Immagine I più grandi eventi meteorologici della storia - Paolo Corazzon
: cosa si nasconde dietro al mito del Diluvio Universale? Quanto incisero le condizioni meteorologiche sullo sbarco degli alleati in Normandia? Come si svolse... Leggi tutto...

Il VIDEO-METEO del Capitano Sottocorona

Immagine Come interpretare e usare le previsioni del tempo
Il bagaglio meteo-culturale dell’italiano medio ed il suo approccio ad una previsione meteo,... Leggi tutto...
Immagine Meteo e Clima in Provincia di Modena
Come spesso succede in Emilia-Romagna, anche la provincia di Modena è divisa sostanzialmente in... Leggi tutto...
Immagine Webcam - Trani (Barletta Andria Trani)
Webcam a Trani, in provincia di Barletta Andria Trani (BT), regione Puglia.
Immagine Webcam - Biella (Biella)
Webcam Biella (BI), bellissima panoramica nella regione Piemonte.
Immagine Radiosondaggi di Trieste (WRF)
Radiosondaggi previsti sulla città di Trieste con il modello wrf
Immagine WRF MTS (Mean Thunder Storm) e Hail Index (ita) (ita - backup)
L'indice MTS (Mean ThunderStorm Index) per l'Italia con la probabilità dei fenomeni intensi e con... Leggi tutto...

ESTREMI METEO OGGI. RETE LMT

*** ESTREMI METEO PREVISTI ***

Ancora tempo instabile, in attesa di un eventuale sussulto invernale

Sabato 15 Febbraio 2014 00:00

Ancora tempo instabile, in attesa di un eventuale sussulto invernale


La stagione invernale sta volgendo al termine, e salvo qualche raro episodio di neve a quote basse, il freddo si è mantenuto molto a distanza dalla nostra Penisola.Non possiamo certo paragonare questa stagione a quella degli anni '90, dove spesso il grande protagonista era l'Anticiclone delle Azzorre, e perfino la neve la grande assente.Per lo meno la stagione invernale 2013-2014 ha avuto il grande merito, attraverso i numerosi passaggi perturbati atlantici, di innevare le nostre Alpi mai come gli ultimi anni. In alcune località alpine, gli accumuli nevosi superano i 2 metri, in alcuni rifugi lombardi perfino i 4 metri.

Giunti a metà mese, la circolazione non subirà grossi cambiamenti, e sarà sempre l'Atlantico dominare la "scena" europea e anche italiana.Anche se la "giostra" delle perturbazioni atlantiche subirà un lieve rallentamento, avremo ancora due significati passaggi perturbati, sempre di stampo autunnale.Il primo tra Domenica 16 e Lunedì 17 che interesserà solo il nord, con precipitazioni moderate, tra Liguria nonchè sui settori alpini e prealpini delle Alpi Lombarde, il secondo più debole, tra Martedì 18 e Mercoledì 19, con interessamento stavolta anche del Sud. La quota neve, unica nota positiva, si attesterà attorno ai 800 metri, lungo l'arco alpino centro-occidentale, oltre i 1000 metri di quota su Alpi Friulane e Venete.


La depressione islandese continuerà senza sosta a "sfornare" ancora perturbazioni verso il Continente europeo, mentre il Vortice Polare resterà compattato ed integro ancora per giorni.Alcuni modelli previsionali, tra cui l'europeo ECMWF, danno una "speranza" a questo Inverno ormai giunto alla fine del suo percorso stagionale, verso l'ultima decade di Febbraio.L'Alta pressione oceanica proprio a fine mese, potrebbbe spingersi verso l'alto Atlantico, favorendo così una discesa di aria fredda verso l'Europa centrale. Il " forcing" dell'alta pressione atlantica, favorirebbe così la discesa di correnti da nord-est, causando un marcato peggioramento sulle nostre regioni centro-meridionali e un calo delle temperature sensibile.

L'avvio della stagione primaverile è imminente, e le "speranze" di un sussulto invernale rimangono "appese" ad un filo.Il cambio circolatorio atteso per fine mese, potrebbbe non realizzarsi, a favore nuovamente di un ritorno a condizioni di stampo atlantico-autunnale, o perfino a condizioni anticicloniche.A conclusione del mio editoriale, vi accludo la mappa previsionale di pressione e geopotenziali a 5000 metri attesi per il primo Marzo.

Pressione e geopotenziali previsti per il primo Marzo 2014


Fabio Porro

Stampa