Immagine Meteo e Clima in Provincia di Cagliari
Meteo e Clima in Provincia di Cagliari, le previsioni del tempo per tutti i comuni
Immagine Webcam - Badesi (Olbia Tempio)
Webcam a Badesi centro (OT) e vista panoramica verso WNW di Castelsardo e Golfo dell'Asinara,... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Chamois (Aosta)
Webcam Chamois, panoramica a più di 2000 metri, Aosta, regione Valle d'Aosta. Su centrometeo solo... Leggi tutto...
Immagine Le falde acquifere: un bene prezioso da difendere
Le falde acquifere: un bene prezioso da difendere, ma soggette a inquinamento.
Immagine Il ruolo dell'orografia nelle precipitazioni nevose
L'orografia ha un ruolo fondamentale sulle precipitazioni nevose. In questo capitolo, tratto da un... Leggi tutto...
Immagine WRF Wind Gust (tuscia-orvietano)
Modello WRF con la mappa tuscia-orvietano dei venti a 10 metri. La peculiarità di questa carta è... Leggi tutto...
Immagine Spaghetti Ensemble di Sassari
Modello americano GFS con spaghetti Ensemble. Geopotenziale a 500hPa e temperatura a 850hPa. La... Leggi tutto...

Analisi climatologica Febbraio 2013, Milano e Bologna

Analisi climatologica Febbraio 2013, Milano e Bologna
 

Accumuli nevosi notevoli a Bologna dopo il pesante affondo freddo del 23-25

Febbraio 2013 è stato un mese in puro stampo invernale per tutte e due le città, infatti Milano ha subito un’anomalia termica di -1.46°C, mentre Bologna -1.40°C.

Quest’ultima è stata estremamente simile (un dato che non ha eguali da quando faccio il confronto mensile!), sintomo che è stato un mese freddo allo stesso modo per tutte e due le città.

Diverso discorso dal punto di vista pluviometrico: sebbene distino poco più di 200 km, le due metropoli hanno avuto andamenti diametralmente opposti.

Milano ha ricevuto 46.7 mm (-23%) e, nonostante i sei giorni di neve, ha accumulato poco (spesso neve mista o al più spolverate).

Bologna invece prosegue nel suo trend di straordinaria surplus pluviometrico invernale: dopo il gennaio più piovoso degli ultimi 30 anni per l’Emilia Romagna, febbraio è stato altrettanto eccezionale: 133.7 mm misurati a Porta San Felice (contro una media mensile di 43) con ben 15 giorni precipitativi (di cui 12 di neve!).

La nevicata più importante è stata quella del 21-22-23 febbraio, un episodio veramente notevole sia per la stagione invernale oramai avanzata sia per l’intensità: l’accumulo a Bologna città variava da 25 a 35 cm, in pianura oltre 40 e sui colli si passa di gran lunga il mezzo metro.

Tutto questo manto bianco è durato poco a terra (per fortuna o meno, dipende dai punti di vista), perché le temperature massime si sono subito impennate oltre 7-8°C e ha anche piovuto due giorni.

Come bellezza dei cieli, tutte e due mi hanno offerto un episodio allettante. Milano il 3 febbraio, complice ingresso deciso di correnti da nord, mi ha fatto godere sia di una visibilità eccezionale su tutto il nord, sia di stratificazioni che, al calar del sole, hanno assunto colori suggestivi.

Bologna dal canto suo ha “partorito” ancora una volta il primo temporale dell’anno: il 17, infatti, una piccola cella isolata s’è sviluppata nel basso ravennate e s’è spostata un poco verso ovest, colpendo Bologna in pieno.

Certo, niente a che vedere con gli spettacoli che la primavera riesce a offrire, ma sentire un tuono per il sottoscritto è sempre un’emozione stupenda!

 

Stupenda giornata il 3 febbraio su Milano, con aria dal sapore primaverile e colori variopinti

Temporalino del 17 febbraio su Bologna

Stupenda giornata il 3 febbraio su Milano, con aria dal sapore primaverile e colori variopinti.

Temporalino del 17 febbraio su Bologna: purtroppo visuale pessima (lontana dei parsec da quella di casa mia a Milano).

Accumuli nevosi notevoli a Bologna dopo il pesante affondo freddo del 23-25


Accumuli nevosi notevoli a Bologna dopo il pesante affondo freddo del 23-25: qui ero già al giorno 26, dopo una notte di pioggia e la mattinata di sole deciso (i cumuli erano ben superiori!)




Davide Santini