Immagine Il Cavaliere delle rose e delle nuvole - A. Venditti
C'era molta attesa riguardo all'uscita del libro di Annalisa Venditti su . Centrometeo ha seguito il "dietro le quinte" di questa avventura... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Come nascono i terremoti
I cosiddetti terremoti tettonici costituiscono la gran maggioranza degli eventi sismici e hanno... Leggi tutto...
Immagine Altezza geopotenziale e mappe meteorologiche
Tra i parametri fisici più nominati quando si ascoltano le previsioni del tempo o si dà... Leggi tutto...
Immagine Dal cuore dell'Umbria una collaborazione con App, dati e stazioni!
è una realtà ormai consolidata nel panorama meteorologico nazionale. Si tratta infatti di uno dei... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine NAVGEM 850hPa Temp - MSLP
Navgem, il nuovo modello fisico matematico della Marina Militare Americana. Pressione a livello del... Leggi tutto...
Immagine GFS 850hPa RH Italia
GFS 850hPa RH, dal modello americano l'umidità relativa prevista e il geopotenziale a 850hPa... Leggi tutto...

Campania, Ottobre 2015: il respiro piovoso del Sud-Ovest

Campania, Ottobre 2015: il respiro piovoso del Sud-Ovest

Piogge e alluvioneIn questo ottobre 2015 molto piovoso in Campania, spiccano il settore tra l'alto salernitano e l'Irpinia occidentale dove ogni evento perturbato ha portato localmenteaccumuli a 3 cifre (grazie all'effetto stau massivo esercitato dall'appennino campano sia alle umide correnti occidentali, che meridionali, che ne fanno del luogo una delle aree più piovose della Campania e dell'Italia).

Si ricordano per la zona la depressione africana dell'11 ottobre che scaricò fino a 180 mm in aree di pianura dell'Alto salernitano (Nocera Inferiore).

Poi ancora con ACCUMULI A 3 CIFRE sull'area tra bassa irpinia e alto salernitano tutte le perturbazioni atlantiche successive, del periodo tra metà e fine ottobre (il 20 ottobre quasi 130 mm a Salerno).

Infine l'ultima depressione mediterranea del 29/30 ottobre che ha portato accumuli complessivi fino a 150/160 mm sull'alto salernitano con eventi alluvionali in tutta la valle dell'Irno, fiumi in piena e colate di fango a Calvanico (SA).

La tenacia di questo settore nel raggiungere accumuli a 3 cifre a ogni perturbazione è riscontrata in pochissime altre zone d'Italia, tutte esposte bene alle piovose correnti sud occidentali (parliamo delle Alpi Giulie nel Nord Est Friulano che chiudono a Nord Est la zona famosa di Musi, l'alta Toscana, e il centro/levante ligure (che risulta essere molto più piovoso rispetto al settore di centro/ponente ligure).

Insomma le aree più piovose d'Italia si trovano nelle zone dove giungono bene sia le piovose correnti da ovest che quelle da sud.

In questi settori gli accumuli a 3 cifre possono raggiungersi a ogni evento perturbato.

Queste grandi piogge in Campania hanno causato anche eventi alluvionali come quelli nell'area di Benevento dove il 14 ottobre Campoli del monte Taburno si avvicinò su valori prossimi ai 300 mm e superando i 250mm in meno di 6 ore.

Per concludere ricordiamo l'evento di Anacapri sull'isola che il 20 ottobre registrò quasi 200mm in meno di 5 ore.

A cura di Pierpaolo Gaudieri, fonte dati: Campania live

Stampa