Immagine Il modello europeo ECMWF: un mostro del calcolo numerico
sta per "European Center Medium Weather Forecast", cioè, appunto, "Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine". ECMWF è conosciuto in... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Stau e Foehn sulle Alpi: quando un'immagine vale più di mille parole (a parte q...
Il meccanismo che produce il föhn è semplice: l'aria umida, incontrando le montagne, è costretta... Leggi tutto...
Immagine Fulmini GLOBULARI: cronistoria di un evento rarissimo
Acquapendente (VT). Siamo nella prima parte della mattinata dell'11 Settembre 2014, precisamente... Leggi tutto...
Immagine WRF MTS (Mean Thunder Storm) e Hail Index (ita) - ARW
L'indice MTS (Mean ThunderStorm Index) per l'Italia, probabilità dei fenomeni intensi e con... Leggi tutto...
Immagine Radiosondaggi di Parma (WRF)
Parma e i radiosondaggi previsti dal modello ad alta risoluzione WRF-NMM
Immagine Webcam - Ostuni (Brindisi)
Webcam da mozzare il fiato ad Ostuni, in provincia di Brindisi (BR), regione Puglia.
Immagine Webcam - Campocatino (Frosinone)
Webcam a Campocatino, all'interno del territorio del comune di Guarcino, al confine con l'Abruzzo... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Ancora tempo instabile, in attesa di un eventuale sussulto invernale

Sabato 15 Febbraio 2014 00:00

Ancora tempo instabile, in attesa di un eventuale sussulto invernale


La stagione invernale sta volgendo al termine, e salvo qualche raro episodio di neve a quote basse, il freddo si è mantenuto molto a distanza dalla nostra Penisola.Non possiamo certo paragonare questa stagione a quella degli anni '90, dove spesso il grande protagonista era l'Anticiclone delle Azzorre, e perfino la neve la grande assente.Per lo meno la stagione invernale 2013-2014 ha avuto il grande merito, attraverso i numerosi passaggi perturbati atlantici, di innevare le nostre Alpi mai come gli ultimi anni. In alcune località alpine, gli accumuli nevosi superano i 2 metri, in alcuni rifugi lombardi perfino i 4 metri.

Giunti a metà mese, la circolazione non subirà grossi cambiamenti, e sarà sempre l'Atlantico dominare la "scena" europea e anche italiana.Anche se la "giostra" delle perturbazioni atlantiche subirà un lieve rallentamento, avremo ancora due significati passaggi perturbati, sempre di stampo autunnale.Il primo tra Domenica 16 e Lunedì 17 che interesserà solo il nord, con precipitazioni moderate, tra Liguria nonchè sui settori alpini e prealpini delle Alpi Lombarde, il secondo più debole, tra Martedì 18 e Mercoledì 19, con interessamento stavolta anche del Sud. La quota neve, unica nota positiva, si attesterà attorno ai 800 metri, lungo l'arco alpino centro-occidentale, oltre i 1000 metri di quota su Alpi Friulane e Venete.


La depressione islandese continuerà senza sosta a "sfornare" ancora perturbazioni verso il Continente europeo, mentre il Vortice Polare resterà compattato ed integro ancora per giorni.Alcuni modelli previsionali, tra cui l'europeo ECMWF, danno una "speranza" a questo Inverno ormai giunto alla fine del suo percorso stagionale, verso l'ultima decade di Febbraio.L'Alta pressione oceanica proprio a fine mese, potrebbbe spingersi verso l'alto Atlantico, favorendo così una discesa di aria fredda verso l'Europa centrale. Il " forcing" dell'alta pressione atlantica, favorirebbe così la discesa di correnti da nord-est, causando un marcato peggioramento sulle nostre regioni centro-meridionali e un calo delle temperature sensibile.

L'avvio della stagione primaverile è imminente, e le "speranze" di un sussulto invernale rimangono "appese" ad un filo.Il cambio circolatorio atteso per fine mese, potrebbbe non realizzarsi, a favore nuovamente di un ritorno a condizioni di stampo atlantico-autunnale, o perfino a condizioni anticicloniche.A conclusione del mio editoriale, vi accludo la mappa previsionale di pressione e geopotenziali a 5000 metri attesi per il primo Marzo.

Pressione e geopotenziali previsti per il primo Marzo 2014


Fabio Porro

Stampa