al computer simulando l'atmosfera per un periodo corrispondente a 7000 anni, che ha invertito alcuni processi fisici chiave che risultano dall'effettiva direzione rotazionale della Terra. Il modello ha rivelato una Terra a rotazione retrograda con caratteristiche drasticamente diverse, tra cui correnti oceaniche dirottate, un'ondata di cianobatteri e una ridistribuzione delle terre del deserto, come il deserto del Sahara.

Questi risultati sono stati presentati all'Assemblea generale annuale della European Geosciences Union (EGU) a Vienna, in Austria. Nella loro simulazione, il team di ricerca di Ziemen ha dapprima "fermato" tutti i movimenti di acqua e aria, quindi ha invertito la direzione della Terra e quindi della forza di Coriolis, facendo ruotare in senso orario, anziché in senso antiorario, qualsiasi sistema di bassa pressione nell'emisfero nord. Anche il percorso quotidiano del sole è stato invertito nel modello del computer, facendolo naturalmente sorgere ad ovest e tramontare ad est.

I risultati sono stati intriganti.Invece di fluire da ovest a est, il flusso del getto era da est a ovest, rendendo sostanzialmente il clima sulla costa orientale degli Stati Uniti equivalente a quello della costa occidentale oggi, con condizioni più temperate grazie a un flusso persistente al largo dell'Oceano Atlantico tutto l'anno. Nello stesso tempo inverni molto più rigidi in tutta l'Europa occidentale, poiché i venti zonali diventano orientali e trasportano in questo caso aria fredda dalla Russia verso la regione. Deserto del Sahara scomparso nella simulazione di Ziemen, con il Medio Oriente che riceve molte precipitazioni. Al contrario, gli Stati Uniti sudorientali e le grandi porzioni del Brasile e dell'Argentina sono trasformati in deserti; queste aree in genere invece ricevono abbondanti precipitazioni sulla Terra attuale. Un totale di 4,2 milioni di miglia quadrate in meno di deserto esiste in questa simulazione rispetto a ciò che si trova sulla Terra reale.


Nella figura sopra i colori indicano diversi tipi di clima. Nella simulazione i tropici sono rimasti caldi e umidi (rosso) ma i deserti (giallo) si sono formati principalmente nelle Americhe, non dominando più il Nord Africa e il Medio Oriente. I colori scuro e azzurro mostrano che l'Europa occidentale è diventata molto più fredda rispetto al pianeta reale.

La Terra che ruota all'indietro (da est verso ovest) mostra anche un'ondata di cianobatteri nell'Oceano Indiano settentrionale. La combinazione di questa circolazione inversa e di un'alta produzione biologica in quella regione ha causato bassi livelli di ossigeno a maggiori profondità, rendendo invece necessario per i microrganismi consumare nitrati. Poiché i cianobatteri non hanno bisogno di nitrati e l'acqua risultante ha bassi livelli di nitrati, è stato possibile per i cianobatteri diventare i produttori biologici dominanti attraverso un'ampia fascia oceanica dove l'acqua depurata dalle sostanze nutritive ha raggiunto la superficie. "Anche se lo sviluppo di cianobatteri si verifica frequentemente sul pianeta reale, resta di dimensioni relativamente ridotte", ha osservato Ziemen.La Terra che ruota in modo retrogrado può sembrare un posto migliore per alcuni, specialmente con deserti molto più piccoli, ma dipende da dove vivi."Se ti trovi nell'Europa occidentale, stai molto meglio con [la vera] Terra perché sulla Terra retrograda lì farebbe molto freddo", ha detto Ziemen.

A cura di Dario De Santis
Fonte: wunderground.com

Stampa