Immagine Meteorologia, Volume 3 - Le masse d'aria e le loro caratteristiche fisiche
Da professionista, dopo un percorso di studi universitario mirato alla conoscenza dell’atmosfera e un lavoro che mi ha fatto vestire i panni di docente e di... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine QUELL’ANTICICLONE RUSSO SULL’EST EUROPEO
Negli ultimi aggiornamenti abbiamo parlato della vastità del campo anticiclonico che nelle ultime... Leggi tutto...
Immagine Trombe d'aria e tornado spiegati dal Capitano Paolo Sottocorona
La “tromba” è una colonna d’aria, visibile o meno, che ruota violentemente al di sotto di... Leggi tutto...
Immagine Radar parte Centro-Orientale del Nord d'Italia
Mappa Radar a cura di ARPAV-CMT, con monitoraggio di parte dell'Italia centro-orientale del... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Saint Nicolas (Aosta)
Webcam in località Saint Nicolas, nel comune di Aosta, regione Valle D'Aosta.
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Matera
La provincia di Matera è dal punto di vista geografico divisa in due tipologie, una pianeggiante... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Novara
La provincia di Novara si estende fra i fiumi Sesia e Ticino, che delimitano il confine occidentale... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Prima Decade Gennaio 2019: l'Inverno scalda i muscoli...!

Lunedì 31 Dicembre 2018 00:00

Prima Decade Gennaio 2019: l'Inverno scalda i muscoli...!

La stagione invernale fin ad ora ci ha regalato rare emozioni, con fasi fredde in attenuazione velocemente. Molti gli episodi di favonio al Nord, con valori termici elevati e giornate limpidissime con visibilità ottima, tipiche di questo fenomeno. Non sono mancate le nebbie nei fondi valle ed in Val Padana, ma subito ricacciate dai venti settentrionali. E' mancato il freddo, salvo un breve episodio, non è mancata sicuramente l'Alta pressione sempre vigile sul territorio italico. Le perturbazioni deviate verso il Nord Europa, qualche frangia verso il Mediterraneo. Il freddo arriverà nei primi giorni di Gennaio, ma interesserà maggiormente il Versante Adriatico ed il Sud. Qui ritroveremo fenomeni nevosi a quote basse ed un calo termico deciso (periodo 1-2 Gennaio). Irruzione fredda smorzata sul Versante tirrenico e al nord Ovest: qui sarà la Catena alpina a contenere il calo termico, grazie anche alla ricaduta favonica. Anzi, per il 2 Gennaio ci attendiamo un temporaneo, ma generale rialzo nei valori massimi, per poi crollare di nuovo in serata a partire dalle regioni settentrionali.


Infatti, la nuova elevazione dell'Alta pressione oceanica smuoverà un altra massa d'aria gelida verso il Mediterraneo, con target Penisola Balcanica. Ancora soprattutto il versante Adriatico ed il Sud sperimenterebbero fenomeni nevosi fino a quote basse e molto basse, localmente in pianura, a secco ancora il resto della penisola (indicativamente 3-6 Gennaio). Il riscaldamento stratosferico dopo l'Epifania potrebbe portare alla bilocazione del Vortice Polare, con conseguenze ancora tutte da valutare. L'iniezione di aria calda ai "piani alti" ed il trasferimento a quelli più "bassi" non è ancora certo. Se la nuova massa in discesa verso il Mare Nostrum fosse agganciata da una perturbazione atlantica, la stagione invernale farebbe il colpaccio... Ne riparliamo... il prossimo anno!

Per i dettagli, vai alle previsioni per oggi, domani, oppure al METEO SETTIMANALE » Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato, Domenica.

Attenzione! Ricordiamo che quella descritta è solo una stima di tendenza generale, un'indicazione di massima. Occorre aggiornarsi quotidianamente, seguendo le previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona e tenendo sempre presente la nostra Guida pratica alle previsioni del tempo, le avvertenze e le modalità d'uso riportate in calce alla nostra sezione meteo-città.

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS


A cura di Fabio Porro

Stampa