Immagine Aprile 2014 al 10° posto fra i più caldi dal 1800
Prosegue il trend anomalo termico, per alcune regioni italiane, che "bissano" i dati dei mesi precedenti.Le elaborazioni mensili del ISAC-CNR confermano il... Leggi tutto...
Video rubrica Tempo al Tempo

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Iscriviti al nostro canale Youtube!

Immagine WRF 6hSnow (ita) - ARW - ECM - Lamma
Mappa Lamma modello WRF-ARW su dati ECM con accumulo della eventuale neve sull'Italia
Immagine GENS 500hPa StD
Ensemble GFS che rappresenta l'altezza geopotenziale a 500hPa con la media di 21 membri e la loro... Leggi tutto...
Immagine LE «PREVISIONI» FACILI SU GELO E NEVE
Care lettrici e cari lettori, negli ultimi giorni i media hanno riportato la notizia che avremmo... Leggi tutto...
Immagine Una roccia gigante più antica dell'umanità
Un vero e proprio gigante da 1.000 tonnellate che risiede all'Aeroporto Internazionale LaGuardia.... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Massa Carrara
La provincia di Massa-Carrara si suddivide convenzionalmente in due zone principali, distinguibili... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Oceania
Oceania è il continente che annovera Polinesia, Melanesia, Micronesia, Australia e Nuova Zelanda.... Leggi tutto...

Le ultimissime dal Televideo RAI

Anteprima Televideo RAI

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Ultima decade Febbraio 2017: verso una mesta chiusura dell'inverno

Domenica 19 Febbraio 2017 00:00

Ultima decade Febbraio 2017: verso una mesta chiusura dell'inverno

Gli ultimi aggiornamenti dei Modelli Matematici non danno ormai più nessuna speranza al ritorno a condizioni invernali estreme. La stagione si è giocata tutte le sue carte al Centro-Sud, mentre al Nord ha riservato un periodo freddo e con poche precipitazioni. Precipitazioni nevose che hanno interessato maggiormente nei pochi episodi il Piemonte, con buoni accumuli a basse quote. Neve che purtroppo ha causato danni e vittimi nel Centro Italia, e nelle zone già colpite dal terremoto dell'Agosto 2016. Inverno Meteorologico con poca neve sulle Alpi nel periodo natalizio, freddo per un paio di settimane dopo l'Epifania e accumuli enormi nevosi sugli Appennini e le zone circostanti. Grande presenza dell'Alta pressione oceanica per buona parte della stagione invernale e rari passaggi instabili verso il bacino del Mediterraneo. E' anche mancata l'interazione tra aria fredda presente per più giorni e l'arrivo di qualche "coraggiosa" perturbazione atlantica. Diciamolo: per "fare" l'Inverno bisogna avere molto ingredienti, e tanti ne sono mancati all'appello.

Anche nei prossimi giorni avremo il dominio dell'Alta pressione, stabilità, buon soleggiamento e clima diurno molto mite. Il flusso mite occidentale attraverserà buona parte del vecchio Continente, portando sulla nostra Penisola molta mitezza, qualche annuvolamento verso le Regioni Tirreniche con locali pioviggini specie Mercoledì e Giovedì, qualche nebbia e foschia in pianura.  Debole instabilità al Centro-Sud tra Giovedì e Venerdì 24 Febbraio poi migliramento e per una seria perturbazione dovremo almeno aspettare la prossima settimana.Dunque l'Inverno si congeda mestamente senza più "ferire", anche se specialmente la prima parte della Primavera (che inizia, come convenzione meteorologica, il primo Marzo) può ancora riservare sorprese di stampo invernale.

Ricordiamo che si tratta di una stima di tendenza generale, piuttosto attendibile presa come indicazioni di massima, ma mai da mettere "in tasca" senza aggiornarsi quotidianamente! Seguite le nostre previsioni giornaliere, le mappe ed il nostro Capitàno Paolo Sottocorona!

 

Mappa con i principali parametri atmosferici, modello GFS

Fabio Porro

Stampa