Immagine Radiosondaggi di Imperia (WRF)
Radiosondaggi previsti sulla città di Imperia con il modello wrf.

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Guida Pratica al Meteo per l'Escursionista - Marco Virgilio
Pensato per tutti gli appassionati delle montagne friulane che vogliono affrontare le loro uscite... Leggi tutto...
Immagine Meteorologia, Volume 4 - La circolazione atmosferica: dalla grande scala al Medi...
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera... Leggi tutto...
Immagine Meteogramma di Grosseto (WRF)
La previsione dei parametri atmosferici raffigurati in un'unica mappa che prende il nome di... Leggi tutto...
Immagine WRF MSLP 6hSnow (centro-nord) - ARW
Mappa Centro-Nord Italia del modello WRF ARW con l'altezza dello zero termico e l'accumulo di neve... Leggi tutto...
Immagine Analisi climatologica Giugno 2013, Milano e Bologna
Il primo mese dell’estate 2013 ha avuto una peculiarità: nonostante l’andamento termico e... Leggi tutto...
Immagine Il parco dell'Etna e il deserto vulcanico
Paesaggi incantevoli, meraviglia della Natura. Difficile trovare aggettivi per descrivere il... Leggi tutto...

GIOVE: la macchia rossa destinata "presto" a scomparire?

GIOVE: la macchia rossa destinata "presto" a scomparire?

La Grande Macchia Rossa di Giove il 28 febbraio 2019 (NASA)Durante la scorsa settimana (ultima del mese di Maggio 2019, ndr) astrofili di tutto il mondo hanno visto alcune attività insolite attorno alla tempesta più grande e più lunga del sistema solare, conosciuta come la Grande Macchia Rossa (GRS). Le vorticose nuvole rosse che hanno imperversato sul pianeta gigante per secoli sono state individuate formando "eliche" lungo i bordi della tempesta, con forme simili a delle "pale" che si allontanano e alla fine si dissolvono.

Nella foto, la sonda spaziale Juno della NASA, attualmente in orbita attorno a Giove, ha catturato la Grande Macchia Rossa il 28 febbraio 2019. Al margine sinistro della tempesta, una regione vecchia di 400 anni viene vista mescolarsi con la nube di gas circostante (NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS/Björn Jónsson).

"Questo è un territorio molto inesplorato", ha detto Glenn Orton, scienziato senior del Jet Propulsion Laboratory della NASA che studia Giove. "Non l'abbiamo mai visto prima." La Grande Macchia Rossa è enorme - circa 13000 chilometri di diametro - ed è lì da almeno 400 anni. Ma decenni fa poteva contenere tre Terre al suo interno. Ora, ha la dimensione di una sola Terra. L'artista e astronomo Étienne Trouvelot disegnò Giove e la Grande Macchia Rossa nel 1880. La tempesta era chiaramente molto più grande di quanto non lo sia oggi. Orton ha infatti dichiarato che i primi disegni e le immagini di Giove, risalenti al 1870, mostravano una tempesta che assomigliava più a una "grande salsiccia rossa".

Dalle immagini agli infrarossi Giove rivela la striscia a spirale della Grande Macchia Rossa che si sta estendendo ("fuoriuscendo") dalla tempesta. Ciò che è inusuale, ha detto Orton, è che questa "linea visibilmente oscura" sta interessando il pianeta per la prima volta. Lo spazio tra quella banda e l'ovale - o il corpo principale - della tempesta potrebbe consentire ad altri vortici di entrare, il che a loro volta "intrappolano" alcune delle nuvole del GRS.


Christopher Go, un astronomo dilettante di Cebu City, nelle Filippine, ha catturato immagini di una parte della tempesta il 26 e 27 maggio. "L'ovale è ... come materiale "sanguinante" dal GRS", ha detto Go, spiegando il processo che sta trasformando la tempesta. "Questo materiale ruota attorno al GRS in senso antiorario mentre va verso sud del GRS e ciò si prevede possa distorcere il GRS, causandone probabilmente un ulteriore restringimento". Orton ha detto di apprezzare molto queste osservazioni da parte di astronomi dilettanti, come Go, in quanto aiuta quelli professionisti a catturare cose che altrimenti passerebbero il più delle volte inosservate.

Gli astronomi professionisti, oltre a non poter ovviamente osservare tutto, hanno anche bisogno di prenotare in anticipo l'utilizzo dei grandi telescopi del mondo, come il telescopio spaziale Hubble, e i momenti persi possono essere preziosi. "La comunità amatoriale è l'unica risorsa che ottiene le misurazioni di Giove", ha detto Orton. "Fanno un monitoraggio continuo." "In ogni momento, c'è qualcuno, da qualche parte nel mondo, che sta osservando Giove", ha aggiunto Go. "Questo ci aiuta davvero nella nostra comprensione a lungo termine del pianeta."Gli scienziati non possono dire con certezza quando la Grande Macchia Rossa si assorbirà completamente, ma Orton ha detto che nelle ultime due settimane ci sono state stime che la Grande Macchia Rossa si sia già ridotta del 5-15%...

Fonte: theweathernetwork.com

Stampa